Il Natale amanteano

cima antonio Il 16 dicembre la Novena di Natale con la mitica Ninna.
E se chiamassimo la Rai per farla conoscere in Calabria?

Il Natale amanteano dovrà diventare un grande evento culturale e turistico, con i giusti tempi. Avviamo una “fiaccolata dei presepi” dal Calvario del Carmine alla Grotta.

Sul Natale esiste una vastissima documentazione (link a fondo pagina)

Il 16 dicembre inizia la Novena di Natale. I nove giorni di novena, con il sublime canto della Ninna, rappresentano uno spaccato antropologico rilevantissimo nella cultura e tradizione amanteana. Nonostante la significativa valenza è praticato da una minoranza di amanteani. Qualche anno fa le presenze si erano vistosamente ridotte; poi iniziò un insospettabile afflusso giovanile che oggi è diventato consistente. I tanti giovani, a dire il vero, aderiscno prevalentemente per il fascino che su di loro esercita il canto della Ninna trascurando il resto, ma è pur sempre un esserci.

Una partecipazione che obbliga ad un’alzataccia alle ore 5, nelle nottate più lunghe dell’anno, è un impegno che richiede motivazioni.

ninna-natale-2011La Ninna del Natale di Amantea dovrebbe rappresentare un elemento con poliedrica valenza, oltre che religiosa e culturale, anche storica e turistica.
Sono convinto che diffusa sui circuiti televisivi risulterebbe vincente e potrebbe aprire utili spaccati.
Se fossi assessore al turismo chiamerei Rai3 facendo conoscere ai calabresi questo straordinario squarcio del costume amanteano.
Credo che degli amministratori in carica solo qualcuno abbia esperienza di tale contesto. Ovviamente sono scelte indiscutibilmente personali, ma aiuta ad osservare usanze dei cittadini, niente di più.
Suggerisco a tutti gli amministratori che mai hanno intonato la Ninna di partecipare alla Novena di apertura del 16 dicembre (o di domenica 21), vedranno una cosa che non gli cambierà la vita, li avvicinerà ad uno spazio che caratterizza parte della comunità amministrata.

amantea presepe matriceMa il Natale amanteano oltre alla Ninna è fortemente caratterizzato dai presepi.
Negli ultimi decenni è arrivato l’albero a riempire l’angolo vuoto del salotto di casa, ma il presepe è altra cosa. E’ questa una tradizione inalienabile nonostante il distraente modernismo.
Amantea è popolata da veri maestri nel settore in grado di creare opere maestose. I presepisti si esprimono sia con i monumentali presepi nelle chiese che con piccoli capolavori nelle case.
Ho scoperto negli ultimi anni la presenza di tante donne amanteane che realizzano presepi domestici d’insospettabile bellezza. E’ questa una virtù nascosta che coordinata potrebbe essere esaltata con iniziative in spazi pubblici.
La cultura del presepe non è solamente la creazione della natività, ma spazia in varie direzioni.
Porta a conoscenza delle risorse naturali necessarie, del tempo e dei luoghi della raccolta. Procurarsi il mirtillo, le cipolle, la panichella, il sughero, gli orfanelli, significa avere cognizione del territorio non solo cittadino ma del comprensorio.
Poi esiste l'usanza del canto di auspicio sotto la casa di amici o parenti, la prima colazione post-Ninna a rotazione nelle case dei compagni di canto.

Da tanti anni, in modo spontaneo, si è stabilizzato il circuito dei presepi nelle chiese. Tra Carmine, Matrice, Collegio, San Giuseppe è possibile una bella escursione turistico-religiosa attraversando tutto il centro storico. E’ un tracciato straordinario, comodo e percorribile da chiunque, che ben si presta anche per una “fiaccolata dei presepi”, dal Calvario del Carmine al parco della grotta, che si potrebbe organizzare durante le festività (il 26?); non costa niente ed è molto coinvolgente.

Ma quest’anno qualcosa non è andata per il verso giusto. Sarà un Natale con la chiesa matrice senza presepe. Vari motivi non hanno consentito di formare un gruppo di attivisti. Tante sono le attenuanti: l’età media elevata, gl’impegni, gli acciacchi, le incomprensioni.
E’ questa una riflessione che ricade in tanti altri ambiti del volontariato cittadino che vede partecipi quasi esclusivamente “anziani”.
Occorre avviare iniziative che possano invertire la tendenza innescando processi di aggregazione virtuosi.

Personalmente credo che ciò sia possibile facendo scoccare la scintilla dal territorio, ma deve essere l’amministrazione comunale a sviluppare poi la fiamma ed alimentarla.
Potrà avvenire solo se dal palazzo municipale si diffonde una chiara, netta ed inequivocabile cultura della totale Trasparenza e non quella della trasparenza, ab imis fundamentis.
Di fronte a decisioni che inducono a incertezze interpretative, come diceva Caio Giulio Cesare: Alla fine diventerai quello che tutti pensano tu sia, ciò devono evitare gli amministratori.

E’ questo che ha evitato per il Natale 2014 un dialogo che qualche risultato avrebbe apportato.
Sui vascelli, quando si vuole, esistono bussole e timoni per virare a distanza di sicurezza dagli scogli del Giglio.   
vedi pagina con vasta documentazione sul Natale
Antonio Cima 05-12-2014

Aggiungi commento

REGOLAMENTO SUI COMMENTI:
1- i commenti sono sottoposti a restrizioni
2- sono consentiti commenti su soggetti e fatti pubblici
3- saranno esclusi commenti e citazioni impropri di persone e ambiti privati
4- saranno escluse citazioni irridenti o non rispettose di commenti altrui
5- saranno esclusi commenti senza rilevanza di tema
6- è ammessa la forma satirica esclusivamente in relazione a contenuti pubblici
7- solo i commenti che la redazione riterrà conformi a quanto sopra saranno pubblicati

Commenti  

 
#2 dico la mia 2014-12-06 13:54
con tutto il rispetto x l idea di Antonio , ma troppo protagonismo in questo paese . Ci sono problemi piu seri.

risposta: può darsi che sia come dici, ma non si tratta di risolvere un problema bensì di cultura cittadina. La Ninna rappresenta uno spaccato rilevante della tradizione amanteana e sarebbe opportuno che tutti la conoscessero, soprattutto chi amministra. Ma ciò vale anche per altre espressioni del territorio.
Citazione
 
 
#1 vanessa v. 2014-12-05 19:27
Questa si che è una bella idea!!se anche gli amministratori avessero lo stesso spirito di iniziativa e di abnegazione per il proprio paese, le cose forse andrebbero meglio.Complime nti.
Citazione
 

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 


 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose


 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

temesa logo
I Luoghi di Temesa

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

petilia santa spina
Riti Pasquali

In Calabria


 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto


amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 




© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA