La significativa storia di Gerardo buontempone

cima antonio La storia di Gerardo, servo di una famiglia di patrizi del borgo antico di Amantea a metà '900.
"Marascià, Girardu ca carceratu, ma Girardu i si caxxi u'nni sa nenti".
di Antonio Cima

Nel borgo antico di Amantea, fino agli anni ’60, più che in altri luoghi simili, coabitavano i due estremi della società cittadina: i patrizi e i pescatori. A quei tempi era una consuetudine che giovani delle famiglie di pescatori, soprattutto ragazze, ricoprissero una funzione di servitù nelle famiglie agiate.
A metà anni ’50 un giovanottone della Rina, tal Gerardo, svolgeva la funzione di giardiniere presso una famiglia di cosiddetti signori. Il ragazzo era un buontempone, nato con qualche carenza intellettiva. A quell’epoca in tali condizioni non si andava a scuola con conseguente analfabetismo dei malcapitati. Gerardo non era in grado di leggere e scrivere né sapeva far di conti nemmeno nelle forme più elementari. La sua mole imponente compensava nelle attività faticose.
E cosi accudiva l’ampio giardino a ridosso della rupe del castello colmo d’ogni pianta della macchia mediterranea.
La casa dei “padroni” di Gerardo era imponente e sfarzosa, bisognosa di continui lavori di accomodamenti. Durante tali aggiustamenti varie persone accedevano nei tanti vani lussuosamente arredati.
Un bel giorno nell’agiata casa si notò la mancanza di alcuni oggetti di valore.
La “nobildonna” chiamò i carabinieri che accorsero nel palazzo per constatare i fatti. Dal confronto tra la signora e i gendarmi s'individuò in Gerardo il possibile autore del furto.
Il maresciallo chiamò il giovanotto in una stanza alla presenza dei padroni di casa e di un appuntato. Cominciò ad interrogare il confuso ragazzone che sembrava più sorpreso che preoccupato.
Dopo dieci minuti d’interrogatorio il maresciallo, con fare minaccioso, guardò dritto negli occhi il malcapitato Gerardo ed intimò:”Gerardo guarda che se non dici la verità vai a finire in carcere!”.
Gerardo da sorpreso divenne stupito, acuì lo sguardo verso il sottufficiale, ruotò più volte la testa in segno di diniego e rispose:”Marascià, Girardu va carceratu, ma Girardu ‘i si cazzi u’nni sa nenti”. Scoprirono più avanti che l’anziana signora aveva spostato da tempo quegli oggetti in una delle tante stanze e non se ne ricordava.
Antonio Cima 20-07-2013

Aggiungi commento

REGOLAMENTO SUI COMMENTI:
1- i commenti sono sottoposti a restrizioni
2- sono consentiti commenti su soggetti e fatti pubblici
3- saranno esclusi commenti e citazioni impropri di persone e ambiti privati
4- saranno escluse citazioni irridenti o non rispettose di commenti altrui
5- saranno esclusi commenti senza rilevanza di tema
6- è ammessa la forma satirica esclusivamente in relazione a contenuti pubblici
7- solo i commenti che la redazione riterrà conformi a quanto sopra saranno pubblicati

Commenti  

 
#1 antonio 1 2017-08-08 09:24
caro amico continuamente meraviglioso- degli anni 60 mi ricordo tutto del borgo antico anche le famiglie cosiddetti signori e dei pescatori
Citazione
 

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 


 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose


 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

temesa logo
I Luoghi di Temesa

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

petilia santa spina
Riti Pasquali

In Calabria


 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto


amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 




© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA