Amantea, un giro nel borgo con turisti laziali e pugliesi

giro-borgo-anziani-latina Amantea,
Passeggiata tra le vie del borgo antico
con un gruppo di turisti laziali e pugliesi
affascinati da una "insolita" bellezza

© Riproduzione riservata - Nessun uso è consentito degli elementi della pagina
Ad inizio luglio ho ricevuto una telefonata dalla signora Anna di Latina, coordinatrice di un gruppo di persone prossime ad essere ospitate nella struttura termale di Guardia Piemontese. La signora si è attivata sulla rete per valutare visite ed escursioni da fare nei 10 giorni di permanenza. Spaziando sul web è finita su webiamo.it, da qui la telefonata alla quale hanno fatto seguito tutte le informazioni turistiche sulla costa.
Tra le mete scelte è stata inserita Amantea ove sono arrivati nel pomeriggio di mercoledì 12 luglio.
Da anni mi capita di far compagnia a gruppi di turisti, a volte numerosi altre volte di poche unità. In base al tempo che hanno, all’età media, alle motivazioni, decido il percorso da fare e il tempo da impiegare. Questa volta è stata decisa la passeggiata classica di attraversamento di tutto il centro storico nella parte bassa sopra le mura. Inizio dal piazzale del Carmine finendo al parco della grotta percorrendo corso Umberto, via Indipendenza, un po di via Dogana. E’ questo in genere la soluzione con persone d’età saggia, con l’andare meditato, con la voglia di scrutare ed ascoltare. Circa due ore per i quasi due km, con tante pause d’osservazione, spazi di narrazione, scorci da fotografare.
continua dopo le foto


L’abbiamo attraversata tutta la storia amanteana, e raccontata pure.
Da Clampetia romana di cui non è rimasta traccia strutturale, dai bizantini con Nepetia ai Saraceni con Al-Mantiah, e poi tutti gli altri: normanni, svevi, angioini, borboni, francesi.
Le vicende cittadine dall’origine sul Catocastro espandondosi ad est con Paraporto, giù per la Calavecchia.
I grandi eventi, i personaggi, le vocazioni, le strutture architettoniche, l’arte, la cultura, l’economia, l’enogastronomia.
Estasiati, gli ospiti laziali e pugliesi -come per strada si sono evidenziati-, dai tanti scorci, panorami, palazzi, dal verde ovunque, dai profumi provenienti dai tanti giardini pensili.
I momenti che maggiormente hanno destato affascinamento sono stati quelli trascorsi nel Palazzo delle Clarisse, dalle viste superbe della costa, la distesa urbana, il sottostante parco, la torre della Civita, i ruderi di S.Francesco d’Assisi, gli scogli di Isca, e, ovviamente, l’elevata consistenza del palazzo.
In Largo Fava un cenno alle donne della storia amanteana, nobili e popolane, alle tante bambine chiuse nelle Clarisse, alle foritane che venivano a vendere in paese, alla marinare che andavano a barattare nelle campagne.
Non poteva mancare un po di superstizione con le ortensie di Catocastro curate fuori casa per paura di non sposare le figlie femmine.
La passeggiata si è conclusa nel parco della grotta. Seduti sulle panchine, compiaciuti della piacevolezza del luogo, i gentili ospiti guardavano in alto indicando i vari spaccati poco prima attraversati.
Così è andato questo spazio, di tempo e luogo, che certamente rimarrà nei ricordi dei visitatori con un conseguente passa parola, che, pur nell’elogio della rete, rimane un sicuro veicolo d’immagine dei territori.
Antonio Cima 13-07-2017

Aggiungi commento

REGOLAMENTO SUI COMMENTI:
1- i commenti sono sottoposti a restrizioni
2- sono consentiti commenti su soggetti e fatti pubblici
3- saranno esclusi commenti e citazioni impropri di persone e ambiti privati
4- saranno escluse citazioni irridenti o non rispettose di commenti altrui
5- saranno esclusi commenti senza rilevanza di tema
6- è ammessa la forma satirica esclusivamente in relazione a contenuti pubblici
7- solo i commenti che la redazione riterrà conformi a quanto sopra saranno pubblicati

Commenti  

 
#1 Giuseppeesseti 2017-07-14 12:14
complimenti per la tua "personale" promozione di Amantea. Continua così. :-)

p.s. : ... comunque in epoca Bizantina si chiamava già Amantia, (Anonimo ravennate e Synopsis historriarum)

Risposta:
Si è vero, è cosa accertata, anche se è un elemento poco menzionato e dibattuto. Ordinariamente si semplifica in nepetia/bizanti na e al-mantiah/araba.
Grazie
Citazione
 

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 


 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose


 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

temesa logo
I Luoghi di Temesa

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

petilia santa spina
Riti Pasquali

In Calabria


 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto


amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 




© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA