il Natale dei poveri, il regalo al medico

gallo-natale Il Natale dei poveri, il Natale dei ricchi, così era.
‘U galluzzu ccu lu cierru russu ppe llu mieducu, a Natale

‘U galluzzu ccu lu cierru russu ppe llu miedicu, a Natale
(il gallo con la cresta rossa per il medico, a Natale)
Nel periodo che corre il regalo di Natale è diventato un costume sociale totalizzante dal quale nessuno si salva. Oltre ai regali parentali-amicali esistono i regali d’obbligo/convenienza correlati a vari rapporti in essere.
Fino a non molti anni fa i regali “intimi” erano cosa per pochi, ma quelli “dovuti” erano abbastanza diffusi. I maggiori referenti destinatari di tali riconoscimenti erano, nettamente sopra ogni altra categoria, i medici.
Ricevevano quasi esclusivamente beni in natura: bottiglie, dolci, zucchero e varie cibarie e vivande.
Il regalo più ricorrente da parte dei contadini era il migliore dei galli del pollaio, quello ccu llu cierru russu (con la cresta rossa).
La cresta rosso fuoco del gallo è sinonimo di qualità, di pennuto ruspante che vive libero nell’aia, che si nutre di cibi naturali non di prodotti industriali. La cresta non rossa sta a i significare che il gallo è da pompa (non buono, d’allevamento) alimentato impropriamente.
Tra i pollastri, già fin dalla fiera d'Ognissanti, veniva scelto quello più promettente. Il prescelto ruspava nell’aia con gli altri, ma, una volta nella stia (caggia) in caso di belligeranza con altri galli veniva isolato in un spazio separato. In qualche caso veniva alimentato con “riguardo”.
La consegna al medico avveniva entro la vigilia di Natale, mai oltre. A volte si andava direttamente a casa del medico, ma capitava anche di andare allo studio se di un consulto medico vi fosse bisogno.
Il giorno della consegna il gallo veniva prelevato dalla stia, lisciato nel piumaggio e ripulito nelle zampe. Lo si avvolgeva in un panno che rispecchiava le condizioni di chi lo regalava: canovaccio, copritavoli, porzioni di tovaglie, maccaturi ‘i capa, ampie salviette da cucina, sinali, ecc. Qualcuno lo portata in un cesto o in una scatala di cartone.
Il gallo veniva avvolto immobilizzando gambe e zampe; restava scoperta solo la testa con l’orgoglioso “cierru russu” inarcato a testimonianza del riguardo.
Quando si andava nello studio non v’era alcun tipo d’imbarazzo verso i presenti in quanto ciò era considerato un comportamento ordinario.
Alcuni medici ricevevano tanta “panacea” da dover incaricare qualcuno per la vendita.
Per i galli destinati alla cucina del medico il più delle volte toccava al donatore provvedere a “spennarli”.
Per completezza documentale va detto che alcuni medici rinunciavano a tali oboli esagerati mentre altri consideravano una mancanza di riguardo non riceverli.
Antonio Cima 27-12-2012

Nella festa del Cedro 2013, in una rappresentazione di antichi usi e costumi, una contadina porta una gallina in un cesto, così a Natale dal medico.
gallo-medico

Aggiungi commento

REGOLAMENTO SUI COMMENTI:
1- i commenti sono sottoposti a restrizioni
2- sono consentiti commenti su soggetti e fatti pubblici
3- saranno esclusi commenti e citazioni impropri di persone e ambiti privati
4- saranno escluse citazioni irridenti o non rispettose di commenti altrui
5- saranno esclusi commenti senza rilevanza di tema
6- è ammessa la forma satirica esclusivamente in relazione a contenuti pubblici
7- solo i commenti che la redazione riterrà conformi a quanto sopra saranno pubblicati

Commenti  

 
#1 virgola 2013-12-23 18:40
quei regali si facevano perché era una abitudine, lo si faceva per rispetto verso una persona importante. oggi invece il gallo non si usa più, si usano regali (costosi e meno visibili) a personaggi diversi per avere un resoconto... ci siamo capiti...l'uomo è cambiato sì, ma in peggio.
Citazione
 

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 


 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose


 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

temesa logo
I Luoghi di Temesa

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

petilia santa spina
Riti Pasquali

In Calabria


 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto


amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 




© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA