Raffaele Frangione, commenta The Lost Landscape

frangione raffaele Raffaele Frangione commenta il libro
The Lost Landscape: A writer’s of Age
della scrittrice americana Joyce Carol Oates

CLICCA QUI E LEGGI TESTO DEL COMMENTO

Carissimo Antonio, troverai in allegato il mio abituale commento all’ultimo libro dell’intellettuale e brillante scrittrice americana Joyce Carol Oates, The Lost Landscape. A writer’s of Age, più volte candidata a ricevere il Premio Nobel per la Letteratura.

Il libro, I Paesaggi Perduti nella traduzione in lingua italiana, mi ha dato la possibilità di conoscere il vasto e articolato mondo narrativo dell’autrice e di continuare in continuità con il mio precedente commento al libro Between Them Tra loro) di Richard FORD, un romanzo in cui racconta lui, figlio di un commesso viaggiatore e di una casalinga, la storia dei suoi genitori, e che gli è valso per essere il vincitore della sesta edizione della Classifica di Qualità de La Lettura, supplemento culturale del Corriere della Sera per il 2017, un mio percorso di lettura cercando di capire cosa può spingere una scrittrice ad accantonare la fiction per raccontare di sé, della sua famiglia, adolescenza e maturità senza, però, scadere in un testo confessionale-autobiografico rigorosamente classico e quindi di parte, col rischio di dare di se stessa e del suo racconto un’immagine non sempre obiettiva.

Lo scrivere un libro-memoir sulla propria esistenza, sui suoi genitori e parenti prossimi, declinando variabili personali e sentimentali, raccoglie la difficoltà del presente nel riesumare ricordi lontani, poche residue immagini della memoria, vecchi racconti e aneddoti corredati da fotografie sbiadite ed un’intera vita alle spalle con un’età (Joyce Carol Oates oggi ha circa ottant’anni) che inevitabilmente può avere alterato la percezione e la precisione degli accadimenti.

Io non so se Joyce Carol Oates sia pienamente riuscita nel proprio intento, certamente nel testo emerge nitidamente il senso di un grande amore, di un’infanzia felice, vissuta sempre al presente, una simbiosi indirizzata alla costruzione e conservazione esclusiva della propria famiglia estesa ai nonni materni e paterni. Siamo negli anni Quaranta e Cinquanta quando gli Stati Uniti d’America dopo i problemi a carattere politico-sociali, le paure e le rinunce prodotti dal periodo della Grande Depressione cercavano di rivitalizzare quello che viene chiamato il Sogno Americano e la famiglia Oates come gran parte delle famiglie ha avuto a che fare con analoghe situazioni di povertà. Fin dalle prime pagine si respira nel libro un forte rapporto che lega la piccola Joyce Carol a sua madre Lina dolce e riservata e a suo padre Fred atletico, esuberante e focoso anche se si coglie quell’assenza paterna, divenuta costante, sostituita comunque dall’amorevole e premurosa nonna Blanche che orienta la nipote nella ricerca di una nuova stabilità sentimentale e culturale.

Emerge con chiarezza la difficoltà per l’autrice di conoscere pienamente i trascorsi genitoriali e quel che resta e che scorre tra le pagine del testo è un soffio d’ineluttabilità ed un senso di rassegnata presenza velato di malinconia e di solitudine. Sono raccontati con un po’ di nostalgia gli anni in cui la Oates viveva momenti autentici, disinteressati e sinceri, propri dell’amore figliale, conosceva il presente acquisendo quella consapevolezza che conferma la finalità della vita e il suo valore più autentico. Sono anche gli anni in cui Joyce Carol decideva di vivere da sola ponendo fine alla sua infanzia entrando in una dimensione adulta e conoscerà la complessità della vita con i suoi risvolti inattesi quanto amari.

Grazie dell’attenzione e dell’ospitalità sempre da me apprezzate. Per i prossimi miei contributi do appuntamento ai miei lettori per il prossimo anno che mi auguro sia più sereno e soprattutto più rispondente ai nostri più cari bisogni.

A presto e a tutti un felice Natale.

Prof. Raffaele FRANGIONE 15-12-2017
 

Aggiungi commento

REGOLAMENTO SUI COMMENTI:
1- i commenti sono sottoposti a restrizioni
2- sono consentiti commenti su soggetti e fatti pubblici
3- saranno esclusi commenti e citazioni impropri di persone e ambiti privati
4- saranno escluse citazioni irridenti o non rispettose di commenti altrui
5- saranno esclusi commenti senza rilevanza di tema
6- è ammessa la forma satirica esclusivamente in relazione a contenuti pubblici
7- solo i commenti che la redazione riterrà conformi a quanto sopra saranno pubblicati

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 


 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose


 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

temesa logo
I Luoghi di Temesa

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

petilia santa spina
Riti Pasquali

In Calabria


 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto


amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 




© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA