L'atteso cambiamento

angelisi sonia

Sonia Angelisi e le amministrative 2014
IL GIORNO DEL GIUDIZIO

Ieri, 24 gennaio 2014, è stato pubblicato un articolo dei Democratici per Amantea sul Quotidiano della Calabria in relazione alle elezioni amministrative di maggio, dal titolo “La mission è l’interesse della città”, nel quale si traccia una sorta di identikit di un possibile sindaco per la città di Amantea. Cito testualmente:
"Per seguire questa strada, la candidata o il candidato sindaco dovrà essere una persona impegnata a favore della città, lontana da potenziali conflitti di interesse con il ruolo di primo cittadino. Dovrà avere un profilo fortemente motivato verso il rinnovamento e la trasformazione. Rigoroso sul tema dei valori, coraggioso ma anche creativo ed innovativo rispetto al metodo di governo ed alla soluzione dei problemi.

La candidata o il candidato a sindaco dovrà avere una forte passione civile e  dovrà essere capace di candidare “il sociale”alla guida della città. Dovrà avere un credibile bagaglio professionale ed essere rassicurante sui temi del riequilibrio sociale, della redistribuzione,della tutela delle fasce deboli e del disagio.

Una candidata o un candidato a sindaco, insomma, garanzia per la città e non garante di interessi particolari.

Con quanti condividono questo profilo i DEMOCRATICI PER AMANTEA si dichiarano disponibili ad aprire un cantiere dove poter discutere di governo del territorio, della città pubblica e sicura, del miglioramento della qualità dell’ambiente e della sua tutela, delle prospettive di una città eco-mobile e della città-museo, di legalità, di prevenzione, di trasparenza amministrativa.”

Come non essere d’accordo con un profilo di questo tipo. Sicuramente è quanto la nostra cittadina dovrebbe ricercare per evitare di collassare definitivamente su sè stessa. A questo vorrei aggiungere delle riflessioni personali. Un buon sindaco deve essere affiancato da un gruppo SANO e COESO. Per sano intendo un gruppo si persone che condivide i medesimi valori citati in precedenza; un gruppo che antepone l’etica agli interessi, o meglio ancora, che non permette affatto agli interessi di infiltrarsi nella gestione della cosa pubblica; una squadra vincente, insomma, che amministri in modo nuovo, persone che sappiano lavorare in team, ma soprattutto che SAPPIANO E VOGLIANO LAVORARE; persone che occupino il posto giusto in base alle competenze che hanno acquisito grazie ai loro studi e alle loro esperienze, e non per discendenza divina o assegnazioni improbabili; una squadra creativa e attenta che cooperi e sia presente sul territorio per cercare di capire e risolvere le problematiche che si presentano senza favoritismi e clientelismi. Esiste, giusto per fare un esempio, una piattaforma informatica di cui un comune può dotarsi, aperta anche ai cittadini in cui ognuno di noi può effettuare qualsiasi tipo di segnalazione e pretendere una risposta. Questo significherebbe evitare di essere sballottati da un ufficio all’altro per ore interminabili non concludendo nulla. Ma altre vie ancora sono possibili, basta aguzzare l’ingegno e guardarsi intorno verso tutte quelle buone pratiche che hanno reso tanti comuni virtuosi.

Per coeso, invece, intendo un gruppo che non si sfaldi appena le elezioni sono finite; che non tradisca la fiducia che ognuno ha riposto nell’altro cedendo alla corruzione, al fascino maledetto della “strada facile”, a proposte immorali; che sia trasparente non solo nei confronti dei cittadini ma in primis nei confronti di sé stessi e della squadra di cui hanno deciso di fare parte; un gruppo che dialoghi, che rifiuti i tornaconto personali e che sia di sostegno soprattutto quando uno dei membri è in particolari difficoltà; un gruppo coraggioso, unito nelle battaglie, tanto nelle sconfitte quanto nelle vittorie.

Anche il miglior sindaco del mondo riscontrerebbe serie difficoltà ad amministrare il suo paese se non fosse affiancato da una squadra che abbia almeno una minima parte delle caratteristiche sopra descritte. Forse è per questa ragione che tante eccellenze rimangono isolate nella nostra cittadina, dentro e fuori le stanze comunali. La gente buona, onesta, retta esiste, ma chissà per quale ragione non si riesce a far gruppo e a scardinare definitivamente le solite facce note che occupano gli scranni comunali, che si ripropongono di anno in anno e che, purtroppo, non sono riusciti a condurre Amantea sulla strada di uno sviluppo durevole e maturo. Dalla grande alla piccola dimensione territoriale, in Italia si sono intervallati personaggi che hanno alternato la “politica del fare male” alla “politica del non fare” … e sinceramente non riesco a decidere quale sia peggio. Non possiamo borbottare, lamentarci continuamente delle cose che non vanno se non siamo propositivi e per esserlo dobbiamo crearne le condizioni. Non possiamo essere sempre spettatori passivi del degrado, ma almeno tentare di dialogare per il miglioramento della nostra cittadina, senza mescolarsi con volti noti, con quello che ha la “famiglia grande” così è portatore di voti o con quell’altro che è amico di quell’altro ancora, ma dialogare con chi condivide realmente quei valori per cui sarà possibile creare un gruppo sano e coeso.

Come scrive Antonio Cima nell’articolo del 16/01/2014:

Occorre un ribaltamento “genetico” (oltre che generazionale) che solo l’affermarsi della cultura dell’autodeterminazione può avviare; a tal processo si è utili anche “per strada”, con quel pochissimo che si è in grado di fare e dare. Amantea, pur nel chiaroscuro diffuso, è patria di eccellenze ed intelletti in ogni ambito, si attende ‘na bona varca.

E facciamola salpare questa “bona varca” da un porto che ci appare lontanissimo, facciamole spiegare le vele per avventurarsi in quel meraviglioso mare che contorna di blu una rocca di antichi sapori, di miti e di leggende, che è orgogliosa della sua storia passata, ma non può dirsi fiera della sua storia recente e come Penelope aspetta il ritorno di Ulisse; Ulisse che proprio su quella “bona varca” verrà a liberare la reggia dai parassiti Proci (termine latino procus che significa pretendenti), come scrive Omero, che da troppi anni pretendono di arrivare sempre più in alto.
Sonia Angelisi 25-01-2014

Aggiungi commento

REGOLAMENTO SUI COMMENTI:
1- i commenti sono sottoposti a restrizioni
2- sono consentiti commenti su soggetti e fatti pubblici
3- saranno esclusi commenti e citazioni impropri di persone e ambiti privati
4- saranno escluse citazioni irridenti o non rispettose di commenti altrui
5- saranno esclusi commenti senza rilevanza di tema
6- è ammessa la forma satirica esclusivamente in relazione a contenuti pubblici
7- solo i commenti che la redazione riterrà conformi a quanto sopra saranno pubblicati

Commenti  

 
#3 Laura 2014-01-25 21:53
Amantea......l' isola che non c'è!Purtroppo il tessuto sociale è quello che è....ne dovrà passare acqua da sotto i ponti.........
Citazione
 
 
#2 peppino 2 2014-01-25 18:54
bello articolo, ma il cambiamento dove risiede?
Citazione
 
 
#1 FRANCO DANESE 2014-01-25 18:35
Comparto totalmente lo scritto per il Quotidiano di Calabria,le riflessioni della sig.na Angelisi e riaffermol'espr imere anteriore del sig. Cima.Quanto manifestato riflette le mie idee di sempre..pero'fa re i conti senza il parere dell'oste(POPOL O AMANTEANO).. e'sempre un rischio pericoloso.."pe cchi'e'cecatu,s urdu e mutu"..Saluti.-
Citazione
 

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose

 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto

amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 

temesa logo
I Luoghi di Temesa



© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA