Il parco dimenticato

ianni nicola Nicola Ianni - 22-09-2013
Quel parco di Camporella ignorato dall'Amministrazione comunale; per fortuna ci pensa la Pro-loco di Campora

Così si diceva una volta quando si frequentava il liceo ed il prof. chiedeva di dimostrare alla lavagna un teorema. Se la dimostrazione andava bene, in calce si scriveva C. V. D.

Ritorno a parlare del parco di Camporella,che dopo l’accurata pulizia da parte della Pro – Loco di Campora   con la quale lo stesso era diventato praticabile , il parco è stato lasciato nuovamente abbandonato per più di un mese. Nel frattempo le erbacce sono cresciute, i cestini per la raccolta dei rifiuti si sono riempiti e coloro che hanno frequentato il parco trovando i cestini pieni e inutilizzabili hanno lasciato (anche colpevolmente) abbandonati i rifiuti per terra.

Si sperava che nel frattempo fosse intervenuta l’Amm.ne Comunale a tenere pulito il parco o almeno a svuotare i cestini del loro contenuto. Niente di tutto questo, appunto .

Ecco perché l’incipit è C.V.D. Come volevasi dimostrare si diceva nel titolo. Questa è la dimostrazione di come vanno le cose. Gli amministratori non sono intervenuti. Ancora una volta, a rimettere le cose a posto c’è voluta l’iniziativa della Pro-Loco, cioè la libera iniziativa, non pagata, non ringraziata e non riconosciuta. Sabato pomeriggio, sono tornati i ragazzi della pro-loco ed hanno rimesso le cose a posto.

Gli abitanti del quartiere Camporella che sono i maggiori fruitori del parco, e che il sottoscritto in prima persona si onora di rappresentare, hanno indotto lo scrivente a far conoscere questo stato di cose al resto della cittadinanza e a scrivere queste note di rammarico.

Ancora una volta noi riconosciamo l’opera della pro-loco, alla quale va il nostro giusto ringraziamento.

In un’altra occasione ho chiuso le mie note riportando il pensiero di un vecchio statista (mi pare) e che diceva :- BEATO QUEL POPOLO CHE NON BISOGNO DI EROI.

Come nota ulteriore ,e sempre per motivi di decoro ambientale, vorrei aggiungere qualche considerazione riguardo la pulizia delle strade sempre del nostro quartiere. Ogni tanto passa un automezzo munito di una scopa rotante,che dovrebbe pulire la superficie stradale. Qualcosa fa,sarà pure veloce, ma le erbacce questo automezzo non le estirpa e le strade rimangono impresentabili.

Non era meglio impiegare un addetto alle pulizia stradale come si faceva una volta ,almeno per togliere le erbacce che sono diventate invadenti ? Qui mi pare che siamo in braccio a Maria,come dicono a Cosenza, ma con l’osservazione che Maria ha le braccia aperte.Ci dobbiamo rassegnare ad essere cittadini di seconda categoria ? Penso proprio di no.

Al momento giusto dimostreremo di avere valori da preservare ed una dignità come cittadini da difendere.
Nicola Ianni - Campora S.G. - Amantea 22-09-2013

Aggiungi commento

REGOLAMENTO SUI COMMENTI:
1- i commenti sono sottoposti a restrizioni
2- sono consentiti commenti su soggetti e fatti pubblici
3- saranno esclusi commenti e citazioni impropri di persone e ambiti privati
4- saranno escluse citazioni irridenti o non rispettose di commenti altrui
5- saranno esclusi commenti senza rilevanza di tema
6- è ammessa la forma satirica esclusivamente in relazione a contenuti pubblici
7- solo i commenti che la redazione riterrà conformi a quanto sopra saranno pubblicati

Commenti  

 
#4 camporese doc 2013-09-23 21:41
Caro ing. Ianni anziche' aspettare quelli della pro-loco, e polemizzare continuamente perche' non dedica parte del suo tempo libero assieme ai suoi seguaci cittadini di Camporella a pulire il parco dove affaccia la sua villa..
Citazione
 
 
#3 Operatore Ecologico 2013-09-23 13:07
Quanto Lei riporta fa ritornare alla mente quella antica figura che oggi chiamano Operatore Ecologico. Era per tutti lo SPAZZINO o in lingua italiana il NETTURBINO. Era considerato lavoratore umile e manuale ma certamente in questa era moderna che sa di degrado il minuzioso compito che svolgeva, anche se a distanza di anni, gli rende onore.
Citazione
 
 
#2 efrem#2 2013-09-23 08:52
Nella scena più celebre di questa sua opera l'allievo Sarti, avendo appreso dell'abiura da parte del suo maestro, esclama: "Sventurata la terra che non ha eroi!". Di rimando Galileo controbatte: "Sventurata la terra che ha bisogno di eroi!!" o, in una variante della traduzione: "Fortunata la terra che non ha bisogno di eroi!"...
Citazione
 
 
#1 efrem #1 2013-09-23 08:50
caro Ing. Ianni,

a proposito della massima citata, per quanto ne so non è stata pronunciata da un vecchio statista... Trattasi invece della celebre frase del drammaturgo Bertold Brecht tratta da "VITA DI GALILEO".
Citazione
 

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose

 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto

amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 

temesa logo
I Luoghi di Temesa



© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA