Amantea, San Francesco quello che non va

amantea san francesco

Amantea, la difficoltà ad essere migliori
Sito archeologico di San Francesco:
perchè ogni opera finisce sempre in affanno?

Ciò che dovrebbe essere diversamente

Ho seguito i lavori di San Francesco fin dal primo momento; sei anni fa si cominciò con il primo step, poi qualche anno di pausa, la fase ultima completata a fine 2015 con l’inaugurazione il 25 aprile 2016. E’ costato poco meno di 1,5 milioni di euro, una bella cifra.

Potrei raccontare e mostrare tutto l’iter realizzativo, quel che ho ritenuto opportuno oscurare, l’attesa di riavere a nuova vita un antico luogo.

Questo capita per gli spazi dell’infanzia, cari a chi scrive e sicuramente anche a chi legge.

Evito di ciurlar nel manico ignorando l’elenco di tutto ciò che poteva e doveva andare diversamente. Ho atteso con entusiasmo la fine dei lavori, ho partecipato all’inaugurazione con spirito di servizio, ho reputato transitoriamente fisiologica e risolvibile la carenza emergente in alcuni aspetti.

Tanta è la fiducia e l'aspettativa in questo luogo che con continuità cerco di mostrarlo ad amici, amanteani e turisti che abbiano voglia di visitarlo. continua dopo foto


Varie visite sono state fatte finora compresa quella nelle foto del 10 u.s. con pochi amici. Per tutta l’estate saranno organizzate escursioni con chi vorrà partecipare. Si comincia dalla grotta con gocce di storia cittadina, si va a piedi per via Dogana, si attraversano i vicoli intimi di Catocastro, si arriva alla sito chiesa/convento del Collegio, si va su fino a San Francesco arrivando all’ora del tramonto. Varie brevi soste per ammirare e raccontare. Si rientra da via Indipendenza mostrando e raccontando il resto del borgo in notturno.

Circa tre ore di coinvolgimento che finora hanno riscontrato il gradimento dei partecipanti.

Tutto ciò dimostra che questo luogo, e vari altri contesti del territorio, possono avviare la crescita d’immagine di Amantea.

MA BISOGNA MIGLIORARE PRESENTABILITA’ E DECORO.

Non è possibile che in questo paese non si riesca a portare a termine una sola opera che risponda a tutti i requisiti del capitolato, con normalità ed efficienza.

Alcuni giorni fa sono stato a San Pietro in Amantea per visitare ciò che è stato realizzato con i fondi europei. Ogni cosa secondo i crismi della normalità, anche negli aspetti secondari che, in realtà, sono quelli che maggiormente risaltano. Invito tutti ad andare a San Pietro.

Ad Amantea ogni cosa prende il verso che vuole, è prassi consolidata e ingoiamo tutto: Marchio d’Area Antica Temesa docet, ovvero 300.000 euro per il turismo completamente bruciati senza alcun riscontro, nel quasi totale silenzio di gruppi consiliari di minoranza, partiti, movimenti, fondazioni, associazioni.

Ritornando al sito di San Francesco, evitando argomentazioni sul recupero strutturale, ci voleva tanto a rimediare alcuni aspetti che emergono per oggettivo menefreghismo, soverchia non curanza, palese carenza sulla comunicazione culturale e turistica?

-non esiste una sola indicazione del luogo; arriva la gente e non sa dove andare; che ci voleva a fissare per strada alcune targhe con una freccia e una distanza: una al comune, una alla matrice, una alla Pinta, una alle Clarisse.

-quel vergognosissimo cancello da cantiere arrugginito (tra l’altro pericoloso) che accoglie i visitatori; in tutti i siti del mondo all’ingresso trovi una targa che ti dice dove sei.

-alcuni spazi come se fosse ancora cantiere con ferri e legni fuori luogo.

-i due bagni chiusi, non disponibili, probabilmente non funzionanti.

-sul piazzale a ovest del rudere una parte di colonna buttata per terra; il muretto di cinta della vallata è limitato con steccati approssimativi, indecenti da vedere e di palbabile insicurezza.

-non esiste una sola panchina laddove varie potrebbero stare creando piccoli spazi d’accoglienza.

-in tutta l'area non c’è un solo cestino.

-per tutti i siti storici oggetto di restauro con finanziamento pubblico, di norma, insieme a quanto veicolato sul web vengono prodotti elementi documentali cartacei essenziali, neanche a parlarne.

-la pulizia per l'estate è garantita, speriamo anche in seguito.

Non mi pare che si stia scrivendo il libro dei sogni, si tratta di cose assolutamente ordinarie , di buon senso, a quasi tre mesi dall'inaugurazione.
Il monumento c’è, ha la sua valenza, ha il suo fascino, può essere elemento utile per un inizio di recupero di attrazione turistica, perché non completarne il decoro?

Antonio Cima 14-07-2016

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 


 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose


 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

temesa logo
I Luoghi di Temesa

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

petilia santa spina
Riti Pasquali

In Calabria


 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto


amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 




© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA