Macchia di Spezzano Piccolo

Macchia spezzano piccolo Paesaggi e storia della Presila cosentina
Frazione Macchia di Spezzano Piccolo dal X sec.

La frazione Macchia di Spezzano Piccolo risale al X sec., intorno al 985 986, quando l'Emiro Abulcasimo  si accinse ad invadere per la seconda volta la valle del Crati (la prima invasione avvenne nel 975) e di conseguenza la città di Cosenza. A causa dell’invasione, i cosentini furono costretti ad abbandonare la città cercando rifugio sui monti presilani. Questa, che contava circa 120000 abitanti, venne ridotta ad un cumulo di macerie e molti cosentini si trasferirono definitivamente sulle colline che circondano Cosenza. Nacquero così i casali che, come una corona, circondano la città: Macchia fu,appunto,un casale Cosentino.
<<Già Casale di Cosenza, venne poi compresa nella Bagliva di Spezzano Piccolo. L’ordinamento amministrativo francese disposto per legge 19 gennaio 1807 ne faceva un Luogo, ossia un’Università, nel cosi detto Governo di Spezzano Grande. Col riordino per decreto 4 maggio 1811, istitutivo di Comuni e Circondari, veniva retrocesso a Villaggio, cioè a frazione di Spezzano Piccolo.>>
continua dopo le foto


I Palazzi Tricarico, Benvenuto, Gullo, e alcune case palazziate, ancora oggi, nella loro austerità, testimoniamo il dominio delle Famiglie che hanno scritto la storia del borgo. L’avvocato Fausto Gullo (Catanzaro,16 Giugno 1887 – Macchia di Spezzano Piccolo, 3 settembre 1974) deputato, Padre Costituente, Ministro di “Grazie e di Giustizia” (14 luglio 1946 - 1º giugno 1947) e dell’ “Agricoltura” (22 aprile 1944 - 13 luglio 1946), varò la riforma agraria meritando l’appellativo di “Ministro dei Contadini”. Nel Palazzo Gullo,sulla cui facciata principale è posta un'antica Meridiana e una lapide commemorativa al ministro dedicata, è possibile visitare la “Biblioteca Gullo”, aperta al pubblico, costituita dal nucleo originario della biblioteca risalente ad Alfonso Gullo, (1812-1884), e ai suoi figli Luigi, (1844-1890) ed Eugenio (1854-1923) e dalla più consistente sezione della Biblioteca e dell’Archivio, raccolti da Fausto Gullo (1887-1973) e dal figlio Luigi (1917-1998), avvocati entrambi e uomini politici.
Essa è costituita da circa 15.000 volumi è organizzata come segue:
a) fondo antico;
b) fondo moderno costituito da una sezione politica, da una sezione giuridica e da una sezione umanistica: 
c) periodici e riviste;
d) sezione archivio.
ed aderisce al Servizio Bibliotecario Nazionale (SBN WEB), tramite il quale la Biblioteca attua la cooperazione bibliotecaria con la Biblioteca Nazionale di Cosenza – polo SBN per la regione Calabria. (per info e contatti
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. )
Il borgo ospitava anche la scuola elementare,ora non più attiva.

Gli edifici di culto presenti nella frazione sono:
- La Chiesa di Sant’Andrea Apostolo, risalente al XIV sec., che ospitava l’ex Parrocchia intitolata al Santo, patrono di Macchia (30 Novembre).
<<La più antica notizia che si riferisce a questa Chiesa Parrocchiale, riportata nel “Regesto Vaticano per la Calabria” di F. Russo, risale al 30-3-1419; in detta notizia viene indicata come “ecclesia S. Andreae de Maccla”. Successivamente in altra notizia della stessa opera, l’abitato viene indicato col nome “la Macchia”>>. La facciata mantiene il portale originario in tufo con delicate colonnine e quasi invisibili capitelli mentre l’interno della Chiesa è costituito da un’unica navata. A Sinistra della Chiesa,adiacente ad essa, vi è il campanile a base quadrata.

-La Chiesetta della Madonna delle Grazie,detta la Conicella per la sua posizione geografica,si trova circa di fronte la Chiesa di Sant’Andrea Apostolo.

-Il Convento di San Giovanni Battista era costruito nella località oggi denominata “San Giuvanniellu”,ove attualmente vige un’edicola di San Giovanni Battista, nella zona nomata Piedirosso, sulla strada mulattiera principale che da Macchia portava ad Acqua Coperta e quindi in Sila. Venne costruito ove oggi vi sono i resti,quasi del tutto scomparsi,di una vecchia fornace di calce, con cottura a carbone, e fu soppresso nel 1713 (anche se nel 1784-85 troviamo che si teneva la festa di S. Giovanni in Macchia), ma non se ne conosce il motivo. Certamente il monastero era stato abbandonato dalla gran parte dei frati perché gravemente danneggiato dal terremoto del 1638 «spaventevole terremoto nella Calabria che squassò la chiesa di Celico dove era stato battezzato l’Abate Gioacchino e tutta la zona subì danni ed anche il Duomo di Cosenza». I frati rimasti si sparpagliarono per i conventi vicini. Da una relazione Geologica si apprende:

Data: 27.03.1638 - Ora: 15:05 - Io: 11.0 - I: 8.0 - Me: 6.9 - Area epicentrale: Calabria

Risentimenti: La scossa del 27 marzo causò il crollo di 34 case nel centro abitato, il crollo di 60 case e la morte di 2 persone nella frazione Macchia (da L. D’Orsi: “I terremoti delle due Calavrie fedelissimamente descritti” – Napoli, 1640).
Nella zona in descrizione è presente anche una cava di pietre e la ferrovia Calabro-Lucana nonché il suo Casello Ferroviario annesso.

Il borgo diede i Natali anche al famigerato e sanguinario brigante Pietro Monaco (Macchia di Spezzano Piccolo, 2 giugno 1836 – Pedace, 24 dicembre 1863),meglio conosciuto con il nome di battaglia “Brutta Cera”, che nell’800 si diede alla macchia capeggiando una propria banda insieme alla moglie Maria Oliverio, alias Ciccilla. Nel borgo si trova ancora la presunta abitazione del brigante.

Macchia è citata anche dal Barrio che nel 1571 così scriveva: «Vi sono anche altri piccoli luoghi fortificati nei dintorni di Spaziano, cioè Macchia, patria di Matteo Monaco, della famiglia dei Minimi. Sacerdote integerrimo di vita, che giammai parlò con donne, animato da spirito di profezia, e famoso per i miracoli. Morì a Paola nel 1614»

Nella frazione esiste anche la sorgente di acqua Piturro, nelle cui vicinanze sorgeva un Mulino ormai distrutto, che un tempo veniva utilizzata dalle donne per fare il bucato e dai contadini per irrigare i campi,a testimonianza della convivialità della popolazione del luogo.

Macchia ha dato vita anche a numerose personalità artistiche e la tradizione presepiale inizia nell’anno 1981 fino al 1992. In questo lungo periodo,le realizzazioni presepiali furono di grande valore artistico a tal punto che i presepi artistici nell’anno 1988 e 1989 furono premiati con la seguente motivazione:
 

1) "la presidenza del consiglio regionale della Calabria, per la valorizzazione del patrimonio culturale svolta, conferisce una medaglia d'argento, quale riconoscimento del valore artistico del presepe realizzato in occasione del natale 1987 - raffigurante Parigi"


2) "la presidenza del consiglio regionale della Calabria, per la valorizzazione del patrimonio culturale svolta, conferisce una medaglia d'oro, quale riconoscimento del valore artistico e culturale del presepe realizzato in occasione del natale 1988 - raffigurante la fusione tra la frazione Macchia e il paese Spezzano Piccolo".

Nel 2013 nel borgo è stato messo in scena un Presepe Vivente dal titolo “Il Sogno di Maria”, scritto e diretto dal regista commediografo Siciliano Rocco Chinnici. Tale presepe vivente, partecipando al concorso “premio presepistico nazionale <Praesepium Italiae> 20a ed. 2013/14” bandito dall'associazione - Opera Internazionale Praesepium -Amici del Presepio- con sede in Sicilia a Geraci Siculo (PA), si classificò al primo posto. Il regista Rocco Chinnici, “innamorato dalla bellezza del borgo”, come egli stesso più volte ha riferito, ha scritto una poesia al borgo stesso dedicato,la quale è stata dipinta su maiolica ed affissa nel borgo.

La frazione, inoltre, è stata anche censita nell’iniziativa del FAI (Fondo Ambiente Italiano) “I Luoghi del Cuore” – il censimento dei luoghi del cuore da non dimenticare.

Maggiori informazioni,curiosità, avvenimenti passati presenti & futuri, testimonianze di attività svolte e da svolgere nel borgo si possono trovare sulla pagina facebook ufficiale di promozione del borgo “Noi Che Crediamo Nel Bene di Macchia” “ https://www.facebook.com/BorgoMacchia

e sulla pagina facebook ufficiale dell’ “Associazione Culturale Macchia Antico Borgo” operante sul posto “https://www.facebook.com/Associazione-Culturale-Macchia-Antico-Borgo-748058208620592/?ref=ts&fref=ts

Fonti consultate per la stesura dell’articolo:
1)
 http://mycovenant.eumayors.eu/docs/seap/3632_1383505987.pdf

2)  https://it.wikipedia.org/wiki/Universitas_Casalium

3)  http://www.bibliotecagullo.it/

4)  http://www.calabria.org.uk/province/cosenza/cosenza.htm/cosenzastoria/comuni/spezzano%20piccolo/spezzano_piccolo.htm

5)  https://it.wikipedia.org/wiki/Pietro_Monaco_(brigante)

6)  http://iluoghidelcuore.it/luoghi/cosenza/spezzano-piccolo/macchia/83496

7) https://it.wikipedia.org/wiki/Fausto_Gullo

8) http://www.comune.spezzanopiccolo.cs.it/index.php?action=index&p=280

Aggiungi commento

REGOLAMENTO SUI COMMENTI:
1- i commenti sono sottoposti a restrizioni
2- sono consentiti commenti su soggetti e fatti pubblici
3- saranno esclusi commenti e citazioni impropri di persone e ambiti privati
4- saranno escluse citazioni irridenti o non rispettose di commenti altrui
5- saranno esclusi commenti senza rilevanza di tema
6- è ammessa la forma satirica esclusivamente in relazione a contenuti pubblici
7- solo i commenti che la redazione riterrà conformi a quanto sopra saranno pubblicati

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 


 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose


 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

temesa logo
I Luoghi di Temesa

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

petilia santa spina
Riti Pasquali

In Calabria


 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto


amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 




© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA