Comunicato delle associazioni sui migranti

 

   COMUNICATO SUI MIGRANTI DI AMANTEA

 

Più che in altre circostanze precedenti, ha destato viva preoccupazione la recente protesta dei migranti ospitati ad Amantea e sfociata nell’azione di blocco materiale di un’auto con all’interno una donna, responsabile della struttura che accoglie i rifugiati, e del proprio figlio. Atto non giustificabile con alcuna scusante, esecrabile e intollerabile .

Ciò specificato resta però il fatto che negli ultimi tempi le proteste e le rimostranze da parte dei rifugiati si susseguono in continuazione. Segno evidente di un malessere e di uno stato di persistente disagio che va affrontato con serietà e responsabilità dagli organismi competenti e risolto con chiarezza.

Donde derivano le proteste dei migranti?

Dalla mancata concessione del permesso di soggiorno e dei successivi documenti d’identità che permetterebbe loro di essere liberi e muoversi nel territorio nazionale;

dalle condizioni in cui sono costretti a convivere all’interno della struttura ospitante.

Noi crediamo che si possa fare chiarezza in tempi rapidi su entrambi i problemi. Esistono certamente leggi e regolamenti nazionali e internazionali che dettano le regole da rispettare e criteri di assegnazione cui attenersi per il rilascio dei documenti di identità ai rifugiati. Tant’è che alcuni dei migranti stessi hanno potuto usufruire di tali benefici. Sono criteri univoci o suscettibili di varie interpretazioni a seconda dell’organismo o ente locale che valuta le richieste?

Gli organismi competenti dovrebbero, perciò, in tempi accettabili decidere in merito e stabilire chi ha diritto alla concessione del documento di identità e chi no. E agire di conseguenza.

Anche sul secondo problema sollevato si tratta di intervenire al più presto, considerato che la situazione è conosciuta, nonché denunciata da più parti, da più di un anno. È vero che la struttura non ha la capacità di ospitare decentemente e dignitosamente circa 140 persone? Che le condizioni igienico-sanitarie sono gravemente insufficienti? Che la convivenza tra le varie etnie e religioni risulta compromessa per il continuo disagio determinato dalla qualità di vita e dai conflitti interpersonali?

Dalle dichiarazioni rilasciate dagli stessi migranti agli organi di stampa risulta chiaramente che non vogliono restare ad Amantea “dove siamo stati letteralmente deportati” e che fin tanto che sono costretti a fermarsi rivendicano condizioni di dignità “… noi abbiamo una dignità da difendere e un futuro per il quale lottare …”. Risulta anche che gli enti e gli organismi incaricati dell’organizzazione dell’accoglienza in Calabria e della gestione dei migranti (Regione Calabria, Protezione civile regionale, ecc.) hanno accentrato ogni decisione senza dialogare con l’Amministrazione locale, con le associazioni, le organizzazioni cittadine. Come se le conseguenze del loro operato non si riflettessero sulla città e sui suoi cittadini. Le operazioni di polizia successive alle proteste non possono risolvere i problemi che preesistono. Si tratta allora di dimostrare la volontà di risolvere con trasparenza e capacità e con l’applicazione delle leggi lo stato di questa umanità derelitta giunta fino alla nostra terra. In altre regioni d’Italia l’accoglienza ha funzionato non ammassando in poche zone i migranti, garantendo i servizi essenziali e il rispetto della dignità della persona.

È responsabilità degli organismi di gestione e degli apparati amministrativi attivarsi prima dell’ennesima protesta dei rifugiati, prima di qualche escalation violenta, prima che crolli la forza di sopportazione.

Si tratta allora di agire di conseguenza senza altro obiettivo che quello della giusta soluzione del problema dimostrando di voler smentire nei fatti la denuncia degli immigrati “Siamo stati consegnati nelle mani di persone che da più di un anno ci tengono in ostaggio e non riusciamo a comprendere i meccanismi burocratici che impediscono di dare risposte ai nostri problemi”.

 

14 luglio 2012

 

AUSER AMANTEA

LEGA SPI AMANTEA

CGIL AMANTEA

COMITATO CIVICO “NATALE DE GRAZIA”

MOVIMENTO AGENDE ROSSE CALABRIA

COORDINAMENTO TERRITORIALE DELLE ASSOCIAZIONI DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO DI AMANTEA

IL TASSELLO ONLUS

ASSOCIAZIONE BRETIA

Unisciti a noi su Facebook

  amantea colori 944
"La Mantia"
4ª Edizione
Passeggiata
nel borgo
Concorso foto
Sabato 1 luglio 2017

AMANTEANI
  
amanteani colori
Amanteani a colori

amanteani passato 860
Amanteani
in bianco e nero


amantea scuole scolari
Amanteani
scolari e maestri


amanteani occhi belli
Amanteani
Ed avevamo gli
occhi troppo belli

amanteani passato 996
Amanteani
del passato
 

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose

 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto

amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 

temesa logo
I Luoghi di Temesa



© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA