Presinaci, Madonna della Luce

presumeci-rombiolo-madonna-luce-2018 Presinaci, frazione di Rombiolo
Madonna della Luce
Per le vie cittadine e per le campagne
 Il Bambinello nelle case, l'incanto dei doni, Giganti, la banda

© Riproduzione riservata - Nessun uso è consentito degli elementi della pagina
La ricorrenza festiva della Madonna della Luce, in Calabria, riguarda prevalentemente la l’area centro-meridionale, specie la zona ovest di Monte Poro. Una delle più coinvolgenti è quella che la terza domenica di settembre si svolge a Presinaci, antica frazione del comune di Rombiolo. In realtà nella toponomastica cittadina la frazione è Pernocari-Presinaci (di circa 1600 cittadini), ma le due zone hanno radici e identità distinte da vari secoli, fuse tra fine 19° e inizi 20° secolo. Presinaci è la più antica, con popolazione in continua decrescita, contando oggi poco più di trecento abitanti.
Ma a vedere la partecipazione popolare alla processione di domenica 16 settembre 2018, si evince chiaramente una discendenza oggi distribuita altrove, anche per l’emigrazione.
E’ una festa a tempo pieno, che a volerla vivere interamente devi dedicarle una intera giornata. I principi dell’altruismo della Fede Cristiana ed il mutuo soccorso civico si fondono al mattino presto quando, alle ore otto, nella chiesa del Rosario, viene prelevata la figura del Bambino tenuta in braccio dalla Madonna. L’iniziativa è di un comitato formato da fedeli che vanno casa per casa, da anziani e malati, a portare la piccola statua come coinvolgimento e partecipazione alla festa. La stessa cosa avviene l’ultima domenica di ottobre, giorno di festa della Madonna del Rosario. continua dopo foto

Ad inizio mattinata, per le vie della frazione, scorrono esuberanti giganti affiancati da tamburinari. Sono di formato ridotto portati da ragazzi giovanissimi. Smettono intorno alle ore 10 per poi riprendere nel pomeriggio. Accanto ai giganti si muovono bambini del luogo con piccole figure di giganti alla loro portata.
La banda musicale di Curinga ha, nel frattempo, fatto il giro del paese per l’immancabile matinè della festa.
Alle ore 10,30 inizia la messa nella centrale chiesa della Madonna della Luce. Navata colma, parte dei fedeli davanti alla porta sul piazzale. L’anziano parroco officiante, Don Ferdinando Zappino,approfondisce i significati di questa ricorrenza, un superbo coro (pur di numero esiguo) spande una vocalità di grande fascino.
Si tratta di una festa patronale che, in genere, non esiste nelle frazioni, se non in quelle con una antica identità precipua.
Alle ore 12 circa la statua esce dalla chiesa, qualche minuto di esposizione davanti alla porta per consentire il fissaggio delle particolari assi metalliche di trasporto sulla base che sostiene la Madonna in processione. Alle ore 12,15 si avvia il cammino processuale. Non c’è il crocifero d’inizio corteo, non sono presenti confratelli in tenuta da processione, nessuna presenza di gonfaloni e stendardi, certamente vi saranno esponenti dell’Amministrazione comunale. Si percorre inizialmente il vecchio centro storico quasi spopolato; passaggio dalla chiesa del Rosario aperta per la circostanza, risalita verso la parte moderna, un lungo tragitto fuori abitato arrivando ai limiti di Pernocari.
Una vasta campagna rigogliosa, con pochi palazzi distanziati. Mi sembra eccessivo tale percorso considerando la scarsa presenza umana e la mancanza di riferimenti visivi connotanti. Si rientra, un allungamento del percorso in una zona più bassa, quindi il ritorno in chiesa. Alle ore 13,15 la statua fermata davanti alla porta, qualche minuto per togliere le assi di trasporto e per riposizionare quelle di legno. Seguono dieci minuti di litania con canto vocale dei fedeli alternati a brevi stacchi musicali della banda. Alla ore 13,30 la statura ritorna nella navata sul lato destro del presbiterio. Un breve rito del bacio conclude la processione e la mattinata. Questa lunga fase mattutina è documentata dalle foto allegate al testo. Lascio il luogo per rientrare.
Ripercorro ampia parte del territorio stimando una volumetria abitativa molto più ampia delle trecento persone che vi abitano. E’ una condizione comune a tutte le località della Calabria, grandi e piccole, per via dello spopolamento in atto da vari decenni. In realtà il peggio deve ancora arrivare, è arriverà tra qualche decennio, quando almeno metà dei piccoli borghi e paesi interni saranno totalmente disabitati.
La festa di Presinaci riprende al pomeriggio, secondo tradizione; ritorneranno i giganti per le strade, alle ore 16,30 si svolgerà l’incanto dei doni offerti per la raccolta di fondi per il sostegno della chiesa. In tarda serata vi sarà la festa di piazza, con un gruppo musicale sul palco accanto alla chiesa.
Antonio Cima 19-09-2018 

vedi su wikipedia  https://scn.wikipedia.org/wiki/Presinaci 

Aggiungi commento

REGOLAMENTO SUI COMMENTI:
1- i commenti sono sottoposti a restrizioni
2- sono consentiti commenti su soggetti e fatti pubblici
3- saranno esclusi commenti e citazioni impropri di persone e ambiti privati
4- saranno escluse citazioni irridenti o non rispettose di commenti altrui
5- saranno esclusi commenti senza rilevanza di tema
6- è ammessa la forma satirica esclusivamente in relazione a contenuti pubblici
7- solo i commenti che la redazione riterrà conformi a quanto sopra saranno pubblicati

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 


 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose


 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

temesa logo
I Luoghi di Temesa

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

petilia santa spina
Riti Pasquali

In Calabria


 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto


amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 




© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA