Inizio della fine della carta stampata - chiude Newsweek

Il giornale USA Newsweek abbandona la carta, dal 1° Gennaio 2013 solo online
Il prestigioso settimanale travolto dal calo di lettori e pubblicità:

Questo è solo l’inizio della fine della carta stampata
Da tempo vado sostenendo, come altri, che entro la decade in corso i giornali cartacei cesseranno di esistere.
Quanto di seguito descritto avverrà tra qualche anno anche se potrebbe esistere già da tempo. Da anni sono disponibili supporti strumentali e logici per il grande balzo, ma i ritardi conoscitivi degli utenti non lo consentono.
Ho già evidenziato, e ribadisco, che una moltitudine di giornali italiani sarebbe chiusa da tempo se non fosse sostenuta dal finanziamento pubblico, dalla grande quantità di copie fornite gratuitamente a istituzioni statali e dalle vendite in accoppiata che “drogano” la tiratura.
Dei grandi giornali nazionali qualcuno non riuscirà a traslare sul web e cesserà. La professione giornalistica sarà sconvolta; si affermeranno definitivamente e totalmente le nuove forme di comunicazione rapide, essenziali, con nicchie di approfondimento.
Le prestigiose testate nazionali, anche sul web, continueranno ad occupare, con le migliori firme, gli spazi dei grandi temi della politica, economia, finanza, estero, riducendo moltissimo introiti e costi.
Il mondo del lavoro settoriale ne risentirà sensibilmente.
in negativo: personale non giornalista delle testate, industrie che producono macchine per stampa giornali e indotto, trasportatori, edicole, cartiere;
in positivo: produzione di supporti informatici (pc, tablet, smartphone,..), utenza web, esperti comunicazione web, grafici web.

Più in la sarà “universalizzato” il modo d’informarsi su richiesta. Ogni utente (con carenza di tempo) segnalerà gli ambiti d’interesse particolari e su ciò, per come chiederà, sarà tempestivamente informato pur nella facoltà di spaziare autonomamente.
Ovviamente i social network la faranno da padrone condizionando l’intero pianeta cibernetico. Ciò è comprovato dal fatto che i politici più avveduti comunicano in tempo reale tramite facebook e twitter e stanno costantemente con un tablet in mano in tutte le assise.

La stampa territoriale
Chi ne risentirà in maniera devastante sarà la stampa di ambito regionale/provinciale (la più diffusa) che in prevalenza si basa sui fatti locali rigogliosamente presenti sui siti web che, non poche volte, anzi ad abundantiam, ispirano(eufemismo) le colonne in cellulosa.
Le poche testate regionali che riusciranno a sopravvivere sulla rete lo potranno fare solo con un rapporto simbiotico con i siti territoriali che garantiranno una informazione capillare ad un vastissimo pubblico, ben oltre quello regionale della carta.
Nella comunicazione territoriale le immagini avranno una netta prevalenza e l’informazione andrà in parallelo con la promozione dei luoghi raccontando gli accadimenti correlati alla quotidianità di usi, costumi.
Attualmente, e lo rimarrà anche in futuro, è inevitabile relazionare con un testo un convegno, un comizio, la cronaca giudiziaria, un’intervista, una opinione.
Ma pensare di dover raccontare esclusivamente con le parole, ancora in futuro, di una manifestazione sportiva, di un incendio, di un allagamento, di un carnevale, di una fiera, di una regata, di una sfilata di moda, della elezione di una miss, di una mostra, dell’inaugurazione di un parco archeologico e di mille altre situazioni di luoghi e di movimento, è come seguire il campionato di calcio come ai tempi di “tutto il calcio minuto per minuto”.
E’ pensabile che qualcosa avvenuta nelle tarde ore serali debba essere letta il mattino di due giorni dopo? Ridicolo!
Gli operatori del settore dovranno diventare inevitabilmente dinamici, conoscere e vivere il territorio, inseguire gli eventi, imparare le tecniche per operare professionalmente sulla rete.
La pubblicità si evolverà seguendo il dinamismo interattivo proprio del web.
L’attuale promozione sui giornali regionali ha uno spazio di visibilità fortemente contenuto.
In futuro sarà veicolata, almeno potenzialmente, sull’intero globo terrestre.
La razionale diffusione del messaggio arriverà in ogni ambito d’interesse con crescita esponenziale dei contatti.

Ma siamo solo alle prime ore del primo giorno della “creazione”.

Antonio Cima 19-10-2012

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose

 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto

amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 

temesa logo
I Luoghi di Temesa



© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA