Ruggiero, una soluzione di salvaguardia per Coreca è necessaria

ruggiero-sergio Amantea, Sergio Ruggiero consigliere comunale
LA DIFESA DI CORICA

A distanza di due mesi da Consiglio Comunale del 18 settembre 2014, con lettera prot. 18590 del 21.11.2014 chiedevo lumi al Sindaco e agli Assessori all’Ambiente ed ai Lavori pubblici circa eventuali proposte alternative che l’Amministrazione avrebbe dovuto produrre/ricercare rispetto al progetto approvato dalla Regione. La mia comunicazione così concludeva:

… Tanto premesso, appare doveroso allo scrivente consigliere richiedere, e pertanto richiede, informazioni sullo stato di svolgimento della pratica, ed in particolare:

  1. Quali iniziative siano state intraprese da parte degli Uffici e dagli Assessorati comunali competenti;
  2. Quali autorità siano state contattate;
  3. Quali organi tecnici e scientifici siano stati interpellati, e quali pareri siano stati espressi

Ad oggi nulla è sostanzialmente cambiato, neanche all’esito del recente incontro tecnico catanzarese. Quindi, l’unico progetto in campo è il solito, quello che avevamo chiesto di rivedere, mentre incombe la data oltre la quale il finanziamento sarà sostanzialmente vanificato.

Non è lo scoglio di Corica che deve essere protetto, non ne ha bisogno, il suo rapporto con il mare dei Tirreni va avanti da sempre, con una spiaggia che ai suoi piedi periodicamente scompare e ricompare. Oggi la spiaggia non c’è per tutta una serie di ragioni ascrivibili, credo, alla compromissione da parte dell’uomo dei meccanismi naturali di formazione ripariale. Una complessa questione di sistema. Nel merito esiste una copiosa letteratura, e comunque ogni ragionamento che abbia un senso non può prescindere da importanti orizzonti temporali. Nel nostro caso incombe una data, e perciò rimaniamo sul pezzo.

Restano da proteggere le opere umane, pubbliche e private, abitazioni, alberghi, strada, servizi di rete. Ma quale prezzo la comunità è disposta ad accettare in termini di “invasione dell’elemento naturale”? Da una parte ci sono coloro i quali vedono minacciati i propri interessi, e invocano l’intervento, io dico legittimamente. Si tratta di poche persone, poche noci che non fanno molto rumore. Altri, invece, più numerosi, sono orientati a privilegiare l’aspetto ambientale, di particolare rilevanza per ciò che di bello Corica rappresenta, anche in questo caso legittimamente.

Se dobbiamo delegare al mare la decisione di risolvere il problema, è fatta. Egli va dove deve andare, e allora addio alberghi, addio strada, addio case. D’altra parte, se non fossero state realizzate le barriere, addio lungomare di Amantea, addio strade, addio case, addio pizzerie, gelaterie…. E’ una possibilità che qualcuno ha invocato, ovviamente qualcuno che non ha proprietà minacciate dal mare.

Posso presentarmi? Sono un ex socio fondatore del WWF di Amantea, uno che è cresciuto a pane ed ecologia, che l’ecologia l’ha masticata, l’ha digerita, ne ha fatto cemento per la costruzione della propria (modesta) muraglia culturale. E sono un consigliere comunale, che pertanto in questa storia deve dire la propria, possibilmente con chiarezza. Perché, sapete, ci sono quelli del ni, cioè quelli che si esprimono a seconda di chi si trovano davanti, e poi ci sono quelli che non parlano mai per guardarsi la mano. Dovessimo contrariare qualche potenziale elettore?!

coreca barrieraE dovendo parlare con chiarezza, voglio dire che non accetto che si perda il finanziamento e che non si faccia nulla, perché questo esporrebbe il litorale di Corica alla distruzione. Non siamo ancora giunti al tempo del Giudizio Universale, all’indomani del quale l’evangelista Giovanni, nell’Apocalisse, profetava che il mare si sarebbe trasformato in una lastra di cristallo e non ci sarebbero state più tempeste e annegamenti. E invece le tempeste ci saranno, e possono fare molto male. Già oggi, ed il mare ultimamente sta scherzando, la situazione è peggiorata rispetto a questa estate.

Io non sono un tecnico del settore, ma ricordo che all’università studiavamo la fenomenologia dell’erosione costiera sui testi del Vallega (Arturo Suriano se lo ricorderà). E ricordo d’aver letto che purtroppo l’efficacia delle barriere soffolte è molto limitata, e d’altra parte il suo impiego, come quello di qualsiasi opera di difesa della costa, deve essere contestualizzato sulla base dei dati batimetrici e meteo marini di riferimento. Questioni complicate sulle quali io mi dichiaro ignorante. Stando alla letteratura, tuttavia, e stando a quello che dicono i tecnici della regione, la soluzione più efficace è proprio quella che non ci piace, la barriera emersa a protezione di un ripascimento artificiale che allontani i marosi dalla riva. D’altra parte ricostituire l’arenile senza una barriera non serve, ne abbiamo prova ad Acquicella dove in pochi anni non c’è rimasto nulla.

E adesso potrei parlare dell’incanto di Corica (che è incantevole davvero) fermo restando che a nord e a sud c’è il disastro, un orribile muro di cemento eroso e spaccato, in qualche modo protetto ai piedi da una barriera radente, addirittura un pozzo rotto di cui si vede la gola, un manufatto pèndulo e frantumi vari, insomma, scoglio a parte, uno sfasciume, soprattutto a sud. E se pensassimo a questa circostanza come ad un’occasione per mettere un po’ d’ordine?

Mi piacerebbe che si ripulisse tutto, si rivestisse il muro di contenimento con frammenti della stessa pietra di colore verde (compatibile con lo scoglio) con cui si dovrebbe eseguire l’opera di difesa, che si mettessero a dimora essenze adeguate lungo il bordo della strada. Insomma, mi piacerebbe che si intervenisse con un sistema di opere atte alla riqualificazione coerente ed integrale della zona. Bisognerebbe valutare se nell’ambito del finanziamento previsto sia possibile far tutto: in fondo l’opera accessoria più impegnativa, il rivestimento del muro, andrebbe fatto con la stessa pietra che si può frantumare e murare. Ma senza protezione tutto questo è impossibile, e su questo lancio un invito ad allargare lo sguardo verso tutti i punti cardinali.

E se per farlo dobbiamo accettare il progetto presentato, che a quanto pare rimane l’unico che disponga di tutti i pareri necessari, accettiamolo. La spiaggia davanti allo scoglio non sarebbe una novità, ci sono quadri e foto che lo dimostrano, magari ribassando compatibilmente l’altezza della barriera. Se poi è possibile non perdere il finanziamento ricercando altre soluzioni, meglio! Ma ripeto, non perdiamo il finanziamento.

Credo sia opportuno fare una considerazione circa il modo con cui questa Maggioranza affronta il problema, sottolineando che un Assessore è un Assessore e un Sindaco è un Sindaco, che hanno vinto le elezioni, hanno accettato di amministrare, sono pagati per farlo, e devono fornire soluzioni. E se non ci sono, devono spiegare cosa hanno fatto per cercarle, e francamente non mi pare che in questo la Giunta abbia brillato. E poiché trattiamo di una questione spinosa, la Maggioranza da subito ha scelto di coinvolgere tutti, a differenza del piano delle opere pubbliche sulle quali ha deciso di non ascoltare nessuno, per poi destinare ad altro uso i finanziamenti per il lungomare che versa in condizioni pietose, o non considerare degna di interesse la vergognosa questione delle case sciollate, o non discutere sull’attraversamento pedonale a Campora san Giovanni optando per una costosa passerella con ascensore che non userà mai nessuno. Magnifico! Quest’amministrazione sarà ricordata soprattutto per ponti e passerelle.

Grande rispetto per le opinioni di tutti, ma occorre pensare anche alle ragioni delle noci. Non pretendo il consenso e non lo cerco, l’unico bisogno che ho è di fare quello che ritengo giusto. Ho sbagliato? Possibile, ma l’infallibilità non è di questo mondo.

Sergio Ruggiero 25-01-2015

Aggiungi commento

REGOLAMENTO SUI COMMENTI:
1- i commenti sono sottoposti a restrizioni
2- sono consentiti commenti su soggetti e fatti pubblici
3- saranno esclusi commenti e citazioni impropri di persone e ambiti privati
4- saranno escluse citazioni irridenti o non rispettose di commenti altrui
5- saranno esclusi commenti senza rilevanza di tema
6- è ammessa la forma satirica esclusivamente in relazione a contenuti pubblici
7- solo i commenti che la redazione riterrà conformi a quanto sopra saranno pubblicati

Commenti  

 
#13 bumbeamanu 2015-01-26 16:26
Rugge dicialo chiaramente ca ti vo ingraziare sta amministrazione ,mintate in fila puru tu ca tu dunanu nu lavuricchiu, i vrigogna
Citazione
 
 
#12 bumbeamanu 2015-01-26 16:24
ma onestamente per quanto riguarda il lato nord se dovesse cadere la strada poco importa c'e' sempre la galleria, e quindi io proporrei giusto una mini barriera soffolta proprio li davanti; per quanto riguarda lato sud , diciamolo chiaramente che il piu danneggiato sarebbe la scogliera hotel, ma onestamente me ne può fregar de meno visto di chi si tratta, magari si fa piazza pulita, cosi qualche politico dovrà cambiar spiaggia
Citazione
 
 
#11 Sergio Ruggiero 2015-01-26 15:48
per Arturo. Non è tanto perdere il finanziamento, quanto non intervenire sapendo che c'è una situazione oggettivamente a rischio, e su questo dovremmo ascoltare anche chi lì ci abita o ci lavora. In primo luogo scelgo di intervenire, e poi di pensare a questa cosa come ad un'occasione di riqualificazion e della zona. Come si dice, voglio tentare di spaziare col pensiero tra ragione e paradosso. Grazie Arturo per l'ottima provocazione
Citazione
 
 
#10 arturosuriano71 2015-01-26 13:37
Se poi non perdere il finanziamento significa provocare altri danni che vanno ad aggiungersi a quelli finora prodotti, allora è meglio perderli...
Citazione
 
 
#9 Sergio Ruggiero 2015-01-26 13:34
Hai ragione Antonio, e credimi, non lo faccio a cuor leggero
Citazione
 
 
#8 arturosuriano71 2015-01-26 12:18
Amministrare significa prendere decisioni, ognuno compreso te ha il diritto di esprimere un pensiero libero, conosco la tua storia personale, so che sei in buona fede, anche io lo sono...
Citazione
 
 
#7 sergio Ruggiero 2015-01-26 10:37
Hai ragione Arturo. E' una questione di sistema, e le questioni di sistema richiedono tempi incompatibili con il nostro caso. Noi non possiamo che scegliere. Mi piacerebbe un'arenile naturale, mi piacerebbe che non fosse necessario mettere pietre in mare, mi piacerebbe vivere nell'Arcadia. Mi piacerebbe non dover spiegare quanto mi costi compiere una scelta difficile conquistando tanta ostilità e qualche mezza minaccia.
Citazione
 
 
#6 camporese 2015-01-26 10:05
Secondo me quanto sopra scritto si può interpretare solo in un modo....
Citazione
 
 
#5 Antonio Cima 2015-01-26 09:53
Caro Sergio
A causa del disinteresse della maggioranza a cercare soluzioni alternative, considerando che non esistono spazi temporali per rimediare, a me pare che, ahinoi, esistano solo due possibilità:
a) rinunciare al finanziamento
b) realizzare quella barriera devastante.
I cittadini possiamo esprimerci liberamente senza gravame; gli amministratori si porteranno dietro la responsabilità, in entrambi i casi, di quanto avranno deciso.
Citazione
 
 
#4 pluto 2015-01-26 09:46
E meno male che sei socio fondatore wwf...
Citazione
 

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 


 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose


 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

temesa logo
I Luoghi di Temesa

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

petilia santa spina
Riti Pasquali

In Calabria


 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto


amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 




© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA