Cosenza - prima nazionale "Gramsci Antonio, detenuto"

OTTAVOMIGLIO - Laboratorio - COMUNICATO STAMPA

A Cosenza la Prima Nazionale di “Gramsci Antonio, detenuto

Dramma, evocazioni e morte dell’Uomo di Turi

L’associazione culturale Ottavomiglio Laboratorio è lieta di presentare la prima nazionale dello spettacolo teatrale “Gramsci Antonio, detenuto – Dramma, evocazioni e morte dell'Uomo di Turi”, realizzato per il 75° anniversario della morte di Gramsci, con la regia di Fernando Maraghini (già attore per Peter Stein, Luca Ronconi e Roberto DeSimone), e l’interpretazione dell’attore protagonista Andrea Biagiotti (attore di lunga esperienza formatosi alla Bottegadi Vittorio Gassman e direttore artistico dei Teatri di Arezzo). Lo spettacolo andrà in scena per la prima volta in Italia nel Chiostro dell’Archivio di Stato, venerdì 27 e sabato 28 aprile alle 20.30.
La rappresentazione è inserita all'interno della XIV Settimana della Cultura,
promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, che ha luogo in diversi centri di cultura cittadini, fra cui proprio l'Archivio di Stato. Lo spettacolo ha ottenuto l'avallo scientifico delle maggiori istituzioni gramsciane (Fondazione Istituto Gramsci, International Gramsci Society-Italia, Centro interuniversitario di ricerca per gli studi gramsciani, Associazione culturale Terra Gramsci-Sardegna) e sarà esportato in altre regioni italiane, a cominciare dalla Toscana, regione di provenienza del regista e dell’attore protagonista.
Anche la scelta delle musiche, originali e che verranno eseguite dal vivo, rientra nelle generale politica dell’allestimento che ha voluto avvalersi di talentuose collaborazioni: brani inediti composti e arrangiati appositamente per lo spettacolo da Mirko Onofrio, musicista conosciuto e apprezzato per le sue grandi doti creative, già noto al pubblico locale e non solo per gli innumerevoli progetti musicali all'attivo e le collaborazioni con altri musicisti calabresi.
A eseguire le musiche: Claudia Pochini (flauto), Manuel Reale (oboe), Luigi Covello (violino), Paolo Bennardo (tromba), Gianluca Bennardo (trombone), Angela Canino (violoncello).

Il titolo del dramma, “Gramsci Antonio, detenuto”, come fosse una chiamata d'appello o l'ennesimo nome in mezzo ad altri nomi, cancella in un baleno il pensatore, l'intellettuale, il critico, il filosofo, il giornalista, lo storico, che rivoluzionò la storia del pensiero critico italiano e che per questo fu messo in carcere dal regime fascista. La pièce, piuttosto, racconta l'uomo. Il testo è un adattamento dell'opera “L'Uomo di Turi” -lavoro più complesso sempre dedicato al teatro e articolato in un prologo, tre atti e un epilogo -pubblicata da Piero Zucaro quattro anni or sono, quando fondò l'associazione culturale che oggi promuove lo spettacolo.
Sotto i ferri del regista Fernando Maraghini e grazie alla riduzione dello stesso autore, quel testo è diventato uno spettacolo condensato in un prologo, un atto unico e un epilogo, dove elementi teatrali, sonori, visivi e corporali si fondono in unica visionaria rappresentazione. Protagonistidel dramma sono Antonio Gramsci, appunto, “detenuto” nel carcere di Turi, e il controverso compagno di cella Unico.
Gramsci è interpretato da Andrea Biagiotti, attore proveniente dalla Bottega di Vittorio Gassman e direttore artistico dei Teatri di Arezzo. Il personaggio di Unico, invece, è stato completamente inventato, scritto, plasmato, e infine anche interpretato sulla scena dall'autore del testo Piero Zucaro. Tale licenza creativa, oltre a rivelarsi brillante dal punto di vista della caratterizzazione del coprotagonista, è funzionale alla scoperta dell'uomo-Gramsci, alle prese con qualcuno, o qualcosa, che è altro da sé : proprio Unico, quel detenuto campano un po' rozzo che finisce per diventare, poi, il suo alter-ego. Il resto del cast, eterogeneo per provenienza ed esperienze artistiche degli attori, è formato da: Nando Brusco (Cantastorie), Floriano Canonaco (“Sparafucile”), Virginio Gallo (Coatto calabrese), Carmelo Giordano (Inquisitore), Annamaria Liguori (Madre di Gramsci), Vicky Macrì (“Tania”), Loredana Ponti (“Julca”) e Achille Veltri (Coatto artista)

Ottavomiglio Laboratorio(associazione culturale senza fini di lucro)Email:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. Via Piave, 82

Scala E –87100 CosenzaC.F.n°:96022350787

 

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose

 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto

amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 

temesa logo
I Luoghi di Temesa



© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA