La Varia di Palmi, orgoglio della Calabria

palmi varia 2014 La VARIA di Palmi 
I grandi eventi della Calabria
Patrimonio dell'Umanità
Unesco del 2014

© Riproduzione riservata - Nessun uso è consentito degli elementi della pagina 
Straordinaria edizione 2014 con 100.000 presenze

Varia di Palmi, Patrimonio Unesco dell’Umanità: edizione 2014
Il 31 agosto 2014 si è svolta l’edizione straordinaria della Varia di Palmi susseguente al riconoscimento dell’Unesco quale Patrimonio culturale dell’Umanità ricevuto insieme alla processione dei “Gigli” di Nola, alla macchina di Santa Rosa e ai “Candelieri” di Sassari nel segmento delle macchine a spalla. La manifestazione è di tale rilievo e dimensione che richiederebbe un approfondimento ad ampio raggio; questa pagina si limiterà al racconto di questa edizione rimandando ad altri spazi web a fondo pagina per ulteriori studi. continua dopo le foto


L’evento nato come corollario della festa della Madonna della Lettera e del Sacro Capello della Vergine è da molto tempo diventato il riferimento principale delle festività dell'ultima domenica di agosto palmese.
La struttura su cui si basa la manifestazione viene collocata all’inizio di via Garibaldi di fronte al mausoleo di F.Cilea una settimana prima per dare modo ai costruttori di approntare l’impalcatura idonea all’accesso dei figuranti sulla Varia.
Qualche mese prima inizia il lungo iter per la scelta della bambina che sarà l’Animella (l’animeddha), per la scelta del Padreterno e per la determinazione dei ‘mbuttaturi (spingitori) nell’ambito delle cinque corporazioni cittadine: Artigiani, Bovari, Carrettieri, Contadini, Marinai.
Intorno alle ore 17,30 nel gran fermento di piazza 1° Maggio si è composto il corteo che si è recato sotto la casa della famiglia Tigano in cui si trova l'Animella (tradizionale riguardo per i meriti storici nell'ambito della manifestazione) per accoglierla sul trono ligneo ove sarà portata a spalla per tutto il corteo cittadino preludio alla Varia. Prima di unirsi al corteo, dal balcone di casa Tigano, adornato con consistente coreografia floreale, la bambina ha salutato ampiamente l’immensa folla lanciando un mazzo di fiori ad ognuna delle cinque corporazioni che hanno sostato inneggiando la prescelta per questa edizione. Il corteo ha effettuato una breve sosta sul sagrato della chiesa matrice per le orazioni dell’evento e per i ringraziamenti ad autorità, attivisti, partecipanti.
La sfilata è continuata fino alla struttura della Varia sulla quale nel frattempo avevano preso posto le bambine-angioletti. I circa 200 ‘mbuttaturi si posizionano sotto il carro togliendosi le scarpe e calzando doppie e spesse calze bianche, mentre sulla base si dispongono gli apostoli; gli astanti intenzionati a partecipare si allineano lungo il percorso impugnando le due cime legate alla struttura per tirare; la piccola Animella Maria Chiara Riotto di 11 anni prende posto nel seggiolino, nel punto più alto, con accanto il rassicurante Padreterno Massimiliano Caruso e, poco dopo le ore 19, inizia la fase finale della Varia. Il via è determinato da un colpo di cannone che arriva dal soprastante Monte Sant’Elia e immediatamente avviene la scasata. E’ questo il momento di maggiore apprensione in quanto la spinta iniziale potrebbe determinare una vibrazione pericolosa per l’animella.
Dai più anziani per strada viene invocata la Madonna con una preghiera “senza sconzu Maria di la Littara!” (senza sconcerie, Maria della Lettera!) affinchè eviti incidenti nella scasata e durante il percorso.
La capacità di smuovere la varia dalla posizione di fermo rappresenta un vanto per le corporazioni che mettono in risalto tale abilità con cori e con manifesti e striscioni affissi nella piazza centrale.
Quando la varia viene avviata è un tumulto ordinato di incitamento, coordinamento e ogni sorta di accortezza pur nel dinamismo della situazione; il movimento non può assolutamente arrestarsi e l’intero corso Garibaldi deve essere attraverso nei 7 minuti tradizionali; eventuali fermate e ritardi sarebbero interpretati come negativi presagi. Per tutto il periodo di scorrimento l'Animella dall'alto si propende verso il popolo con il gesto della benedizione. Prima dei sette minuti la Varia raggiunge il punto finale della corsa.
Esplode a questo punto una gioia incontenibile di tutti: ‘mbuttaturi sotto le travi, figuranti addossati alla struttura, tiratori alle funi, gente dai balconi, per strada, ovunque.

I ‘mbuttaturi emergono da sotto il carro grondanti di sudore, con i fazzoletti che coprono nasi e bocche durante la corsa per tutela; vengono assistiti da addetti con bottiglie d’acqua e con spruzzi refrigeranti. L’entusiasmo è alle stelle, ma rapidamente si ricompongono per rifare metà del percorso a ritroso fino a piazza 1° Maggio.
Il percorso di ritorno avviene rapidamente posizionando il carro al centro della piazza.
Si libera un tripudio generale e tutti fanno a gara per salire sul carro e per inneggiare alla conclusione positiva del grande evento.
La piazza e il corso colmi di gente come mai prima, si stimano non meno di 100.000 presenze.
Tutti i figuranti fissati sulla grande struttura vengono portati a terra con la grande scala estensibile dei vigili del fuoco posizionata nel primo pomeriggio. Per prima l’Animella dai 16 metri di vertice, poi il Padreterno e infine le bambine-angioletto.

l’Animeddha riprende posto sul trono per il percorso di ritorno che la riporterà a casa.

Si concludono qui le fasi strettamente connesse alla Varia 2014, la prima del dopo Unesco. Un riconoscimento di grande prestigio internazionale per la Calabria, per un futuro che dovrebbe trarne significativi vantaggi turistici affiancando questo grande merito alle tante altre risorse d’eccellenza regionali.
Antonio Cima 02-09-2014

Leggi su Wikipedia   Pagina F.B. della Varia     sito dei ‘mbuttaturi

 

Aggiungi commento

REGOLAMENTO SUI COMMENTI:
1- i commenti sono sottoposti a restrizioni
2- sono consentiti commenti su soggetti e fatti pubblici
3- saranno esclusi commenti e citazioni impropri di persone e ambiti privati
4- saranno escluse citazioni irridenti o non rispettose di commenti altrui
5- saranno esclusi commenti senza rilevanza di tema
6- è ammessa la forma satirica esclusivamente in relazione a contenuti pubblici
7- solo i commenti che la redazione riterrà conformi a quanto sopra saranno pubblicati

Commenti  

 
#1 Calabrese 2014-09-03 12:24
Complimenti a questo articolo che ci permette di conoscere e di vedere con le belle foto un evento della nostra Calabria riconusciuto a livello mondiale
Citazione
 

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose

 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto

amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 

temesa logo
I Luoghi di Temesa



© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA