'U pecuraru i Capu Bonifati ad Amantea

capu-bonifati
amantea elezioni-comunali-2014-risultati
Anche Elena Arone lascia la maggioranza
(Nel Consiglio comunale di Amantea del 30-12-2016)
Un destino scontato quello della consiliatura?

(uno storico aneddoto marinaro assimilabile al contesto dell'amministrazione
amanteana in carica) 
 ...E 'nnamini unu (Alessandro Salvatore),
...E 'nnamini dugua (Sergio Tempo),
...E 'nnamini trija (Elena Arone)
...
'U pecuraru 'i Capu Bonifati...riuscì, con il bastone, a divincolare i pescatori anchilosati.
Dai racconti di mare di mio nonno paterno
(cosi ca si cuntavunu...e si cuntunu ancora
)
di Antonio Cima 30-12-2016

Una ciurma di pescatori di Amantea, raccontava mio nonno paterno intorno al braciere nelle fredde serate invernali agli inizi degli anni ‘60, nella speranza di fare un abbondante pescato, si spinse “fora du maru nuostru” fino a Capo Bonifati, a nord di Cetraro.
Partirono a remi all'ora dello spirò (lo spirar del sole), arrivarono a notte fonda trovando un consistente grecale e la luna ancora viva.
Aspettando le migliori condizioni di mare, vento, luna, decisero di scendere a riva, portando la barca in secca sulla spiaggia orientandola in direzione della pulara (stella polare) in contrasto al vento.
Trovandosi in una rada con abbondanza di orfanielli (legna e arbusti di spiaggia), ne raccolsero in quantità, accesero il fuoco disponendo una carcara nella sabbia e si sdraiarono sottovento addossati alla murata di ponente per ripararsi dal grecale che pungente scivolava dalla collina come in tutta la costa tirrenica, ove, nei promontori dei capi, si manifesta ancor più pungente. Per proteggersi dal freddo i pescatori si strinsero l’un l’altro intrecciando le gambe e avviluppandosi come nei canti danteschi si usa rappresentare i dannati.
Successe una cosa che mai fù riscontrata prima: un sonno profondo colse i pescatori che, svegliandosi all’alba, saltarono la pesca.
Nel contempo il freddo, l’età non più giovanile, la lunga pausa in posizione rigida, crearono una immagine surreale: le gambe dei pescatori si erano anchilosate aggrovigliando i corpi come nel celebre quadro la zattera della Medusa del pittore francese Théodore Géricault.
Cercarono di divincolarsi, i pescatori, senza riuscirvi.
Da li a poco passò sulla duna, nella zona lato monte della spiaggia, un pastore con circa cinquanta pecore.
‘U nachjeru (il capo ciurma) chiese all'uomo di soccorrerli.
Il pecoraio si distaccò dalle pecore, si avvicinò ai sofferenti marinai e subito capì cosa fare.
Si posizionò davanti all’intreccio umano, divaricò le gambe per assestarsi sulla sabbia, alzò il bastone con entrambe le mani e, vibrandolo con decisione, lo scagliò sulle gambe del pescatore più vicino.
L’urlo del pescatore fù acuto, ma il dolore straziante fù ripagato dal potersi divincolare dal gruppo alzandosi con il sostegno dello scalmo di poppa posizionato sopra la testa.
Vedendo alzare il pescatore il pecoraio esclamò:
e ’nnamini unu” che in lingua madre sarebbe “ne abbiamo uno” ovvero "il primo è fatto".
Il pecoraio ripetè il gesto…”e ‘nnamini dugua”, poi “e ‘nnammini trija", fino al penultimo.
Quell’episodio inusitato e inspiegabile non consentì alcuna pesca e scrisse una pagina poco edificante per la marineria clampetina.

In ambito marinaro questo fantasticato evento viene spesso utilizzato retoricamente quando si determina una situazione ingarbugliata dalla quale risulta difficile liberarsi.

Corre voce che dal Comune di Amantea qualcuno si sia rivolto al nipote di quel pecoraio che, sulla base dell'esperienza del nonno, si stia adoperando per il divincolamento.
E ‘nnamini unu” ha esclamato il giovane pecoraio di Capo Bonifati vedendo il consigliere Alessandro Salvatore divincolarsi dalla maggioranza;
E ‘nnamini dugua” ha enfatizzato ancora vedendo il consigliere e assessore Sergio Tempo alzarsi dalla duna Rosa Arcobaleno;
E ‘nnamini trija” ha esultato al rialzarsi della consigliera Elena Arone;
Ora tutti sono ansiosi di sapere chi sarà il prossimo e definitivo.


Antonio Cima 30-12-2016

Aggiungi commento

REGOLAMENTO SUI COMMENTI:
1- i commenti sono sottoposti a restrizioni
2- sono consentiti commenti su soggetti e fatti pubblici
3- saranno esclusi commenti e citazioni impropri di persone e ambiti privati
4- saranno escluse citazioni irridenti o non rispettose di commenti altrui
5- saranno esclusi commenti senza rilevanza di tema
6- è ammessa la forma satirica esclusivamente in relazione a contenuti pubblici
7- solo i commenti che la redazione riterrà conformi a quanto sopra saranno pubblicati

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 


 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose


 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

temesa logo
I Luoghi di Temesa

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

petilia santa spina
Riti Pasquali

In Calabria


 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto


amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 




© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA