Nino Buffone: riflessione su Amantea tra passato e presente

buffone-nino Nino Buffone
Amantèa nome da sogno antico....
....e incubo contemporaneo
Tante citazioni di Amanteani e personaggi illustri

Una vecchia pagina di Nino Buffone: Amantèa non è solo una parola
che segna il nome di un paese. Esistono dei brani della letteratura del '900 che evocano Amantèa come il luogo ove memoria, natura, paesaggio sono in grado di dare quiete ad una condizione umana tormentata.

Tra letteratura e cronaca.

Amantèa nome da sogno antico e incubo contemporaneo.

Amantèa non è solo una parola che segna il nome di un paese. Esistono dei brani della letteratura del '900 che evocano Amantèa come il luogo ove memoria, natura, paesaggio sono in grado di dare quiete ad una condizione umana tormentata. Quel nome si fa topos letterario . L'indimenticato Enzo Fera, nell'incipit della sua opera " Amantea la terra, gli uomini i saperi " - Ed.Pellegrini Editore, Cosenza 2000 – così scrive :

"Amantea è una cittadina ricca di luoghi incantati e luminosi, disseminati di vestigia antiche, che spingono la memoria verso lo splendore delle civiltà del passato che hanno determinato il complesso della sua storia".

Questo spingere la memoria verso il passato lo troviamo, ad esempio, nelle prime pagine di " Conversazione in Sicilia " di Elio Vittorini che leggevamo, ai tempi del Liceo, fieri della definizione che vi trovavamo del nostro paese.

"Poi viaggiai nel treno per le Calabrie, ricominciò a piovere, a essere notte e riconobbi il viaggio, me bambino nelle mie dieci fughe da casa e dalla Sicilia, in viaggio avanti e indietro per quel paese di fumo e di gallerie, e fischi inenarrabili di treno fermo, nella notte, in bocca ad un monte, dinanzi al mare, a nomi da sogni antichi, Amantèa, Maratèa, Gioia Tauro."

Nomi da sogni antichi, di passate illusioni, quando ancora il genere umano non era perduto e non avevano ragion d'essere quegli "astratti furori" di cui il personaggio era preso al tempo del viaggio verso la natìa Sicilia.

amantea stazionePer contro, nel romanzo " Non entrare nel campo degli orfani " di Enzo Siciliano, Amantèa è rievocata come luogo della giovinezza. Tornare in Calabria, per il personaggio, significa, tra l'altro rivivere, gli anni fondamentali della formazione giovanile in una terra favolosa, arsa e profumata sulle coste deserte.

 

"... Còreca è uno scoglio che limita a sud l'ansa di Amantea. C'era una pista di cemento, le tende a strisce attorno per proteggere i tavolini dall'umido, e un'orchestrina che suonava per una dozzina di coppie. Molti ragazzi bevevano Peroni e Coca Cola al bar: guardavano gli altri ballare. Il mare scivolava nel buio sotto lo scoglio ... Dancing era scritto sulla soglia della pista in corsivo, con il sottile tubo azzurro del neon ... Ad Amantea trovammo tre ragazze napoletane, brune, i capelli ricci, che sembravano aspettarci accanto ad una porticina schiusa su un muro di mattoni ... Ci si parava di fronte una fila di piccole costruzioni, più magazzini che case, perse lungo orti di aranci annidati sotto la massicciata della ferrovia. Con la moto avevamo attraversato l'arco di un ponte, e le tre, con indosso vestagliette a fiori, avevano fatto cenni di mano nell'alone del nostro faro. La più adulta, addirittura, aveva mostrato in una risata, per un attimo, le cosce ... La strada era deserta. Sul dosso, contro il cielo buio, passò un treno merci, e con lentezza imboccò la dirittura verso la stazione di Amantea: cigolavano i vagoni su uno scambio. Seguì, subito dopo, il fischio di un direttissimo – per lo più i finestrini con la luce azzurra della notte: - arrivò fino a me il risucchio del vento. Ebbi voglia di pisciare, e pisciai lì, senza farmi da parte: nel silenzio, solo lo scroscio ..."

amantea corecaVi lascio sognare i luoghi e le situazioni descritte. Annoto che quel direttissimo dai finestrini azzurrati fischia anch'esso nella notte...forse una delle tante " Frecce del Sud " che in quegli anni portavano al Nord speranze di cartone. 

Un terzo caso di evocazione letteraria del nome di Amantèa ci è offerto dal romanzo " Stella errante " di Jean-Marie Gustave Le Clézio. L'autore, nato a Nizza, è stato insignito del Premio Nobel per la letteratura nel 2008.

E' la storia di Esther che nell'estate del 1943 scopre cosa significhi essere ebrei in tempo di guerra. Terminato il conflitto Esther e la madre emigrano in Israele. Ma nuove guerre spazzeranno presto anche la terra promessa.

" ...Mi parlava del passato, di mio padre. Diceva: "Michel". Mi parlava di Nizza, di Antibes, dei suoi giorni felici, delle passeggiate lungo il mare, delle vacanze in Italia a Siena,Firenze, Roma.... Il ristorante di Amantea, il mare così azzurro, i promontori che si protendono nel crepuscolo. Era come se fossi stata con lei, con mio padre, come se avessi mangiato quell'anguria fresca e bevuto quel vino, sentito la musica delle onde e le grida dei gabbiani. Tutto il resto spariva quando mi parlava di Amantea e di quei giorni d'estate del loro matrimonio...Ogni giorno la voce di Elizabeth diventava più flebile, raccontava continuamente le stesse cose, ripeteva gli stessi nomi, le stesse città, Pisa,Roma,Napoli e sempre il nome di Amantea, come fosse stato l'unico posto al mondo in cui la guerra non era mai arrivata...Sentivo la mano di Elizabeth stringere la mia, la sua voce mormorare parole incomprensibili, le parole d'amore pronunciate sulla spiaggia di Amantea, stretta al corpo di mio padre, le parole dette in segreto mentre il mare sembrava ancora più bello, rilucente di schegge di luce con le onde senza fine che avanzavano sulla spiaggia. ...L'acqua le scendeva nelle vene da un tubicino, goccia a goccia, e le mie parole erano come quelle gocce, uscivano una dopo l'altra, impercettibili, flebili, lente: il sole, il mare, le rocce nere, il volo degli uccelli, Amantea, Amantea... Ancora parole per guadagnare tempo, per restare ancora un poco, per non andare via. Il sole, la frutta, il vino spumeggiante nei bicchieri,il profilo affusolato delle piccole barche da pesca, la città di Amantea che s'addormentava nell'afa pomeridiana, la freschezza delle lenzuola sotto la pelle nuda, l'ombra azzurra delle persiane chiuse...non c'era stata nessuna guerra, niente aveva turbato l'immensità del mare così calmo..."Amantèa, Amantèa...bastava solo ripeterne il nome perchè quel suono, quel luogo, in cui la guerra sembrava non essere mai arrivata, lenisse le pene di una vita disgraziata. 

amantea spiaggiaEd è leggendo e rileggendo pagine come quelle riportate che ti viene da chiederti: questa era dunque la nostra ricchezza? Tutto stava in un nome da sogno antico, in uno scoglio e un golfo d'orti d'arance dove la meglio gioventù del dopoguerra veniva formandosi alla vita; tutto in quelle parole d'amore dette in segreto tra le tamerici sabbiose mentre il mare era ancora più bello solcato dal profilo di piccole lampare; tutto nel sole, la frutta, il vino spumeggiante nei bicchieri, la semplicità degli uomini e delle cose che niente sembrava turbare come l'immensità del mare così calmo.

La letteratura, certa letteratura, aveva capito in anticipo.
Poi muore il Novecento, secolo della modernità e dei grandi romanzi.Cosa rimane di quella ricchezza?
In libreria ti passa tra le mani un libro di cronaca, scorri l'indice dei nomi, leggi Amantèa e vai a quella pagina.

" Ad Amantea, nel dicembre del 2007, è stato sequestrato il porto, controllato dal clan Africano-Gentile e utilizzato anche per traffici di droga, armi ed esplosivo. Oltre a ville e appartamenti, sotto sequestro è stata posta anche la motonave Benedetta II utilizzata per i collegamneti con le isole Eolie, in Sicilia. Le 'ndrine di Amantea, utilizzando tutta la loro forza intimidatrice, erano riuscite anche a "sfrattare" la capitaneria di porto di Vibo Valentia, costretta a smantellare i presidi fissi e mobili di vigilanza all'interno dell'area portuale, dopo aver subito una lunga seria di attentati.Gli Africano-Gentile, con l'appoggio del boss di Cetraro, Francesco Muto, gestivano anche il servizio dei rifiuti in molti comuni del comprensorio. Nel luglio del 2008 molte delle persone arrestate nel dicembre 2007, ..., sono state rinviate a giudizio." (Fratelli di sangue – N.Gratteri – A. Nicaso – Mondadori)

Chiudi il libro con lo sgomento nel cuore: il nome di Amantèa da sogno antico ora è diventato un incubo contemporaneo.

Antonio Buffone 23/06/2012

Aggiungi commento

REGOLAMENTO SUI COMMENTI:
1- i commenti sono sottoposti a restrizioni
2- sono consentiti commenti su soggetti e fatti pubblici
3- saranno esclusi commenti e citazioni impropri di persone e ambiti privati
4- saranno escluse citazioni irridenti o non rispettose di commenti altrui
5- saranno esclusi commenti senza rilevanza di tema
6- è ammessa la forma satirica esclusivamente in relazione a contenuti pubblici
7- solo i commenti che la redazione riterrà conformi a quanto sopra saranno pubblicati

Commenti  

 
#8 uomo gatto 2015-11-04 16:24
a Campora senza mafia pochi riuscirebbero a campare, molte attività economiche rilevanti sono state create e alimentate da essa
Citazione
 
 
#7 uomo gatto 2015-11-04 11:17
Citazione Filippo:
E' facile parlare di mafia ad Amantea, dato i precedenti. Gli attentatori probabilmente sono forestieri, non è detto che siano locali. Possono essere di S.Lucido, di Cetraro e via dicendo di altre località dove la mafia ha radici profonde. Devono stare all'erta le Istituzioni. Il comune funziona la giustizia si annida la mafia e la democrazia si riduce ad un lumicino.

ad Amantea la mafia non ha radici profonde, invece? sei sicuro?
Citazione
 
 
#6 Filippo 2012-06-27 15:33
E' facile parlare di mafia adAmantea,dato i precedenti.Gli attentatori probabilmente sono forestieri,non à detto che siano locali.Possono essere di S.Lucido,di Cetraro e via dicendo di altre località dove la mafia ha radici profonde.Devono stare all'erta le Istituzioni.Il comune cittadino ha il dovere di pagare le tasse ed il diritto a vivere tranquillamente .Dove non funziona la giustizia si annida la mafia e la democrazia si riduce ad un lumicino.
Citazione
 
 
#5 Dante Perri 2012-06-26 00:13
“....De ninguna manera quiero perderte, me conformaré con verte de vez en cuando , con veros de vez en cuando , ¡ tengo que conocerla!, tengo que conocer a la incomparable Amantea…”

Così si esprime David Cantero giornalista madrileno nel suo libro "Amantea"
Citazione
 
 
#4 Galgal 2012-06-25 21:48
Un post intriso di malinconia.Di rimpianto per quello che poteva essere Amantea e non è stato. A "filippo": di quale turismo parli? Quanto agli episodi "pseudo mafiosi" altrochè se sono veri e sono pure documentati nelle cronache e nei processi giudiziari.Vi saluta Galgal.
Citazione
 
 
#3 Totò Sciandra 2012-06-25 19:39
Le AFFINITA' ELETTIVE non sono solo invenzioni letterarie, ma hanno in sè le coordinate del luogo ove trovarsi e viverci insieme; non tutti,haimè!,ca ro Nino seguono le rotte di Omero e tanti si perdono nei sentieri "dei nidi di ragno.Con tanta stima ed affetto,Totò
Citazione
 
 
#2 filippo 2012-06-25 19:38
Io non mi complimento proprio,anzi dico che il commento del Buffone termina con un aspetto negativo per il turismo della nostra cittadina .Sono episodi pseudo-mafiosi che accadono ovunque.Il Sindaco dia una regolata ai vari servizi del Comune,metta i vigili per strada,scriva alla Legione Carabinieri che la caserma va potenziata.Io non vedo un carabiniere per strada.Con questa pacchia gli attentatori del pov.Antonio rimarranno impuniti.
Citazione
 
 
#1 Memoria 2012-06-25 18:01
Complimenti a Nino Buffone per il delicato tratteggio della nostra città proposto.
Citazione
 

Unisciti a noi su Facebook

  amantea colori 944
"La Mantia"
4ª Edizione
Passeggiata
nel borgo
Concorso foto
Sabato 1 luglio 2017

AMANTEANI
  
amanteani colori
Amanteani a colori

amanteani passato 860
Amanteani
in bianco e nero


amantea scuole scolari
Amanteani
scolari e maestri


amanteani occhi belli
Amanteani
Ed avevamo gli
occhi troppo belli

amanteani passato 996
Amanteani
del passato
 

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose

 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto

amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 

temesa logo
I Luoghi di Temesa



© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA