Acquaformosa, Madonna del Monte

acquaformosa madonna monte Acquaformosa, la Madonna del Monte
La suggestiva processione tra i boschi
Il lancio della pietra come pegno di ritorno

©Riproduzione riservata - Nessun uso è consentito degli elementi della pagina
Esistono in Calabria varie processioni di Madonne della montagna, ognuna ha il suo fascino e la propria valenza socio-antropologica.Varie ne ho viste apprezzandole tutte.
Dopo aver partecipato alla processione della Madonna del Monte di Acquaformosa quei criteri di valutazione li ripassi mentalmente e deduci che il termine “della montagna” qui si evidenzia interamente e raggiunge la pienezza di tale espressione.
In tante altre esiste l’elemento montano per il trovarsi su alture, rilievi o massicci, ma il corteo in realtà si svolge prevalentemente in aree urbane adiacenti ad arie di vegetazione boschiva.
L’ultima domenica di luglio, sulle montagne di Acquaformosa, la piccola statua di pietra che allatta il Bambino viene portata in spalla da una moltitudine di persone, che si danno continuamente il cambio, lungo i sentieri scoscesi del bosco attraversando fitte macchie di vegetazione, varietà di boschi con faggi, castagni, querce.
continua dopo le foto


Il santuario della Madonna, che accoglie fedeli dall’ampio circondario del Pollino, si trova su una piccola spianata priva di vegetazione. E’ un edificio in pietra di modeste dimensioni con un minuscolo campanile posto sul lato sinistro della facciata.
L’interno della chiesetta è essenziale, intonacato in tutte le sue parti, senza decorazione né orpelli di alcun genere. Unico elemento decorativo un piccolo affresco sul lato sinistro della navata.
Percepisci interamente il vero senso dell’umiltà a cui s’ispira la fede cristiana, ma sappiamo che generalmente è esattamente l’opposto.

A dare maggior risalto a questo evento religioso è la presenza del Vescovo di Lungro, l’eparca Mons. Donato Oliverio (vedi rito investitura del 2012 https://www.webiamo.it/calabria/151-religiosita-in-calabria/1309-investitura-nuovo-eparca-mons-oliverio-a-lungro.html), capo della chiesa ortodossa calabrese, che oltre ad officiare il lungo rito dai ritmi e assonanze bizantine, ha partecipato alla processione attraversando il bosco davanti alla statua della madonna.
Un’ora circa è durato il corteo che a me è sembrato una straordinaria escursione naturalistica sui 1500 metri in piena estate. E’ stata attraversata tutta l’area propria del santuario allargando verso l’estremità ovest e est per l’immancabile lancio delle pietre  nei due burroni che delimitano l’area.
Non sapevo di questo rito del quale ho chiesto a varie persone ottenendo unica risposta: si tratta si un pegno che impone di ritornare l’anno successivo.
Ammetto di non trovare la motivazione conseguente al gesto; quale pertinenza c’è nel buttare un sasso in un burrone con l’impegno e la speranza di ritornare? Accetto senza indugio il dire popolano e mi riprometto di approfondire.
Per strada ho fantasticato su qualche possibile diversa motivazione pertinente che con imbarazzo esterno. Il luogo è zona impervia e difficile da raggiungere per via delle difficoltà dei sentieri somiglianti a pietraie. Il prendere un sasso dalle stradelle e buttarlo nel burrone potrebbe voler dire liberare i sentieri da ostacoli alla viabilità favorendo l’accesso alla chiesa. Scusate.

Al termine della processione la statua viene ricollocata sul baldacchino per la fase conclusiva del bacio; attorno al busto della piccola statua un nastro grondante di banconote da 5 e 10 euro spillate lungo il tragitto da fedeli, quasi esclusivamente donne.
Finisce il rito religioso mentre dai tanti banchetti della vasta area pic-nic arriva ogni sorta di profumo. Una parte dei fedeli rientra nei luoghi di provenienza mentre altri s’inoltrano tra gli alberi ricongiungendosi con chi da stamane ha approntato pietanze tradizionali oggi esaltate.
Eravamo pronti a scartare i nostri panini con mortadella quando abbiamo incontrato un amico di Acquaformosa suonatore di zampogna ed organetto frequentatore dei natali amanteani.
Si sa come siamo fatti i calabresi, ci ha invitati al suo desco: lui con una mano, non con due.
Antonio Cima 27-07-2015  

Aggiungi commento

REGOLAMENTO SUI COMMENTI:
1- i commenti sono sottoposti a restrizioni
2- sono consentiti commenti su soggetti e fatti pubblici
3- saranno esclusi commenti e citazioni impropri di persone e ambiti privati
4- saranno escluse citazioni irridenti o non rispettose di commenti altrui
5- saranno esclusi commenti senza rilevanza di tema
6- è ammessa la forma satirica esclusivamente in relazione a contenuti pubblici
7- solo i commenti che la redazione riterrà conformi a quanto sopra saranno pubblicati

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 


 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose


 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

temesa logo
I Luoghi di Temesa

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

petilia santa spina
Riti Pasquali

In Calabria


 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto


amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 




© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA