Il Cammino di Santiago

Il Cammino di Santiago, il significato tra fede e costume e gli sviluppi avuti nel tempo

Approfitto dell’esperienza fatta da un nostro ragazzo in cammino verso Santiago de Compostela - al ritorno del quale è entrato a far parte dei seminaristi del Seminario Maggiore -, per parlare del “Cammino”.   Se non è stato già fatto.

Giacomo, figlio di Zebedeo, pescatore, era uno dei 12 apostoli, come il fratello Giovanni l’Evangelista. Dopo la resurrezione di Cristo per molti anni girò la penisola iberica per compiere l’opera di evangelizzazione. Tornato in Palestina fu fatto decapitare dal re Erode Agrippa, perchè temeva che l’apostolo acquisisse un eccessivo potere; i suoi discepoli Attanasio e Teodoro ne raccolsero il corpo e lo trasportarono nei pressi di Capo Finisterre,(costa nord ovest della Spagna) si addentrarono in Galizia e gli diedero sepoltura.
Nei secoli successivi si perse traccia del sepolcro. Nell’anno 813 l’eremita Pelayo vide, per molti giorni successivi, una pioggia di stelle cadere sopra un colle. Una notte gli apparve in sogno San Giacomo che gli svelò che il luogo delle luci indicava la sua tomba. L’abate rimosse la terra che nei secoli si era depositata e scoprì il sepolcro. Ne diede notizia al Vescovo locale Teodomiro che confermò la veridicità dell’accaduto. La notizia giunse presto al Papa ed ai principali sovrani cattolici dell’epoca. Di qui iniziò il culto di Santiago Fu costruita una piccola chiesa sul luogo del sepolcro; ben presto sorse intorno una città che fu denominata Santiago de Compostela (da campus stellae).

Lungo il percorso si sviluppò una rete di servizi per il sostentamento dei pellegrini: chiese, monasteri, alloggi, ospizi, ospedali, locande, molte dei quali ancora visibili ai giorni nostri. Molti re e personaggi noti effettuarono il pellegrinaggio: San Francesco fu uno di questi.

Dante stesso parla di tre grandi vie di pellegrinaggio:-Una diretta a Gerusalemme ( i pellegrini erano detti “palmieri” – le palme d’oltre mare- la palma era il simbolo del pellegrinaggio.

-una diretta a Roma i pellegrini erano detti romei –da Roma- il simbolo era la croce.

-una diretta a Santiago erano i “pellegrini” propriamente detti per il luogo più lontano, più peregrino il simbolo era ed è la conchiglia.

Nel XVIII secolo iniziò un progressivo declino. Poi nel 1989 dopo la visita del Papa Giovanni Paolo II in concomitanza con l’incontro mondiale della gioventù: mezzo milione di giovani convennero a Santiago. Ci fu una ripresa dei pellegrinaggi.

Giuseppe Aloe

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose

 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto

amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 

temesa logo
I Luoghi di Temesa



© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA