Vernacolo amanteano: 'U difettu di Calabrisi A.Cima

Elezioni Politiche 2018 - La Lega in Calabria al 6%
I motivi sono spiegati in questi versi dialettali
chiedere Vernacolo Amanteano
Componimento dialettale di Antonio Cima, 2007
'U  DIFETTU DI CALABRISI
L'attitudine a demandare, la mancanza di autodeterminazione, la passività
'I genti ca sperannu stanu all'atri, 'i l'atri pu su shcavi alli catini.

'U  DIFETTU DI CALABRISI
di Antonio Cima

Il popolo calabrese (noi popolo calabrese), controverso nei molteplici aspetti, seppur formato in prevalenza da gente laboriosa e dignitosa, ha sviluppato nei secoli una innegabile tendenza al lasciar fare, alla dipendenza dai vari poteri, alla carenza di autodeterminazione. Ciò ha deformato gli equilibri sociali che tendono a strutturasi tra chi indirizza le risorse e chi spera e si adopera per ottenere un privilegio. Il peggio sta nel fatto che alcuni godono di grandi privilegi e i tanti si accontentano di quello che capita. 

 

Prima ch'u cielu avissi lucitelli
'un c'ere vita e 'un c'ere manc'a terra;
c'ere na neglja cada e purbarusa
a furma senza furma jive 'mmacantu;
du grannu cadu ca drinta tenije
nu juornu s'è sbrodata e se spannuta;
munziell'i vrasci e petri su assummati
e 'mmienz'a chisti puru su pianetu
a form'i milu senza capa e cuda
ccu particelli tiepid'e 'mpacchjusi
ch'ad'una ad una, pu, si su jungiuti.

Passann'u tiempu suli su crisciuti
e tanti form'i vita hanu criatu;
mill'anni quattru ppe natru miliunu
ci su vuluti ppe fari sa 'mprunta
ccu piedi vrazzi e capa ‘ppe penzari.

Sa particella ca n'ha dat'a vita,
na cosa ch'un si vide na marchjatu:
l'istintu i fari i dari e di pigljari.

Guardannu arrietu regula si staglje
c'ognunu 'mmutte sulu o 'nziem'ad atri,
e chilla particella n'ha 'mparatu
ca si vo jiri avanti te 'mpegnari
e ogni cosa vene ccu suduri
ca sempr'u primu 'i nenti ha cuminciatu
e chjanu chjanu all'iertu s'è ragatu;
sa regula da vita c'è ppe tutti
e ognunu 'i chillu ch'è circh'e sa spicce,
quannu va storta fà e l'addirizze
ca piedi, capa, vrazzi tene e s'aduse.

I populi ca s'azunu a matina,
e fin'a sira mininu na zappa,
pu vene ura ch'a brodera è chjina
e mangiunu 'u suduru ch'è culatu,
libiri i fari i diri e di vutari.

Ma c'è atra genta ch'un si sforze tantu
nè penze nè si move nè s'affanne,
ca chill'istintu ‘u ciampe sutt'i pedi,
e mo vi ducu 'i cosi cumu 'i viju
'a su paisu a furm'i nu stivalu:
supr'u dinucchju ride quant'avaste
e jennu vers'u piedu malu sa passe.

I genti ca sperannu stanu all'atri
i l'atri pu su shcavi alli catini.


Unu ca nasce e crisce all'iert'i Ruma
e all'intrassatt'u cade allu bisuognu,
si ferme, penze, gire e pu decide,
paghe e fa fari o fa si n'è capaciu.

S'u guaju succede 'i Ruma allu penninu
sulu na cosa ognunu appriche e cirche:
"chin'è chjamari ppe apparà sa cosa?"
quasu nessunu penze, fa e cunchjude,
circannu china c'è allu postu giustu
ch'a chjava tene ppe rapiri a porta.

Cacciata chilla genta ch'un si chjiche
ccu voglia i fari i dari e di pigliari,
mo parru du Pullinu(1) a Spartavientu(2)
e cuntu 'i chillu ca da magl'i fora
ccu shcami, spini, cuda, sinn'arrasse
e sempr'ancunu cirche allu bisuognu.

Sa storia ca va avanti 'i tantu tiempu
ligati n'ha spannuti alli catini
'nvasori primu e mo di machjavelli
ch'i chjavi ppe rapiri a tutt'i vanni
’un su di lori ma su 'i tutt'a genta
ca lla cci'hà misi quannu all'urna è juta.

China si chjiche e cirche sempr'a grazia,
cci'attocche a 'mbruscinà culu ppe vita
vinniennu a carna sua cumu a na janca
bussannu ccu lli piedi quann'è Pasca(3)
senza putì guardà stilli nè sulu
ch'a capa allu 'gnorsì sempr'è vasciata.

I mali ca ci su a s'Italia vascia
su fatti granni e 'u lattu hanu sucatu
'i chin'a minna chjina cci'ha porghjutu;
sa minna tene numu ed'è lu votu
e china lattu avije cirche culostra(4)
chin'ha sucato ‘u spanne a guccia stritta.

Sa cosa ha stisu rarichi ogni vanna
a tutt'i cosi ch'alla vita vanu,
ppe ogni viersu, pu, piglje na sbersa,
ppe ogni bucu ca s'edd'attippari,
ppe tutti i voti ca duluru vene.

A lista è granna, 'u'ncigne ne furnisce,
Iju vinni cuntu trija ca sunu chisti:
saluta, carti e sistemar'i figlj.

S'unu sta buonu e pu dole na cosa,
e 'u miedicu 'i famiglja cca unn'avaste
ricapite:
chin'è potentu perde pocu tiempu,
   chjame nu piezzi gruossu allu spitalu
   e 'u jurnu doppu 'a nalisa è cunchjuta;
chin'è parientu o amicu 'i china cunte
   nu juornu 'i chhjù aspette ed è serbutu;
china ppe amicu tene nu 'mpiegatu,
   o nu parienti drinta, 'i pocu cuntu,
   unn'è ddi fari 'a fila 'i tanti misi
   ma na simana, o menu, è d'aspettari;
nu povariellu affrittu sulu e malatu,
   ca da vrachetta è l'urtimu cunzatu,
   'un tene addua chjamari nè pregari
   e aspette, aspette, aspette e forsu more.
Lejennu 'a leggia, tutti sun'uguali:
uguali ppe murì no ppe campari.

N'atru turmienti torcie na famiglja
sa carta strania porte nu postinu;
'a cosa ccà si compriche nu pocu
ch'i carti sunu avoglia 'i tutt'i vanni
e 'un sempr'a chjava giusta po truvari.
S'a carta strania arrive allu potentu
   subit'a conze e 'u guaju subit'u cacce;
n'amicu o nu parientu du potentu,
   s'a carta è leggia e cirche na dughgljata,
   dughgljata arrive e a carta piglje vulu;
   s'a carta pise e 'a cosa è cumpricata
   tiempu ci vo, rigiri, e n'escie fora;
furtuna ajute china 'a chill'uffiziu
   tene nu frati, suora o nu cugnatu,
   e mieglju quannu c'è nu San Giuvannu(5),
   ca su ligamu vene prim'i tutti,
   prima da mamma ‘u patru e pur'i figlj;
nu povariellu affrittu e ccu nessunu
   ch'alla vrachetta l'urtimu è rimastu
   'a notta ‘un dorme, 'nsurte e si dispere,
   'a cosa è longa e fa la strat'i leggia
   e quann'arrive ‘u guaju su piglje sulu.

'A cosa ca cchiù chjiche na famiglja
quann'u bisuognu cade supr'u figlju.


'U piccirillu crisc'e v'alla scola,
china cchiù cunte ppe su figliu vo,
cumpagni buoni e prufessuri spierti
e 'nsurfe china minte 'nziem'i crassi(6)
s'arraccumanne a presid'e majestri,
e s'unn'avaste puru a nu bidellu;
si patr'e mamma, imbeci, su nessunu
su figlju vene misu addua c'è postu;
ccu su sistemu càpite (e ij'u sacciu)
na crassa quasi tutti figli "buoni"
e n'atra quasi tutt'i sbenturati.

Pu vene juornu ca ci su l'esami
'u presidentu vene d'atra scola,
e sempri loru, i genti 'mpruppettati,
trovun'u modu d'arrivà a su tizio
ccu zippi ca pu ‘u votu piglje furma;
’u votu è buonu, ‘u miglju ca putije,
va avanti e pu frequente ppè dottoru.
Si mamma e patru su dijun'i libri,
ca segg'i scola pocu han'assettatu,
e 'un sanu si cuncierti cumu vanu,
'u votu vene, e cumu vene vene.

'I l'ateneju, parrar'un serbe a nenti,
'i meglj fetenzij su all'uocch'i tutti,
l'esami su muntagni alli scalari;
’u figl'i china zappe, rime o pulizze
’u curuniellu(7) ‘u vid'azann'a capa.
’U figlju di persuni 'ntrillazzati,
'ncigne ch'e ciucciu e a cuda mancu 'mpinne(8),
’u curuniellu ‘u tene drint'a sacca
ca chjina trase e ccu llu votu descie.

'U titulu 'i dottoru arrive priestu,
ligat'a sinnicu, barunu o monzignuri
c'è pur'a loda e avoglia 'i prejulizza,
ma ‘u piezz'carta è sulu na munnizza;
arrive puru a china ‘un tene nenti
ccu meritu fatica e cuntentizza.

Vene su biviu, mo, ccu dua camini
unu petrusu, scuru e 'i curbi chjinu,
n'atru lucentu, grannu e senza chjichi.

Sapimu cumu va, ma 'u dicu ‘u stessu.

'U figlju i chilli ca su chjin'i sordi
'u figlju i chilli ca su allu cuvernu
'u figlju i chillu ca cummanne uffiziu
'u figlju i chillu ca du tubu parre
di generali a tri curduni o cchiù
parient'i visculi, niput'i magistrati,
'un si capisce maj cumu succede,
(pu vene fora cumu quannu e addua),
dirittu, carte, e scienza giusta tene
e ‘a targa avant'a porta, e secretaria,
e nu stipendiu ca sia misi campe
e l'atri cinqu'i stipe e si fa riccu.

I figlj
'i china santu 'mparadis'un tene
minann'a zappa finu a quannu scure
tirann'i rizzi chjin'i granchj e grupi
saglienn'a 'nnaita ccu 'na cardarella
girannu viti ppe cunzà na rota
'mpilannu n'acu ppe cusì 'u vestitu
vinnienu 'a frutta ca si pò ammucà,
si figlj
ccu libri e dizzionariu hanu campatu,
ccu titulu, ccu voglja e ccu bisuognu,
ci pise pocu ‘a carta ‘a scienza (o ‘u numu),
s'hanu arrangià pigljannu quattru sordi.

Turmient'a mia mi custe ma l'è diri,
s'u poviru 'a bisuognu perde faccia,
e ancunu si rimine e vinne votu,
'u votu sua da mamma, patr'e suora,
da zia, cugnatu, nanna e du cumparu,
forsi,
passannu 'u tiempu e allu cuvern'u santu
arrive nu miraculu allu scuru
ed'allu scuru chjude la vrigogna
su figlju vene juornu c'addimmanne:
"papà,
s'uffiziu ca tu fa cum'è arrivatu?".

Judiciu un signu nè sentenzia e dari:
bisuogn'i panza fa cangiar'a faccia,
ma 'a faccia po lassà cumu t'è nata
s'imbec'i 'mbruscinà ti dazi e lotti.

 

(1) e (2) Pullinu è il Pollino, Spartavientu è Capo Spartivento, ovvero i limiti nord e sud della Calabria
 (3) bussannu ccu lli piedi quann'è Pasca - metafora: chi è sottomesso, per le feste (Pasca=Pasqua), porta regalie ai potenti, quindi, avendo le mani impegnate dai pacchi è costretto a bussare con i piedi tirando calcetti alla porta.
 (4) Culostra - E' un liquido giallastro, prodotto dalla gestante, che facilita al neonato il passaggio dall'alimentazione placentare a quella intestinale; è simile al latte materno diversificandosi nei contenuti di zuccheri, grassi, vitamine e proteine; trasmette anticorpi dalla madre al figlio; dopo i primi giorni si trasforma in latte.
 Nell'antica accezione dialettale locale "a culostra" viene definita come una specie di surrogato del latte materno con scarsi contenuti nutrizionali prodotta dalle donne nella fase terminale dell'allattamento o con precarie capacità produttive. In sostanza indica cosa con scarsa consistenza rispetto al prodotto da cui ha origine.
 (5) San Giuvannu - trattasi di persona con la quale esiste un rapporto di comparaggio.
 (6) Crassi – sono le "classi" scolastiche che non molti decenni fà venivano pronunciate "crassi".
 (7) Curuniellu - è la parte più alta di una sommità; derivazione da "corona" o "coroncina".
 (8) a cuda mancu 'mpinne - una nota invettiva locale dialettale afferma la pochezza di un asino che dopo un anno di vita non ha ancora sviluppato la coda; indica l'inconsistenza di una persona che in età adulta non ha ancora maturato le necessarie attitudini. 

Aggiungi commento

REGOLAMENTO SUI COMMENTI:
1- i commenti sono sottoposti a restrizioni
2- sono consentiti commenti su soggetti e fatti pubblici
3- saranno esclusi commenti e citazioni impropri di persone e ambiti privati
4- saranno escluse citazioni irridenti o non rispettose di commenti altrui
5- saranno esclusi commenti senza rilevanza di tema
6- è ammessa la forma satirica esclusivamente in relazione a contenuti pubblici
7- solo i commenti che la redazione riterrà conformi a quanto sopra saranno pubblicati

Commenti  

 
#1 mirailtuopopolo 2017-11-09 12:47
Vediamo se quello che vado a scrivere c'entra qualcosa. Quando devo soffermarmi poco al paesello scelgo il treno per i miei viaggi. Ora si viaggia veloce e con posto prenotato. Da Nord a Sud nessuno occupa il posto altrui. Da Roma a Nord è la stessa cosa. Da Reggio C a Roma 11 volte su 10 il posto prenotato lo si trova occupato ma a richiesta viene lasciato libero.Ieri a Roma entro nel treno diretto a Nord il posto prenotato è stranamente occupato.A richiesta il calabrese, ritorna al suo posto.
Citazione
 

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 


 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose


 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

temesa logo
I Luoghi di Temesa

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

petilia santa spina
Riti Pasquali

In Calabria


 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto


amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 




© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA