La Fiera di Amantea raccontata da Sergio Chiatto

Chiatto sergio Trattato storico di Sergio Chiatto

La fiera di “Ognissanti” di Amantea

La fiera di “Ognissanti” di Amantea.

Preziosa opportunita' di sviluppo economico e di promozione turistica del comprensorio[1]

(Il ripristino dell’antica cerimonia d’ investitura del “mastrogiurato”

e il “gemellaggio” con la fiera cosentina di San Giuseppe)

<<Amantea, 1 ottobre 1529. E' ottobre e sono gia' evidenti i segni autunnali. I colori, ormai forti, di un caduco fogliame vestono i gelsi, i fichi e le poche viti che punteggiano qua e la' le rare lingue di terra fertile poste tutt’intorno alla citta' e le pendici delle colline che le fanno da corona. A monte, le masserie della “Fiumara” con gli orti ed i giardini che urge ormai proteggere con le solite “palizzate”, ed il fiume già impetuoso a causa delle prime, abbondanti piogge.

In sommita', maestoso come sempre, e “paterno” quasi, il castello, teatro di gesta eroiche e di atrocita', eletto a simbolo della demanialita' amanteana.

Sulla spiaggia, a ridosso dell’attracco delle imbarcazioni provenienti dai paesi vicini per l’avvenimento e, taluna, ritardataria, da Salerno ancora, carica di merci, un brulicare di attivita', in un vocio ininterrotto di ciurme e di semplici curiosi attorno ai “Regi fundachieri” intenti a pesare con la “statela”, a misurare col “solito tumolo zeccato di Napoli”, a vagliare e ad avanzare pretese, assistiti da soldati e fucilieri. Le poche taverne del posto gia' traboccano di ospiti.

E' un momento importante e gioioso per gli amanteoti. Uno di quei rari frangenti in cui ci si puo' permettere di non dover temere per la propria incolumita'.

Appena l’anno prima, nell’ambito del guerreggiare tra francesi e spagnuoli, ci si era dovuti difendere - con successo, vivaddio! - dagli attacchi dell’esercito di Simone Tebaldi, seguace del Lautrec. Ogni “ostacolo”, ivi compresi gli alberi e i poveri abituri, insistente nei pressi delle mura della citta' era stato rimosso in tutta fretta, per avere una visione completa del campo di battaglia e per non fornire al nemico appigli di sorta.

Ma l’occasione, benche' dolorosa, benche' tristemente evocatrice dell’assedio angioino, del quale non si smetteva di tramandare il brutale epilogo, aveva dato modo agli amanteoti di ribadire al proprio sovrano devozione e fedelta'. E la ricompensa, una volta compiutasi la riconquista spagnola, non si era fatta attendere. Difatti, Carlo V, che già tanta generosita' aveva mostrato, dieci anni prima, nei confronti della “fidelissima (sua) città di Amanthea”, non aveva esitato a concederle altri favori. Tra questi, venendo incontro ad una pressante richiesta della cittadinanza, l’istituzione di una fiera “franca”: con provvedimento emanato nella citta' de L’Aquila nel di' 31 gennaio del “corrente” anno 1529, firmato da Filiberto di Chalon, Principe d’Orange.

E' il primo di ottobre, venerdì, e finalmente si puo' porre ad effetto l’agognata concessione. Stamani, di buon’ora, le campane delle chiese della citta' hanno suonato a distesa e dal castello sono rintronati cupi, ma non minacciosi per una volta, i colpi del cannone per annunciare l’avve- nimento. Eccezionalmente, perché questi fragori solitamente segnano le feste comandate del Santo Natale, della Pasqua di Resurrezione e del Corpus Domini.

Presso il “Fossato”, appena fuori delle mura, nelle vicinanze della porta urbica detta “di Paraporto” e dell’omonimo ponte, ove già si tiene il mercato domenicale per antica concessione, sono convenute le autorita' cittadine, i Reverendi parroci, i confratelli delle scholae del posto vestiti secondo le antiche usanze, i Reverendi P. guardiani dei conventi coi loro confratelli, i chierici beneficiati dei munifici altari di patronato laico appartenenti alle famiglie piu' cospicue di Amantea. Tutti, nobili patrizi, onorati e popolani vestiti a festa, sono accorsi, anche dalle “Terre” e dai “Casali” convicini, per assistere all’apertura delle contrattazioni, che si protrarranno per dieci giorni da oggi.

Il Regio Governatore ha consegnato al Sindaco della città e costui al Mastrogiurato in veste di “Mastro di Fiera” il bastone simbolo del comando e la fiammante bandiera della fiera riccamente ricamata, “con l’armi di S.M. (D.G.) da una parte e di questa fedelissima citta' dall’altra”, che subito e' stata issata su di un alto pennone fra il rullare dei tamburi e le grida di gioia degli astanti.

Il Mastrogiurato avra' davvero un bel da fare! Tutore dell’ordine pubblico per tutto l’anno, egli vigilera' sul buon andamento della fiera sulla quale esercitera' pieni poteri, compreso quello di amministrare giustizia, per tutta la sua durata. Poi renderà conto del suo operato e incassera' il previsto compenso. Ci si aspetta un risveglio economico della città attraverso un allargamento dello scambio di merci, molte delle quali incettate per l’occasione nella famosa fiera di San Matteo in Salerno, appena conclusasi.

Teleria di lino, seta (lavorata e non: Amantea, con Paola e Fiumefreddo, si avvia ad essere uno dei centri maggiori di produzione e smercio in Calabria Citeriore), botti e barili, cuoiame, terrecotte, pentole e padelle. E, poi, fichi secchi, vino, lardo, baccalà, tonnina, alici ed altre derrate, fresche e conservate. E copricapo delle più strane forme, attrezzi per la coltivazione dei campi, animali di varia eta', foggia e destinazione. Sono queste (e tante altre ancora) le mercanzie che prezzolati banditori, gareggiando fra di loro, pongono all’attenzione degli avventori per decantarne i pregi e la convenienza dell’acquisto. Ne' mancano i beni voluttuari, destinati, pero', ai fini palati dei clienti più facoltosi.

Ma altri personaggi, altri suoni oltre quelli dei “gridatori”, dominano la scena. Un religioso con l’immancabile cassetta per la questua; storpi lamentosi intenti a chiedere l’elemosina. Bambini attratti da bestie ammaestrate e da prestigiatori. Servitori in livrea, e soldati. Cantastorie. Giocatori di dadi in perenne disaccordo. Strilli di bimbi e versi di animali. Quanta animazione!>>.

Mi sono proposto di commemorare la “Grande Fiera di Ottobre” che si tiene da cinque secoli ad Amantea, ipotizzandone l’esordio nell’anno della sua istituzione che, testi bibliografici e documenti d’archivio da me ritenuti attendibili, indicano nel 1529, riportandomi con la mente a un giorno particolare dell’Amantea cinquecentesca e riproponendo un mio articolo pubblicato da Calabria Letteraria nel “numero” di dicembre del 2006.

L’appuntamento commerciale amanteano, che ben s’inquadra nel sistema fieristico del Regno gia' attivo dall’eta' sveva e che nel periodo aragonese contava gia', stando agli studi di Alberto Grohmann, ben 230 raduni mercantili, ebbe poi a subire, in prosieguo, non poche variazioni nelle date e nella durata. Nel 1676, fermi restando i dieci giorni di permanenza, esso fu anticipato al 27 giugno; e cosi' dicasi per il 1729. Nel 1759, invece, l’inizio dello stesso decorreva come nel suo nascere dal 1° di ottobre e tale era ancora nel 1790. Si apprende, inoltre, da un completo “stato generale delle fiere e dei mercati” in Calabria Citra, che dal 1821 la fiera di Amantea, detta “dei cappuccini” (perché spostatasi nel luogo omonimo), si sarebbe tenuta dalla seconda alla terza domenica di ottobre, per otto giorni consecutivi. E, infine, dall’amanteano Luigi Di Lauro, che nel 1856 essa durava dalla meta' alla fine di ottobre di ogni anno. Oggi la ricorrenza si celebra a fine ottobre, ed e' conosciuta come “fiera di Ognissanti” o anche “dei morti” includendo appunto il 2 novembre, notoriamente dedicato alla commemorazione dei defunti.

In veste di studioso di patrie memorie mi preme raccontare la mia esperienza di osservatore, <<costretto a misurarsi con l’inarrestabile mutare dei tempi e con un’omologazione dilagante che assimila (o assimilava, come vedremo) una fiera, dove la trepidazione dell’attesa è (o era) ormai scemata, ad un centro commerciale>>. È quanto rilevavo già nel 2006, sottolineando come essa, la la nostra fiera intendo, mi apparisse <<tristemente silenziosa e quasi senz’anima, proprio come gli anonimi mercati domenicali ove non ci si azzarda quasi più a chiedere uno sconto, o i fornitissimi banchi degli ipermercati a prezzi fissi>>, ebbi a dire.

Ma come porvi rimedio - mi balenò -, se non attraverso la rivisitazione della storia municipale che sovente istiga o rigenera orgoglio di appartenenza, sano “amor di campanile” e buoni stimoli ad operare? Da qui, la mia idea di come un evento come quello in discorso sarebbe potuto diventare, in un’inversione di tendenza, anche un potente mezzo di promozione turistica. La suggerii nel settembre del 2006 all’associazione Pro Loco, con la quale collaboravo già da qualche mese per l’organizzazione di alcuni eventi commemorativi del bicentenario dell’assedio francese della città ma non solo, la quale mi aveva fatto dono di un’impegnativa tessera di “socio onorario” e premiato col suo “Loco d’argento”. Palesai il mio pensiero, che consisteva nella spettacolare apertura dell’evento, col corteo storico, l’alzabandiera e la solenne investitura del “mastrogiurato”, anche all’amministrazione comunale dell’epoca guidata dal carissimo Franco Tonnara che, nonostante la brevità del tempo a disposizione (giova rammentare che eravamo a settembre inoltrato), la volle subito porre ad effetto.

fiera chiatto 1

29 ottobre 2006. L'inaugurazione ufficiale della fiera da parte del primo "mastrogiurato" amanteano della modernità, l'assessore P. Ruggiero, con tanto di “bastone del comando”, sotto lo sguardo compiaciuto del sindaco Francesco Tonnara

Mi ero proposto – e di ciò resi edotti gli organizzatori della kermesse – un attivo coinvolgimento dei Comuni del circondario che, come scrissi su un “pieghevole” sponsorizzato da un operatore commerciale cittadino e distribuito ai visitatori in alcune migliaia di esemplari, avrebbero avuto modo, attraverso l’evento fieristico appunto, di mostrare le loro “eccellenze”, promuovendo i rispettivi territori. Una <<fiera-vetrina>>, così mi piacque definirla, per Amantea e l’intero comprensorio, con lo scopo di aggregare, immaginandone i positivi “ritorni”, non solo d’immagine evidentemente, quanti più soggetti possibili, interessati a far sì che i flussi turistici verso i nostri stupendi borghi (che certo non mancano di nulla per essere attrattivi: basti qui pensare, guardando solo al nostro ambito ristretto, ai riti e agli allestimenti natalizi e della Pasqua, o a quello straordinario appuntamento qual è il Carnevale amanteano, vera e propria apoteosi di creatività e di abilità artigianale), quei flussi dicevo, fossero crescenti e meglio distribuiti nel corso dell’anno. Non concentrati, cioè, nel mese di agosto o giù di lì, allorquando, fatti salvi i vantaggi (effimeri, sovente) di pochi operatori, i nostri paesi mostrano tutti i loro limiti e la loro vulnerabilità, dinanzi ad un turismo “di massa” del quale palesemente mal sopportano l’urto e che spesso si rivela irrispettoso delle nostre bellezze paesaggistiche ed architettoniche.

Certo, le attese non potevano e non dovevano andar deluse. Era d’obbligo che le amministrazioni comunali interessate abbandonassero definitivamente ogni forma di miope campanilismo (anacronistico, più che mai, in tempi di “globalizzazione”) e tendessero sempre a fare “sistema” (o “squadra”, come sul dirsi) per aiutarsi vicendevolmente, armonizzando tutte o gran parte delle loro iniziative. Dai grandi eventi, alle sagre delle varie “specialità” culinarie, delle quali, forse, va pure verificato l’effettivo legame con le nostre zone, magari attraverso auspicabili incontri programmatici fra i responsabili di settore. Dalle politiche di gestione e di salvaguardia del territorio (mare compreso, naturalmente), a quelle che afferiscono ai trasporti, urbani ed extraurbani, da facilitare in ogni modo, ed alla comunicazione.

<<Quale occasione migliore - dunque, mi domandai - per incontrarsi e confrontarsi costruttivamente di un importante appuntamento qual era (ed è!) la cinquecentesca “fiera d’ottobre” di Amantea, antica e imponente, anche dal punto di vista della frequentazione, per la rinomanza acquisita nel tempo e per gli spazi a disposizione, notoriamente ampi e di felice giacitura?>>.

Con soddisfazione, constatammo che la novità suggerita ebbe a sortire i suoi effetti; almeno in termini di rinnovato entusiasmo, che fu palese e diffuso. Pubblicamente e in privato, avemmo molti consensi. Non mancò qualche rara critica, che si appuntò soprattutto sull’inadeguatezza degli abiti dei figuranti, ma non si poteva fare altrimenti. Ognuno rispolverò quello che gli offriva il guardaroba (anche qualche abito indossato nell’ultimo carnevale fu riutilizzato), perché il limitatissimo tempo a disposizione non offriva valide alternative. Ci volle il 2010, perché la cerimonia fosse ripristinata in tutta la sua solennità, benché vada ricordato che, nel 2009, i commissari straordinari dell’epoca l’avessero comunque riproposta, ma in tono nettamente minore, almeno dal punto di vista della comune percezione.

Chiusasi per fine servizio attivo presso un noto istituto di credito la mia felice parentesi amanteana, ininterrottamente durata quasi un decennio, sono tornato a Cosenza con un’alta dose di entusiasmo e con l’intimo desiderio di spendermi in qualche modo anche in favore della mia (parimenti) amata città natale. Sennonché, approssimandosi l’appuntamento fieristico di San Giuseppe (forse perché nato proprio un 19 marzo) non mi sono trattenuto dal proporre al sindaco dell’epoca, Salvatore Perugini, che le due fiere, “imperiali” entrambe, antiche prerogative, ambedue, di città “libere”, gelose custodi della loro “demanialità”, potessero “gemellarsi” in qualche modo e dialogare. Un progetto, quest’ultimo, che è andato a buon fine già nell’edizione cosentina del 2011, allorquando Tonnara e Perugini, l’uno al fianco dell’altro, presenti gli assessori Ambrogio per Cosenza e Carratelli per Amantea, si posero alla testa del corteo rievocativo dell’ingresso in città di Federico II. Li precedevano, sul Corso Mazzini, gli sbandieratori di Bisignano e la Banda amanteana “Francesco Curcio”, giunta al seguito del suo sindaco.

Confesso che sconosco se quel “patto”, che, secondo le intenzioni della vigilia (confermate nella conferenza stampa del 14 marzo e nel corso del convegno del 18 immediatamente successivo che ebbe come tema: La fiera di San Giuseppe per il rilancio turistico della provincia di Cosenza – ove ebbi la ventura di relazionare), doveva propiziare l’avvio di un comune percorso delle due città per la promozione dei rispettivi comprensori, sia stato rinnovato o meno, o se si sia solo affievolito. Si avrà modo di verificarlo. […]

fiera chiatto 2

Cosenza, salone di rappresentanza di Palazzo dei Bruzi, 14 marzo 2011. La conferenza stampa per illustrare il programma, inclusivo del "gemellaggio" con la fiera di Amantea, dell'imminente appuntamento mercantile cosentino di San Giuseppe (al microfono, il sindaco di Amantea, Francesco Tonnara)

Sergio Chiatto*                                                                                             

Bibliografia essenziale:

S. Chiatto, La “Grande Fiera di ottobre” nell’Amantea cinquecentesca, in Calabria Letteraria, nn.10-11-12, 2006, Soveria Mannelli (CZ), pp.53-54.

L. Di Lauro, Cenni statistici sull’agricoltura, industria e commercio della città di Amantea, Napoli 1856.

L. Falcone, Mercanti, società e politica economica nel territorio di Bisignano nei secoli X-XVI, in Deputazione di Storia Patria per la Calabria, Rivista storica calabrese, N.S.- anno XV (1994), nn.1-2, pp.145-156.

E. Fera, Amantea la terra gli uomini i saperi, Cosenza 2000.

G. Galasso, Economia e Società nella Calabria del Cinquecento, Napoli 1992.

S. Miceli, Amantea sul finire del Settecento. Uomini, natura, società, Cosenza, 1996.

V. Saletta, La spedizione di Lautrec contro il Regno di Napoli, Roma 1975.

A. Savaglio, Il Regio Castello di Amantea, Amantea 2002.

V. Segreti, La Fiera di Amantea, in Calabria Letteraria, nn.10,11,12, 1994, pp.59-62.

G. Sole, Viaggio nella Calabria Citeriore dell’800, Cosenza 1985.

G. Turchi, Storia di Amantea, Cosenza 1981.

Principali fonti archivistiche:

Archivio di Stato – Cosenza – Notai: Carvano Natale (aa.1673, 1676,1679, 1680), Ferraro Saverio (aa.1729, 1745, 1749, 1751, 1752, 1753, 1754), Salvatore Pasquale (a.1759), Sances Domenico Antonio di Nicola (a.1799), tutti di Amantea.

Dal mio: Amantea e lago Pagine di storia civile e religiosa, The Writer, Rende 2016, pp.93-101


Dalla mia relazione tenuta in Amantea il 24 ottobre 2015 presso la sala consiliare del Municipio (pubblicata su www.webiamo.it l’11.XI.2015), nell’ambito della XVII Giornata di Studi Storici organizzata dal Rotary Club Amantea, in interclub col R.C. Cosenza, sul tema: “Due fiere imperiali a confronto. Storia, cultura e attualità degli antichi eventi fieristici di “Ognissanti” di Amantea e di San Giuseppe (già “della Maddalena”) di Cosenza”. Con me, hanno relazionato: Luigi Bilotto e Vincenzo Segreti. Ha moderato: Gaetano Marchese. Altri interventi sul tema, conclusi con proposte del tutto simili a quelle qui avanzate, erano state da me svolti in altre occasioni [26 ottobre 2006 (Amantea, Ufficio del Turismo): conferenza stampa per l’illustrazione della proposta della solenne investitura del “mastrogiurato”, con corteo storico e alzabandiera – 10 febbraio 2011 (Amantea, sala consiliare del Municipio): convegno14 marzo 2011 (Cosenza, salone di rappresentanza del Comune): conferenza stampa per la presentazione del progetto, andato a buon fine, del “gemellaggio” con la fiera di San Giuseppe – 18 marzo 2011 (Cosenza, caffè letterario) – convegno]. La relazione da me tenuta in occasione del sopra citato convegno del 10 febbraio 2011 è stata da me consegnata il giorno successivo al Comune di Amantea, in uno a mia nota protocollata col n. 3470.
 

Aggiungi commento

REGOLAMENTO SUI COMMENTI:
1- i commenti sono sottoposti a restrizioni
2- sono consentiti commenti su soggetti e fatti pubblici
3- saranno esclusi commenti e citazioni impropri di persone e ambiti privati
4- saranno escluse citazioni irridenti o non rispettose di commenti altrui
5- saranno esclusi commenti senza rilevanza di tema
6- è ammessa la forma satirica esclusivamente in relazione a contenuti pubblici
7- solo i commenti che la redazione riterrà conformi a quanto sopra saranno pubblicati

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 


 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose


 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

temesa logo
I Luoghi di Temesa

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

petilia santa spina
Riti Pasquali

In Calabria


 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto


amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 




© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA