Amantea, il lutto pasquale sulla barca

amantea Lutto corone Spaccati di antropologia amanteana
Antiche usanze marinare a Pasqua

Quel drappo nero a lutto sulle barche
dalla Passione alla Risurrezione.

Alcuni spaccati di costume marinaro, un tempo praticati da pochi, non sono entrati a far parte del patrimonio di ricordi di tutti, ma nicchia di memoria dei pochi che tale ambito hanno vissuto o ascoltato nelle memorie familiari.
amantea Lutto 1955Sulle usanze relative al lutto ad Amantea sappiamo praticamente tutto:
l’abbigliamento, il bottone, la striscia al bavero, la fascia al braccio, la cravatta, la fascia/verniciatura sulla porta, la striscia/verniciatura sull’architrave dell’ingresso, il medaglione per donna, la barba incolta per lungo tempo, l’oscuramento di radio e televisione, l’annullamento di qualsiasi formaamantea Lutto 1969 d’intrattenimento, la riduzione alimentare nelle feste, il sostegno alimentare dei parenti nei giorni contati, il graduale ritorno alla normalità (lentissimo per le donne).
Quanto sopra era costumanza diffusa e praticata in tutti gli strati sociali popolani.
Ve n’era una praticata abitualmente da tutti i pescatori in ambito della marineria, ovvero quella di pitturare una striscia nera unica sulla parte alta della murata della barca. Era praticamente perenne e non veniva più amantea Lutto coronecancellata per tutta l’esistenza della barca.
Nel periodo pasquale era molto diffusa l’usanza di inforcare la corona di spine usata durante le Varette nella paramella della barca (asse verticale estrema prora); a volte più d’una corona.

La pratica dell’usanza oggetto di questa pagina, invece, era attuata a Pasqua da pochissimi pescatori proprietari di barca, quelli con maggior trasporto di fede. Le barche, a secco sulla spiaggia, in quel periodo dell’anno sono posizionate a distanza di sicurezza dal mare considerando la stagione invernale, e portate nella parte più alta in caso di cattivo tempo.
Coloro che praticavano il rito di fede che segue portavano comunque la barca in alto in quei giorni a significare che l’imbarcazione era ferma, indisponibile per la pesca perché in lutto.
La particolare usanza consisteva in una fascia di stoffa nera che avvolgeva la parte alta della murata per un metro da ambo i lati (a destra e sinistra della paramella).
Questo segno di lutto rimaneva fissato sul battello dalla Passione del Venerdì Santo alla Risurrezione, giorno in cui il drappo nero veniva tolto.


E’ questa usanza oggi ignota a quasi tutti gli stessi discendenti della marineria considerandone la scarsa pratica in passato e la trasmissione orale praticamente inesistente.

A ben guardare ha qualcosa di simile all’Affruntata che si celebra nelle province calabresi “ulteriori”. In tale contesto Maria Addolorata entra in scena ammantata di nero fino all’incontro con il Figlio risorto, momento in cui il manto nero le viene sottratto per mostrare il radioso vestito della festa.

Piccole cose di un passato poco vissuto, oggi assolutamente inesistenti, che non sono storia né cultura, che forse vale comunque la pena raccontare.
Antonio Cima 12-03-2015

Aggiungi commento

REGOLAMENTO SUI COMMENTI:
1- i commenti sono sottoposti a restrizioni
2- sono consentiti commenti su soggetti e fatti pubblici
3- saranno esclusi commenti e citazioni impropri di persone e ambiti privati
4- saranno escluse citazioni irridenti o non rispettose di commenti altrui
5- saranno esclusi commenti senza rilevanza di tema
6- è ammessa la forma satirica esclusivamente in relazione a contenuti pubblici
7- solo i commenti che la redazione riterrà conformi a quanto sopra saranno pubblicati

Commenti  

 
#1 FRANCO DANESE 2015-03-14 18:25
Grazie Antonio, per questi piccoli ma importanti usanze marinare..Oggi giorno sono sparite le usanze,le barche ed anche
i marinai..Di quei meravigliosi spettacoli della partenza delle barche colle vele sciolte al vento con fondo un tramonto dipinto di rosso dove faceva capolino un sole biricchino.. solamente UN SOGNO..
che mai piu'si potra' vivere.. Un abbraccio fraterno.-Nota: Conoscevo i 5 marinai della foto, amici di mio padre.----
Citazione
 

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 


 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose


 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

temesa logo
I Luoghi di Temesa

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

petilia santa spina
Riti Pasquali

In Calabria


 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto


amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 




© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA