Giuseppe Serio: Amiciazia come terapia

LEZIONI DI CALABRIA

Una scuola coraggio per la Calabria: amicizia come terapia naturale

Formare uomini onesti e cittadini attivi

di Giuseppe Serio, 20/11/2012 20:30

L’idea ha come fine la formazione di giovani mediante le opportunità programmate nel Piano delle offerte formative che li educano ad cittadinanza etica capace di contrastare e sconfiggere la ’ndrangheta. La scuola può offrire tali opportunità proponendo agli studenti le attività didattiche che li guidano nella scelta dei percorsi didattici formativi dell’uomo edel cittadino (secondo lo spirito della Costituzione) che rende appetibile la legalità e li aiuta a star bene con se stessi e con gli altri agendo onestamente e imparando concretamente a discernere ciò che è illegale (contro la legge), legale (conforme alla legge), morale (conforme alla coscienza). La scuola calabrese deve ri-scoprire la Costituzione che statuisce i doveri del cittadino (art 4, c/2).

La vita attiva implica la necessità di spazi pubblici accessibili - Centro di aggregazione giovanile (Cag) – in cui le opinioni individuali superano i particolarismi, accolgono i punti di vista differenti mediante l’esercizio della cittadinanza contro l’apatia e l’indifferenza. Il Cag, invece, è un laboratorio di democrazia che, nel sistema scolastico, stimola l’alunno avvicinandolo a forme perfettibili di vita onesta.

A tal fine propongo al Governo regionale di istituire il Centro di aggregazione giovanile nei luoghi a rischio del territorio affinché funzioni con regole scritte e condivise dagli stessi che lo frequentano. La proposta riguarda i fondi europei con cui si può incentivare la scuola in rete istituendo il Cap nel quartiere a rischio del comune individuato. Il protagonismo dei giovani è un’ipotesi sperimentale di collaborazione con le risorse umane del volontariato culturale che svolge attività che riguardano l’arte, la musica, lo sport e, dunque, il tempo libero di giovani che desiderano realizzare le loro passioni naturali.

La capacità di esercitarsi nella cittadinanza etica è frutto delle azioni educative percepite nel Cag, grazie agli spazi di dialogo e ai percorsi culturali vissuti nel cantiere della cittadinanza. Nelle ore trascorse nel Cag gli alunni svolgono un’ora di volontariato come servizio civico, in collaborazione con le  associazioni di volontariato e la polizia locale, per esercitarsi sulle infrazioni del ragazzo che va in moto senza casco, non si ferma al semaforo con il rosso e non rispetta le regole del Codice stradale. In questi casi, gli studenti non devono comminare multe ai trasgressori, ma dialogare con essi perché il loro compito consiste nel parlare con chi trasgredisce il Codice o assume sostanze stupefacenti e spiegargli che quando dice che la vita è sua e se la gestisce come vuole, non sa che se si rompe la testa o va  in astinenza le spese sanitarie diventano un contributo involontario del cittadino che paga le tasse.

Bisogna rendersi conto che l’amicizia è una terapia naturale per il recupero di soggetti a rischio che comunicano in modo inter-personale, costruiscono ponti, dialogare per essere amici. Invece, negli spazi non strutturati nascono e si consolidano conoscenze buone e non buone. Inoltre, a scuola ci sono ragazzi con il carico delle loro esperienze acquisite nei luoghi degradati, primo tra tutti, la strada.

La scuola di qualità sfida chi viola la legge dello stato e, per i credenti, anche quelladi Dio. Nella scuola si possono consolidare le esperienze positive, prevenire quelle negative -la devianza-contrastandole con la terapia dell’ascolto, in un ambiente sociale (Cag) che sia luogo di comunione, non di comunanza, che lambisce, ma non penetra la persona, come accade quando c’è comunione feconda, rispetto reciproco, energia della persona in dialogo.

L’illegalità si previene seguendo gli itinerari didattici prescelti nel Pof (come esercitazioni per gli studenti) per cui è necessario incentrare le attività didattiche sul dialogo, rapporto interpersonale formativo, comunicazione fervida che si salda alla coscienza e si sviluppa sullo sfondo del dialogo. Vivere senza amici vuol dire essere analfabeta oppure incapace di decodificare i messaggi del proprio tempo; avere difficoltà nell’esercizio della cittadinanza, prevenire la devianza, vivere in comunione con le persone che inter-agiscono in virtù di ponti, password di amicizia, apertura alla vita buona per star bene nel rispetto della legge dello Stato e della propria coscienza. Il docente, soggetto creativo di Costituzione e cittadinanza (C & c), nel Pof deve proporre agli studenti le attività da sperimentare scegliendo il dialogo come strumento in grado di scoprire le cause della trasgressione della legge dello stato e della coscienza..

Dunque, bisogna integrare il curriculum con C&c per capire il vero senso dei percorsi didattici supportati dalle tematiche che aiutano a dialogare e a costruire l’amicizia che offre al docente l’opportunità per irradiare sull’intero curricolo le linee guida che valorizzano la tematica della cultura costituzionale.

In Calabria la trasgressione è diffusa nei luoghi degradati e disagiati in cui la scuola deve offrire un contributo promovendo l’opportunità che consente agli studenti di scegliersi i percorsi di formazione dell’ uomo e del giovane cittadino secondo lo spirito della nostra Costituzione. La pratica dei percorsi didattici li abitua a vivere la legalità nella scuola e nella vita orientata proprio dalle opportunità offerte con particolari esercitazioni svolte nel Cag.

Gli alunni, in una delle 33 ore annuali previste dalla legge, si esercitano a svolgere le attività di volontario collaborando con la polizia locale. Questo facilita il compito di spiegare ai loro coetanei che le infrazioni commesse -andando in moto senza casco o non fermandosi al semaforo con il segnale rosso o non rispettando i limiti di velocità- aumentano le ferite della società. Gli studenti non devono e non possono comminare multe ai trasgressori, ma ceremente fanno bene a spiegare il senso etico delle regole condivise. I trasgressori, in tal modo, sono coinvolti amichevolmente nel dialogo che serve a far capire che quando dicono che la vita è la loro e se la gestiscono come vogliono, non solo violano la legge, ma danneggiano anche la loro salute e aggravano i problemi della Sanità ecc.

La scuola può scuotere la coscienza dei trasgressori; aiutarli a scegliere gli itinerari adeguati agli obbiettivi del Pof; valorizzare la dignità e il coraggio per opporsi alla‘ndrangheta testimoniando con la loro vita il valore dell’onestà.

Costituzione e cittadinanzasono parole austere che interpellano la coscienza e la connette all’area della cittadinanza etica innestandole nel contesto scolastico; cogliendo le opportunità che aiutano i giovani ad apprendere anche dall’esperienza coraggiosa simile a quella degli aquilotti che imparano a volare alto per non strisciare raso terra.

La scuola in Calabria può e deve formare i giovani ad essere coraggiosi nel contrastare i prepotenti e i disonesti che costringono i più deboli a strisciare ai loro piedi e a rinunziare alla propria dignità. Chi non agisce con la forza del coraggio morale, indirettamente aiuta le mafie a corrompere le coscienze delle persone fragili. Per questo propongo al Governo regionale che le scuole dei comuni a rischio devono essere dotate del Centro di aggregazione giovanile dove, opportunamente, si arricchiscono di coraggio parlando in modo forte e chiaro ai trasgressori della legge.

Le attività sperimentate nei percorsi didattici diventano energia di coraggio del giovane/aquilotto che decide di non rintanarsi nel nido e di volare alto per non essere mangiato dal serpente, come succede all’aquilotto/pauroso che si nasconde nel nido e viene divorato dal serpente.

Studiare seriamente vuol dire saper cogliere l’opportunità d’imparare a volare alto, non rimanere nel nido della paura! Se restano vuoti i nidi, i serpenti muoiono di fame perche le aquile sono brave liberando dalla paura i loro aquilotti! La Regione Calabria deve essere l’aquila che aiuta la scuola a volare alto per far morire si fame la ‘ndrangheta!

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose

 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto

amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 

temesa logo
I Luoghi di Temesa



© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA