Donna di "Cuore"

bonavita caterina Caterina Bonavita
commenta il libro di Sergio Ruggiero, "Nel segno del cuore"

Anch’io, come l’autore, sono appassionata delle “storie” dei vari personaggi che vivono in una certa epoca o in una certa condizione sociale e/o spirituale! Da cornice a questo romanzo vi è la “storia” di Amantea del 1700 capitanata dalla fede e dai signori dei vari “sedili nobiliari”. A parte la descrizione, coinvolgente e dettagliata, scritta con uno stile piacevolmente scorrevole che riesce inoltre a mantenersi equilibrato e “non volgare”, dei fatti che si susseguono in seguito ad  un amore proibito tra una badessa di convento e un coscienzioso ma innamoratissimo medico di Amantea, le vicende sono narrate con correttezza storica, con stille di parole dialettali (piacevolmente ritrovate da chi ne conosce il significato), con riguardo rispettoso ai sentimenti semplici dei semplici, della povera gente che, nonostante l’ignoranza e la miseria, riusciva a mantenersi umile e determinata…  
Mi ha colpito:
-    L’amore di un padre , Giovanni, per i suoi figli. Disposto a patire il supplizio su se stesso piuttosto che vederlo, inerte, inflitto su uno dei suoi figli! Mi ricorda l’amore di un altro padre, quello divino di Dio che, piuttosto che vederci perire malamente, ha mandato Gesù a morire per noi!
L’uccisione del fattore , per la curiosità, ingenuamente criminale, dei suoi aguzzini!  (“non ce l’ha.. ti dico che non ce l’ha!”
-    Il rapimento estasiato dei sensi della bella badessa che comunque riusciva a non perdere la sua identità nonostante fosse consapevole della debolezza del proprio cuore!
-    L’inganno mentale che si attribuisce a Satana e alle ideologie distorte che portano gli uomini a convinzioni estreme, tanto estreme da ergersi a condottieri di una guerra che porta solo allo sfacelo le menti e a volte anche i corpi di chi si lascia prendere e accecare tanto da non vedere il danno e la perdita che ne deriva!
-    La bontà d’animo del dottor Guercio che non si erge a dotto (nonostante lo fosse!) e a difensore dei poveri con grandi paroloni, ma semplicemente “attua” la bontà e la carità in modo concreto e spontaneo perché lo reputa giusto! Ammiro anche la sua fermezza ultima nel rigettare ogni prestabilita decisione riguardo al suo futuro.
-    La competenza investigativa di Fratel Cosimo, la sua capacità di introspezione e il collegamento che ne fa dei fatti con la mentalità umana che sfocia nelle conseguenti azioni! Ma anche la sua tenerezza di cuore verso il piccolo Turillo!
-    La pacatezza e l’affetto paterno del rettore dei gesuiti che collabora con interesse spirituale e umano alle indagini del suo confratello.
Nel romanzo compaiono i termini “femmina”, “voce maschia”, quasi a sottolineare il richiamo di quell’istinto umano difficile da tenere a bada soprattutto se interviene il sentimento!             
Sapientemente e quasi ad allargare la vista mentale, i riferimenti biblici a cui si riportano i padri per venire a capo dei fatti e sciogliere ogni dubbio riguardo alla fede e ai movimenti di pensiero di quel tempo! Beh, se un capolavoro è chiamato tale quando, leggendolo suscita emozioni.. “Nel segno del cuore” ci riesce benissimo… Trasmette emozioni con un linguaggio comprensibile anche ai semplici e non è cosa da poco! Solo chi ha capacità espressiva chiara e spontaneamente naturale, può farlo!
Personalmente auguro all’autore un proseguo brillante e fruttuoso di altre belle opere… e una buona “degustazione” a chi sa cogliere la bellezza espressiva e di contenuto di queste narrazioni ricche di sfaccettature sentimentali-storiche-culturali…

Una semplice lettrice.
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     Caterina Bonavita Amantea 20/10/2013

Aggiungi commento

REGOLAMENTO SUI COMMENTI:
1- i commenti sono sottoposti a restrizioni
2- sono consentiti commenti su soggetti e fatti pubblici
3- saranno esclusi commenti e citazioni impropri di persone e ambiti privati
4- saranno escluse citazioni irridenti o non rispettose di commenti altrui
5- saranno esclusi commenti senza rilevanza di tema
6- è ammessa la forma satirica esclusivamente in relazione a contenuti pubblici
7- solo i commenti che la redazione riterrà conformi a quanto sopra saranno pubblicati

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose

 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto

amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 

temesa logo
I Luoghi di Temesa



© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA