L'Affruntata di Cinquefrondi (RC)

affruntata-cinquefrondi b affruntata-cinquefrondi a Riti Pasquali di Calabria
Affruntata di Cinquefrondi (RC)

© Riproduzione riservata - Nessun uso è consentito degli elementi della pagina       
Riti Pasquali in Calabria – l’Affruntata di Cinquefrondi (RC) 2014
Il rito dell’Affruntata si svolge la Domenica di Pasqua in oltre trenta comuni della Calabria, in prevalenza nella provincia di Vibo e paesi confinanti del catanzarese e del reggino. Per maggiori informazioni leggi su wikipedia.
Il 2014 ho deciso di dedicarlo ad alcuni riti pasquali calabresi e così, dopo la “maratona” di Verbicaro e la straordinaria Via Crucis di Mendicino (a breve sul sito) mi trovo il giorno di Pasqua tra le vie della ridente cittadina reggina all’interno della piana di Gioia Tauro. E’ una giornata pre-estiva, arrivo a metà mattinata, un rapido giro in paese, alla villa comunale, nel corso principale e nelle due chiese interessate al rito.
Mi sono intrattenuto un po con un’associazione che, avendo deciso di raccogliere elementi documentali sulla storia cittadina, ha organizzato in un locale del centro un’ampia mostra di antiche foto paesane: pasta e carna insomma.
Continua dopo le foto

 
Tanta gente comincia ad arrivare dalle ore 10,30 nel centrale corso Garibaldi (luogo dell’Incontro), alcuni vanno nella chiesa del Carmine da cui partiranno le statue di S.Giovanni e dell’Addolorata, altri si portano nella chiesa Matrice dell’Arcangelo in cui si celebra la messa e da cui si avvierà la statua del Redentore.
Il corso è lungo circa 300 metri e le due chiese si trovano ai limiti sud (Carmine) e nord (Matrice).
Alle ore 11,45 esce la statua di S.Giovanni con mantello nero ed inizia il suo peregrinare su e giù per il corso; al limite sud si raggruppano i portatori (almeno trenta) che si danno il cambio a gruppi di sei ad ogni tornata. Tra di loro vari accenti del nord, qualcuno dall’estero, anche da oltre oceano. Per i più tradizionalisti questo evento è imperdibile.
Alle ore 12,20 esce la statua della Madonna che si porta ai limiti sud del “teatro” della rappresentazione.
Alle ore 12,30 dalla matrice scende la statua del Redentore che si posiziona al limite nord dello scenario.
In pochi minuti si sviluppa la dinamica dell’annuncio di S.Giovanni, del distacco del suo mantello di lutto, l’avanzare della statua della Madonna, delle sue incertezze su e giù, il distacco del mantello nero della Vergine, il ricongiungimento tra Madre e Figlio e l’aggregazione di S.Giovanni.
Alle 12,45 dal centro del corso si avvia la breve processione che porterà le tre statue davanti alla chiesa matrice; resterà qui la statua di Gesù mentre le altre due proseguiranno la processione fino al rientro nella chiesa del Carmine.
Anche quest’anno i mantelli son caduti, il timore d’infausti eventi è scongiurato, gli emigrati la racconteranno ai loro cari e si prepareranno per il prossimo anno.
Rapidamente Corso Garibaldi si svuota, dai balconi bassi arrivano odori di prelibatezze calabresi che qui si esaltano, è ora di rientrare.
Alle ore 13,40 salgo in macchina, dopo pochi km, in prossimità di Melicucco, mi fermo ad una stazione di servizio; sotto una tettoia di legno consumo il mio panino e mortadella e penso come mai nella provincia di Cosenza questo rito non è praticato né conosciuto.
Antonio Cima 21-04-2014
P.S.
Su tale rito capitano ingerenze di contesti valutati fuori dalla legaltà che, quando occorre, motivano l’intervento istituzionale sullo svolgimento delle processioni. Capitò nel 2010 a S.Onofrio; è capitato ancora nel 2014 a S.Onofrio e Stefanaconi. E’ rassicurante la presenza di Leggi in grado di riportare la normalità in tali ambiti; altre leggi, però, consentono a Berlusconi di rimediare una pesante condanna con una settimana di passatempo con suoi coetanei e al Beppe calabrese di candidarsi in Europa nonostante la condanna in 1° grado, così va lo Stivale.

Aggiungi commento

REGOLAMENTO SUI COMMENTI:
1- i commenti sono sottoposti a restrizioni
2- sono consentiti commenti su soggetti e fatti pubblici
3- saranno esclusi commenti e citazioni impropri di persone e ambiti privati
4- saranno escluse citazioni irridenti o non rispettose di commenti altrui
5- saranno esclusi commenti senza rilevanza di tema
6- è ammessa la forma satirica esclusivamente in relazione a contenuti pubblici
7- solo i commenti che la redazione riterrà conformi a quanto sopra saranno pubblicati

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 


 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose


 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

temesa logo
I Luoghi di Temesa

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

petilia santa spina
Riti Pasquali

In Calabria


 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto


amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 




© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA