Frangione, la gravosa questione isis

frangione raffaele Raffaele Frangione
Omaggio alla memoria di André Glucksmann e riflessione sui tragici fatti di Parigi nel contesto culturale molto studiato dal grande filosofo francese

CLICCA QUI e leggi ampio testo di R.Frangione
Un mio personale testo-omaggio alla memoria di un filosofo e di un uomo francese, André GLUCKSMANN morto tre giorni prima dei drammatici attacchi Jihadisti, che ho imparato ad apprezzare leggendo i suoi libri negli anni '70, epoca in cui, insieme ad un folto gruppo di brillanti studenti di filosofia alla Scuola Normale Superiore di Parigi si faceva conoscere sotto l'etichetta dei <<nouveaux philosophes>>. Questa generazione di giovani filosofi-intellettuali mediatici e politicamente schierati a <<gauche>> affollava gli spazi televisivi e occupava le pagine dei quotidiani e settimanali più letti destando grande interesse e assicurando con la loro capacità dialogica un alto indice di gradimento a trasmissioni come <<Apostrophes>> animata da Bernard PIVOT sul canale televisivo di Antenne2.

Denunciare, criticare, contestare, sono queste le azioni di cui dicevano di armarsi per combattere tutte le menzogne e i luoghi comuni di cui le filosofie della storia, quella marxista e quella nazista, erano portatrici. Per questi <<enfants de la désillusion>> come amavano definirsi Marx diventava il colpevole numero uno, colui che li aveva ingannati tanto che per molti di loro Marx é presentato come l'artefice della più sinistra macchina di chiusura e di repressione: il Goulag.
 
Grande lettore di Voltaire, profondamente come lui antiteocratico, antidogmatico in tutti i sensi, André GLUCKSMANN considera il fanatismo una sorta di unione infame del potere con la fede, della politica con la religione. Dietro la figura di Maometto si nasconde la folla dei dittatori teocratici o filosofici che costruiscono il loro potere sulla complicità, sulla sofferenza, sul silenzio degli indifferenti. Ricordiamo che il crimine d'indifferenza é la condizione necessaria al lavoro degli assassini. Nell'adottare lo schema volterriano che incentiva giustamente lo sviluppo e il progresso con la circolazione e la comunicazione senza frontiere, André GLUCKSMANN é per la costruzione di un'Europa che non é un mosaico di solitudini ma una regione dove lo scambio é sempre auspicabile.
Il messaggio dell'ex-<<nouveau philosophe>> é rivolto a tutti i francesi che ritrovino in Voltaire una visione europea della libertà se vogliono uscire indenni da un secolo che inneggia al <<nichilismo>> e per sfidare l'inumanità trionfante occorre, però, cancellare l'inumano che c'é in ognuno di noi e che la ricerca di sé sia poi la ricerca degli altri.
La questione del Male ha costituito il punto fondamentale, quasi un'ossessione, nel pensiero di André GLUCKSMANN il quale crede che la migliore arma per debellarlo sia la lucidità e il buon senso che ci permettono di conoscere il mondo, resistere all'intolleranza, rifiutare la sottomissione e fuggire il conformismo. Senza patria né frontiere Candide viaggia a suo rischio e pericolo, attraversa i continenti e così costruisce la sua modernità. La famosa conclusione del racconto di <<Candide ou de l'optimisme>>- cioé <<Il faut cultiver notre jardin>> non ha niente della filosofia del ripiegamento su se stessi. Il suo é un giardino tollerante ma fragile, in balia dei venti dal largo, continuamente minacciato che occorre coltivare per meglio preservarlo dalle chiusure geografiche e mentali che generano conflitti generazionali e identitari spesso pericolosi.Questo é il rischio che corriamo nel terzo millennio, per cui se l'Europa non adotterà lo schema volterriano della ricerca di un'identità ben definita e strutturata e non accetterà la diversità dei modi di vita come un valore, tutto il Vecchio Continente si ritroverà a che fare con i nazionalismi bellicosi e aggressivi degli ultimi decenni e sprofonderà nell'arbitrario, nelle malversazioni, nelle crisi  e nelle proteste insensate e distruttive. Insomma l'Europa sarà una regione destinata a scomparire.
prof. Raffaele FRANGIONE 23-11-2015

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 


 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose


 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

temesa logo
I Luoghi di Temesa

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

petilia santa spina
Riti Pasquali

In Calabria


 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto


amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 




© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA