San Basile (CS), Processione di San Giovanni Battista

san-basile-calabria-san-giovanni-processione-2018-processione   San Basile, nel Pollino calabrese
Processione di San Giovanni Battista il 25 maggio
 

© Riproduzione riservata - Nessun uso è consentito degli elementi della pagina
Per passione territoriale e per interessi antropologici da anni seguo riti religiosi in chiesa e processioni della Pietà Popolare per strade, sentieri, montagne, fiumi. Da un po ho spostato gli interessi nell’ambito della religione di rito bizantino.
Ritengo di dover recuperare il gap numerico rispetto alla religione Cattolica.
Ed è così che venerdì 25 maggio arrivo alle ore 15 a San Basile, alcune ore prima della processione. Così faccio quasi sempre per dedicare tempo al luogo, come ho fatto in questa circostanza nel paesino albanese cosentino.
Dopo l’ampio giro in paese mi sono fermato poco prima delle ore 17,30 accanto alla fontana di piazza Skanderbeg, accanto alla chiesa di San Giovanni Battista, a parlare con anziani. Per la processione è ancora presto, intanto arrivano donne con fagotti e scatole che contengono i doni da mettere all’asta (ngandi) che ci sarà dopo la processione. Gradualmente lo spazio tra il palazzo municipale e la chiesa si colma, arriva la banda musicale di Morano Calabro che è paese confinante a nord. La navata di S.Giovanni è ormai affollata, fuori in tanti ad attendere l’uscita del santo ascoltano le note intonate dai musici moranesi. continua dopo le foto


Sono quasi le ore 18.30, il parroco si distacca dalla folla, entra in chiesa e si “addobba” per la processione. Arrivano quattro maschi anziani a sollevare la statua dal lato sinistro della navata a ridosso della splendida iconostasi. L’anziano che sarà banditore dello ngandi prende l’agnello posto alla sinistra di San Giovanni.
Due ragazzi portano un quadro con l’icona che raffigura il santo oggi festeggiato.
Varie donne e bambini con magnifici abiti della tradizione albanese si dispongono davanti alla porta della chiesa insieme ai due portatori dell’icona ed ai quattro che reggono la statua. Davanti a loro si pone l’uomo che regge l’agnello. E’ usanza antica a San Basile portare in processione l’agnello di San Giovanni da parte di chi si aggiudica l’asta per godere di tale privilegio. Il banditore lancia la quota d’inizio e i fedeli presenti concorrono all’aggiudicazione. Chi vince l’asta acquisisce tale diritto che può condividere a propria discrezione: da solo, con parenti, amici o altri. Lungo la processione ho visto molte donne alternarsi a portare l’agnello su un cuscino rosso.
Poco dopo le ore 18,30 si avvia il corteo con la banda avanti, dietro tre giovani crociferi, a seguire l’agnello, subito dopo i portatori dell'icona, poi la statua e i fedeli. E’ stata percorsa praticamente tutta l’area urbana, quella più bassa e antica (poco abitata), quella più alta con edifici nuovi avvolti interamente dal verde. Anche una parte dell’area periferica a sud ritornando in chiesa dalla strada provinciale 263 che collega a a sud a Saracena.
Lungo tutto il tratto cittadino percorso i balconi addobbati con damaschi, lenzuola ricamate ed una quantità indefinibile di petali lanciati dai balconi e dai marciapiedi esclusivamente da donne.
Il rientro in chiesa quando son quasi le ore 20; la statua viene riposta sul baldacchino e inizia il lungo rito del bacio dell’agnello e della statua. Dopo un po viene avviato dal palco l’incanto dei doni (ngandi). L’addetto a tale mansione, che pocanzi aveva messo all’asta il privilegio sull’agnello, saluta gli astanti e comincia con una torta, poi del vino, poi dell’olio, poi vanno avanti con gli altri prodotti che riempiono il tavolo sul palco. Assisto a tre aste, è ormai buio, mi avvio verso l’auto per i 140 km da fare. Rientro a casa alle ore 22 circa, nove ore di “missione” , poi ce ne vorranno ancor di più per i servizi, ma ne vale la pena, ne vale sempre la pena quando si tratta del proprio territorio, delle proprie radici.
Antonio Cima 29-05-2018
 

Aggiungi commento

REGOLAMENTO SUI COMMENTI:
1- i commenti sono sottoposti a restrizioni
2- sono consentiti commenti su soggetti e fatti pubblici
3- saranno esclusi commenti e citazioni impropri di persone e ambiti privati
4- saranno escluse citazioni irridenti o non rispettose di commenti altrui
5- saranno esclusi commenti senza rilevanza di tema
6- è ammessa la forma satirica esclusivamente in relazione a contenuti pubblici
7- solo i commenti che la redazione riterrà conformi a quanto sopra saranno pubblicati

Unisciti a noi su Facebook

"Calamenti Spedati"
Libro di A.Cima
su Amazon

amantea-cima-calamenti-spedati-amazon-marineria

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 


 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose


 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

temesa logo
I Luoghi di Temesa

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

petilia santa spina
Riti Pasquali

In Calabria


 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto


amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 




© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA