Pentone - Maria SS di Termine, la Cunfrunta

pentone-madonna-termine-cunfrunta-2019 MARIA SS DI TERMINE A PENTONE (CZ) 2019
Una ricorrenza di grande partecipazione nel Santuario
La processione conclusiva con la suggestiva Cunfrunta
Nella piazza centrale Incontro tra Maria e San Nicola

La ricorrenza della Madonna SS di Termine, nel comune di Pentone, nella Presila Catanzarese, è una delle maggiori espressioni di Pietà Popolare regionali. Articolata e variegata coinvolge per vari giorni fedeli e appassionati alle ritualità locali. E’ ampiamente documentata ed ogni aspetto su origini, sviluppi storici, coinvolgimenti, adattamenti e partecipazioni può essere rilevato dai vari link di fondo pagina.
A questo testo si affida esclusivamente la narrazione del rito conclusivo che avviene nel pomeriggio/sera della seconda domenica di settembre, nella fattispecie domenica 8 settembre 2019.
Come d’abitudine, prima di avviarmi per il piccolo centro presilano, acquisisco gli elementi conoscitivi necessari. Parto da Amantea alle ore 14,10 percorrendo SS18, A2, SS280 fino a Catanzaro, poi la SS109 fino a Pentone ove arrivo alle ore 15,15. In realtà mi fermo tre km prima del paese nella zona Termine ove insiste il Santuario della Madonna. continua dopo le foto



E’ presto, pochissima gente tra cui la bambina della quale si narra la visione avuta con la Madonna. Gradualmente arriva gente, anche il sindaco Vincenzo Marino, da tre mesi Primo cittadino. Arriva anche il carro, su cui verrà posta la statua, maestosamente adornato di fiori. Alle ore 16,15 sul carro viene fissata la statua di Maria, di fronte a lei la bambina con in testa un fascio di arbusti e in mano una forma di pane, simboli della civiltà rurale. Si avviano tutte le auto con in coda il carro con Madonna e bambina diretti alla frazione Sant’Elia prima e Visconte poi. Nelle due località vengono svolte liturgie e riti di pertinenza.
Non seguo il corteo ma mi dirigo verso il paese ove parcheggio nella periferia ovest poco prima delle ore 17. Per la prima volta metto piede in questa località. E’ presto per la processione, ne approfitto per girare il borgo.
Dopo aver visitato quasi tutti i paesi della Calabria, sviluppi una sorta di sesto senso che ti anticipa la qualità urbana già fin dalle prime pietre del paese. La prima positiva impressione è stata confermata e avvalorata per tutta l’ora di attraversamento di strade, vicoli, spiazzi, affacciate: un livello davvero rilevante di decoro urbano, di estetica, ordine, pulizia, diffusione del verde. E’ una caratteristica del catanzarese, soprattutto dei luoghi del territorio silano e montano in genere. Tante volte sono stato nella confinante Taverna che parimenti esalta queste caratteristiche.
Alle ore 18 mi avvio verso lo spiazzo centrale ove si svolgerà la Cunfrunta che anticipa la processione. Tanta gente sulla strada, la gradinata colma, colmi finestre, balconi, balconate, terrazze e ballatoi. Un consistente servizio d’ordine governa il concitato momento.
La statua di San Nicola da Bari (Patrono cittadino), in attesa in un vicolo di corso Veraldi, viene portata sul lato est dello spazio scenico poco dopo le ore 18,30, parimenti sul lato ovest arriva dalle frazioni la statua della Madonna. Vi sono due comitati portatori, della Madonna e di San Nicola, abbigliati da corteo, ognuno dei quali a far da cornice alla propria statua. Il tempo di assestare gli spazi e alle ore 19,40 si svolge la Cunfrunta.
Non si tratta di evento annoverabile tra le Cunfrunte-Affruntate-Svelate-Ncrinate della domenica di Pasqua. E’ cosa simbolica che attraversa le passioni dei fedeli nella stessa misura. Dura meno di due minuti. Le due statue distanziate di circa venti metri per tre volte si avvicinano, affiancandosi al terzo accostamento. La reazione esaltante del popolo si evidenzia, ma non produce quella sorta di estasi con susseguente pianto come la domenica di Pasqua.
Inizia così la processione per il paese dirigendosi verso la periferia ovest, rientrando in centro, attraversando gran parte del paese, compreso il grumo di vicoletti antichi della zona est. Davanti la banda musicale cittadina, poi le autorità civili e militari. Ho apprezzato l’affiancamento della giovane Sindaca Baby accanto al Primo cittadino. E’ una condizione educativa nel contesto della partecipazione alle “chiamate” sociali. Tra loro anche la bambina della visione con in testa il fascio tenuto con una mano e sul palmo dell’altra la forma di pane. Poi le due statue, affiancate nei tratti di strada larga con la Madonna a sinistra e il Patrono a destra, davanti San Nicola e dietro Maria nei tratti stretti. Una gran folla conclude la vasta colonna di fedeli.
Si tratta di un percorso molto impegnativo dovuto al peso delle statue e alle asperità dei tanti vicoli. Pur essendo in numero significativo i portatori sono costretti a numerose pause di recupero. Emergono due aspetti organizzativi del mutuo soccorso. Alcuni giovanissimi, per tutta la processione, portano sulle spalle dei pesanti cavalletti metallici su cui poggiare le statue nelle soste. E’ veramente apprezzabile l’opera di questi ragazzi a sostegno della riuscita dell’evento. Nei punti di sosta i portatori sono sorretti dagli abitanti di quelle case con acqua, birra, vino, e cibarie all’uopo. Pochi minuti di pausa e si riprende con una elevazione delle statue coordinata a voce da due addetti.
La processione effettua l’ultima sosta in piazza Nicola Lombardi, a pochi metri dalla chiesa parrocchiale di San Nicola. Il parroco, Don Gaetano Rocca, si affaccia da un balcone per la sintesi di chiusura della ricorrenza; i ringraziamenti per tutti coloro che si sono adoperati, i saluti alle autorità e alla popolazione che a breve lascerà essendo stato destinato ad altra sede.
Poco dopo le ore 20 le statue sono in chiesa, posizionate sul lato destro della navata. Molti fedeli seduti e altri in piedi, tanti intorno a Maria e Nicola per il bacio conclusivo. Alle ore 20,15 inizia la messa, officiante un anziano prelato.
Scivolo verso la porta, mi avvio verso l’auto, arrivo a casa poco prima delle ore 22. Un altro giorno che accresce la mia consapevolezza dei valori positivi esistenti in Calabria. Non mi riferisco, ovviamente, ai contenuti religiosi che possono o no essere percepiti o disconosciuti, ma ai valori sociali che emergono in un caleidoscopio di condivisioni, alla bellezza dei luoghi sostenuta da antiche radici, non a caso fummo Magna Grecia.
Antonio Cima 12-09-2019
http://www.portalesila.it/il-santuario-della-madonna-di-termine/">http://www.portalesila.it/il-santuario-della-madonna-di-termine/
http://www.prolocopentone.it/santuario.asp    
http://www.prolocopentone.it/dati_pdf/La%20Madonna%20di%20Termine.pdf 
https://www.youtube.com/watch?v=BVt40SFjr3I
https://www.calabriamagnifica.it/eventi-calabria/pentone-si-prepara-a-vivere-la-festa-della-madonna-di-termine-video/

Aggiungi commento

REGOLAMENTO SUI COMMENTI:
1- i commenti sono sottoposti a restrizioni
2- sono consentiti commenti su soggetti e fatti pubblici
3- saranno esclusi commenti e citazioni impropri di persone e ambiti privati
4- saranno escluse citazioni irridenti o non rispettose di commenti altrui
5- saranno esclusi commenti senza rilevanza di tema
6- è ammessa la forma satirica esclusivamente in relazione a contenuti pubblici
7- solo i commenti che la redazione riterrà conformi a quanto sopra saranno pubblicati

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 


 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose


 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

temesa logo
I Luoghi di Temesa

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

petilia santa spina
Riti Pasquali

In Calabria


 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto


amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 




© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA