Borgia: bellezza e decoro in un rito

borgia processione rosario 2016 Quando un rito religioso diventa estetica e bellezza
a Borgia, la Madonna del SS Rosario
La superba statua, le luminarie artistiche, sfarzosi fuochi caleidoscopici, il ciuccio entusiasmante
 

© Riproduzione riservata - Nessun uso è consentito degli elementi della pagina
vedi pagina paesaggistica
Da anni vado sostenendo che, nel Sud -specie in Calabria-, per conoscere la tipologia sociale di una comunità occorra osservare i riti religiosi, i preparativi, le processioni, gli aspetti che li connotano. Ancor più riesce se lo fai da non credente privo del trasporto di fede che condiziona il giudizio.
Ne ho seguito millanta e passa di tali eventi dal Pollino a Spartivento e questo convincimento va sempre più rafforzandosi. Verrà tempo, spero, di poter raccontare la mia interpretazione di tali contesti cercando di evidenziare la differenza tra coste e interno, tra Calabria Citra e Calabria Ulteriore, le vibrazioni delle zone montane del Pollino e dell’Aspromonte, la compassata misura della Sila e delle Serre vibonesi.
Questa pagina è dedicata ad un luogo ed un rito di una zolla calabrese che ne ha visto di storia regionale, o meglio storia mediterranea, che ha elevato il modo e la sostanza a bellezza che qui alberga da millenni.
Succede che il 2 settembre del 2016, dopo aver approfondito sulla rete, mi par d’uopo recarmi a Borgia per la ricorrenza della SS del Rosario che sul web si mostra assai confacente, oltre che per tutti i crismi della fede vissuti dai credenti, anche per il senso di decoro ed estetica degli accadimenti civili che con garbo ed eleganza completano le motivazioni intime dei fedeli. La processione si avvia poco dopo le ore 18.
continua dopo le foto


Ciò che immediatamente coglie la vista è la statua della Madonna, imponente nella dimensione e addobbata con grazia in ogni aspetto; ancor più si esalta con il buio per via di un faretto che la illumina dal basso verso l’alto elevandone la figura verso il cielo proponendola alla visione secondo i rituali parametri dell’adorazione.
La statua non è portata sulle spalle ma su un carrello alla cui guida si alternano in tanti per tutto il lunghissimo percorso cittadino.
Non sono presenti confraternite in tenuta cerimoniale, il solo stendardo della confraternita SS Rosario, manca anche la fascia tricolore del primo cittadino.
C’è la banda musicale locale, in vistosa tenuta, che esegue un vasto repertorio con l'aggiunta di uno spaccato inconsueto davanti alla chiesa dell’Immacolata ove si svolge una litania in abbinamento ad un gruppo di donne che alternano un breve coro al suono dei musici.
Il corteo prende via che è ancora luce con le luminarie spente che lasciano prefigurare un effetto scenico di spessore, così è al calare del buio. Il rientro del corteo in chiesa attraversa la via centrale, corso Mazzini, scorrendo sotto gli archi illuminati che in profondità creano un abbagliante tunnel luminosissimo. Ma il meglio della coreografica luminescenza è davanti alla chiesa del SS Rosario con una vera fantasia architettonica.
Lungo il tragitto vari altarini votivi (credo cinque) con relative fermate, in varie strade dai balconi le coperte damascate alcune delle quali sovrapposte da superbi lenzuoli ricamati.
Ciò che eleva la bellezza civica di questo rito religioso è certamente lo straordinario spettacolo dei fuochi.
Il corteo attraversa la cittadina iniziando dalla zona est arrivando ai confini ovest due ore dopo a notte ormai compiuta. E’ palpabile dai comportamenti della folla che trattasi di momento molto atteso. Una vasta zona è invasa da persone e ognuno cerca un posizionamento di migliore osservazione. Arriva un lampo a squarciare il nero profondo innanzi a noi e subito dopo iniziano dieci minuti di mirabili fantasie e avvincenti coreografie che restano nella mente per tutto il tratto di rientro sotto le luminose arcate di cui sopra.
Intanto nel tratto prossimo alla chiesa un consistente cerchio di astanti indica il luogo ove a breve si svolgerà il concludente rito del ciuccio.
Il carrello che sostiene la statua scorre senza soste dal punto di osservazione dei fuochi fino alla chiesa ove la Madonna viene posizionata davanti alla porta volta allo spiazzo che accoglie il palco.
Tanti bambini in frenetica attesa, le mamme a contenerne l’entusiasmo ed ecco che arriva il ciuccio colmo di micce d’ogni forma. Inizia, il quadrupede su due piedi, a roteare tra il cerchio di festanti borgesi; la prima miccia, poi un’altra e così via per dieci minuti tra colori e scoppi che al loro cessare cessa anche la ricorrenza che è religiosa, che è anche gioiosa festa di belle cose, senza forzature, che educa al gusto estetico propedeutico per il senso civico.
Antonio Cima 04-10-2016

Aggiungi commento

REGOLAMENTO SUI COMMENTI:
1- i commenti sono sottoposti a restrizioni
2- sono consentiti commenti su soggetti e fatti pubblici
3- saranno esclusi commenti e citazioni impropri di persone e ambiti privati
4- saranno escluse citazioni irridenti o non rispettose di commenti altrui
5- saranno esclusi commenti senza rilevanza di tema
6- è ammessa la forma satirica esclusivamente in relazione a contenuti pubblici
7- solo i commenti che la redazione riterrà conformi a quanto sopra saranno pubblicati

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 


 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose


 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

temesa logo
I Luoghi di Temesa

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

petilia santa spina
Riti Pasquali

In Calabria


 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto


amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 




© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA