Amantea, si decide su Coreca

coreca Amantea la barriera su Coreca
Lunedì 19-01-2014 se ne discuterà alla Regione
Appello alle nove Donne elette dal popolo amanteano:
la tutela della Bellezza.

© Riproduzione riservata - Nessun uso è consentito degli elementi della pagina
Nel primo consiglio comunale d’insediamento degli eletti, del 27-05-2014, fecero tanto sperare le vibranti rassicurazioni di Monica Sabatino, prima donna sindaco della storia di Amantea, sulla nuova opportunità che si poneva davanti al territorio cittadino a proposito della tutela del fascino dei luoghi. Disse allora, l'equilibrata Monica, che gli amanteani potevano esser certi del suo impegno personale e di quello dell’ampia pattuglia femminile in tale direzione.
Valutammo comprovante il dire di Dostoevskij che “la bellezza salverà il mondo”.
Ora è questa di Coreca la prima vera occasione per confermare quelle affermazioni dando un vero e grande segnale che le Donne elette, ancor prima che consiglieri, prendono per mano questa delicata faccenda evitando derive mortificanti per il buon senso e deprimenti per gli esiti che si preannunciano nefasti.
Decidere per quel tipo di barriera su Coreca, che certamente farebbe diventare l’immagine più bella di Amantea un luogo di bruttezza inguardabile, è cosa che disorienta le aspettative riposte in un cosi folto numero di donne tra gli scranni comunali.
continua dopo le foto

 
Tocca a te Caterina, a te Concetta, a te Elena, a te Emma, a te Ermelinda, a te Francesca, a te Giusi, a te Miriam, a te Monica fare in modo che ciò non avvenga.
Appare oltremodo inconcepibile assecondare una scelta, che offende passione e scienza, emersa anche a sfregio della ragion dei numeri e del goniometro.
E’ chiaro a tutti che la soluzione prevista è un accomodamento originato dalla sottovalutazione, unigenita figlia della distratta politica.
E’ altrettanto chiaro a tutti che un eventuale intervento opportunamente risolutorio dovrebbe, ed eventualmente deve, orientarsi verso una scelta di ben più ampia portata assolutamente tutelante per l’ambiente.
Siamo al cospetto di un claudicante (Coreca) che va comunque avanti, seppur con disagi, al quale si vuole somministrare una cura impropria che in molti altri casi simili è stata fatale (vedere le centinaia di barriere sulla costa calabrese, e non solo, cosa hanno provocato).
Non può assolutamente essere accettata, nel caso di specie, l’impropria enunciazione machiavellica del fine che giustifica i mezzi.
Soluzioni così rozze e invasive, che potrebbero essere tollerate per tratti secondari, periferici, non frequentati, non possono risultare idonee per il fiore all’occhiello di un territorio.
Chiunque si sottopone tranquillamente ad una incisione chirurgica al piede senza grandi apprensioni; ben altre valutazioni subentrano prima di portare il bisturi sul volto.

Sulla decisione pesa primariamente la volontà della maggioranza, ma anche la minoranza può contribuire ad innalzare il livello di sensibilità.
Prima di alzare quella mano andate a Coreca all’ora che volge il disio, e osservatela attentamente. Poi tornate a casa e guardatevi allo specchio: non vedrete la vostra figura, ma il riflesso di un tratto della scogliera impresso sul vostro volto.
Quelle immagini sono specchiate da sempre nei volti di chiunque abbia ammirato quel luogo: la vostra decisione tutto ciò può affidare all’oblio.

Gli amanteani del futuro, e gli esseri umani che hanno diritto al bello, giudicheranno quanto oggi sarà deciso anche da nove donne elette da tanti cittadini che le hanno scelte  evidentemente per la loro serietà, capacità, volontà, lungimiranza.

Sarebbe innaturale che il primo consiglio comunale premiato da tanta presenza femminile passasse alla storia per aver soffocato la primaria bellezza del loro territorio.
Antonio Cima 18-01-2015

DIALOGO SOPRA I DUE MASSIMI SISTEMI TOLEMAICO E COPERNICANO
di GALILEO GALILEI

Serenissimo Gran Duca,
la differenza che è tra gli uomini e gli altri animali, per grandissima che ella sia, chi dicesse poter darsi poco dissimile tra gli stessi uomini, forse non parlerebbe fuor di ragione. Qual proporzione ha da uno a mille? e pure è proverbio vulgato, che un solo uomo vaglia per mille, dove mille non vagliano per un solo. Tal differenza depende dalle abilità diverse degl'intelletti, il che io riduco all'essere o non esser filosofo: poiché la filosofia, come alimento proprio di quelli, chi può nutrirsene, il separa in effetto dal comune esser del volgo, in piú e men degno grado, come che sia vario tal nutrimento. Chi mira piú alto, si differenzia piú altamente; e 'l volgersi al gran libro della natura, che è 'l proprio oggetto della filosofia, è il modo per alzar gli occhi: nel qual libro, benché tutto quel che si legge, come fattura d'Artefice onnipotente, sia per ciò proporzionatissimo, quello nientedime
no è piú spedito e piú degno, ove maggiore, al nostro vedere, apparisce l'opera e l'artifizio………..

Aggiungi commento

REGOLAMENTO SUI COMMENTI:
1- i commenti sono sottoposti a restrizioni
2- sono consentiti commenti su soggetti e fatti pubblici
3- saranno esclusi commenti e citazioni impropri di persone e ambiti privati
4- saranno escluse citazioni irridenti o non rispettose di commenti altrui
5- saranno esclusi commenti senza rilevanza di tema
6- è ammessa la forma satirica esclusivamente in relazione a contenuti pubblici
7- solo i commenti che la redazione riterrà conformi a quanto sopra saranno pubblicati

Commenti  

 
#4 Y 2015-01-20 17:47
bella l'invocazione di Antonio alle nove muse, ma destinata a non fare breccia, per due motivi.1)Nel dialogo c'è scritto:"LA FILOSOFIA IL SEPARA DAL COMUNE VOLGO"
Le muse che ne sanno di filosofia?
Sono del volgo! 2) "CHI MIRA IN ALTO SI DIFFERENZIA" Loro miravano solo alla poltrona. Ecco perchè la struggente richiesta di Cima cadrà nel vuoto.
Citazione
 
 
#3 Turista 2015-01-20 11:31
Non si consenta a persone evidentemente rozze e brutte dentro di BRUTALIZZARE con le loro opere le ultime porzioni di bellezza che ci rimangono, mostrando un totale disprezzo e insensibilità verso il nostro territorio e le meraviglie della natura
Citazione
 
 
#2 Amanteano 2015-01-18 17:13
Qualsiasi intervento ma nessuna barriera o colata di cemento in mare. Un RIPASCIMENTO NATURALE si potrebbe ottenere riportando a Sud le centinaia di MQ di sabbia che il mare in questi 30 anni, tra l'indifferenza della politica, ha riversato a Nord.

Mi auguro che la ragione prevalga sugli interessi esecutivi e progettuali.
Citazione
 
 
#1 Franco Falsetti 2015-01-18 13:26
...... Difendere le bellezze di Coreca significa amare questo paese, Amantea lo merita, uomini e donne amministratori di Amantea, dateci la risposta che ci aspettiamo, l'interesse primario é, e deve essere, quello della maggioranza dei cittadini. Domani tutti abbiamo la possibilità di distinguerci... ..... FACCIAMOLO!!!!!
Citazione
 

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose

 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto

amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 

temesa logo
I Luoghi di Temesa



© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA