Quel che accadde dopo l'Unità d'Italia del 1861

amantea-cineteatro-sicoli-verita-1861-022   CINETEATRO SICOLI DI AMANTEA 17-02-2019
GRANDE SERATA DI CULTURA E STORIA
LA VERITA’ SULL’UNITA’ D’ITALIA DEL 1861

© Riproduzione riservata - Nessun uso è consentito degli elementi della pagina
© Riproduzione riservata - Nessun uso è consentito degli elementi della pagina
Da tempo ad Amantea c’è un fermento culturale veicolato nel contesto teatrale da varie compagnie. Una iniziativa lungimirante è stata avviata da alcuni mesi dall’Associazione Teatrale “Il Volo delle Comete” che ha deciso di ridare nuova vita al Cineteatro Sicoli, rilevandone la gestione, organizzando una consistente stagione teatrale.
La struttura, oltre agli spettacoli, è anche sede di convegni e presentazioni di libri. In tutto cio' s’impegnano con continuita' Enzo Alfano, Tonino Sesti, Roberta Del Rosario e altri soci.
Un ministro, palesemente grossolano, disse che con la cultura non si mangia. Lo sventurato ministro, se fosse stato ad Amantea nella serata di domenica 17 febbraio 2019, non lo avremmo certamente trovato nella sala del Cineteatro Sicoli all’evento che non so se definire di storia o di canto o di recitazione, in realtà tutto cio' insieme. Serata promossa dall’Associazione amanteana Avis, presente tutto il quadro dirigente e il presidente Alfio Franco. continua dopo le foto

L’Associazione teatrale Carma ha portato in scena la rappresentazione storica “1861 la brutale verità” tratta dal libro di Michele Carilli con pari titolo e sottotitolo ”il lato oscuro dell’Unita' d’Italia e il Brigantaggio postunitario”. Una attenta e approfondita narrazione sugli atroci accadimenti, su come andarono realmente le cose, con una annessione del Meridione depauperato delle sue eccellenze (tra cui le strategiche ed importanti ferriere di Mongiana nelle Serre vibonesi). Nella quarta di copertina del libro si legge: “…piuttosto che vivere ai limiti dell’umana dignità, uomini e donne del Sud lottarono per riscattarsi da una sorte infame e scelsero di morire in piedi anziché vivere in ginocchio”.
Sul palcoscenico quattro mirabili interpreti tra recitazione, declamazione, canto, suoni, hanno magistralmente rievocato il periodo che va dalla spedizione dei Mille con partenza da Quarto, allo sbarco a Marsala, all’ingerenza inglese e francese, al fare interrogativo dell’esercito borbonico, ai terribili provvedimenti di legge post Unificazione, alla persecuzione dei “partigiani” di allora (storicizzati come Briganti) militanti impegnati nella rivendicazione dei diritti dei territori meridionali.
Una interpretazione che ha incantato l’affollata platea del Sicoli, con una finale standing ovation di vari minuti.
I quattro “eroici Briganti” sul palcoscenico sono stati: Gabriele Profazio (narratore), Marinella Roda' (voce e percussioni), Alessandro Calcaramo (chitarra e bouzouki), Mario Lo Cascio (chitarra e percussioni).
Una serata che sarà ricordata a lungo dagli amanteani che hanno avuto modo di ritornare su quel periodo storico e riflettere su come sia andata veramente.
Tra i tanti amanteani presenti ci poteva stare anche qualche presenza di corso Umberto, ma questa è un’altra storia.
Antonio Cima 18-02-2019

Aggiungi commento

REGOLAMENTO SUI COMMENTI:
1- i commenti sono sottoposti a restrizioni
2- sono consentiti commenti su soggetti e fatti pubblici
3- saranno esclusi commenti e citazioni impropri di persone e ambiti privati
4- saranno escluse citazioni irridenti o non rispettose di commenti altrui
5- saranno esclusi commenti senza rilevanza di tema
6- è ammessa la forma satirica esclusivamente in relazione a contenuti pubblici
7- solo i commenti che la redazione riterrà conformi a quanto sopra saranno pubblicati

Commenti  

 
#2 mirailtuopopolo 2019-02-19 12:54
Non posso commentare lo spettacolo perchè mi trovavo in altri luoghi, però qualcosa mi ha colpito: "gli amanteani hanno avuto modo di ritornare su quel periodo storico e riflettere su come sia andata veramente". E' andata come è andata....proba bilmente male mi sembra di capire.... ma dopo cosa si è fatto per raddrizzare la malaparata?
Citazione
 
 
#1 nt 2019-02-18 16:17
Eccellente come solito l'articolo. Spettacolo da rivedere e meditare. Proposta culturale profonda, ben argomentata in musica e parola con momenti di commozione profonda. Grazie a te che dai agli eventi che racconti quel "pizzico di sale in più" mancante. Grazie e riconoscenza al "Volo delle Comete" per l'offerta di cultura che dà ad Amantea. Da sostenere con presenza ed entusiasmo.Il teatro è un diritto dovere per tutti. "La città ha bisogno di teatro, il teatro ha bisogno dei cittadini".
Citazione
 

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 


 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose


 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

temesa logo
I Luoghi di Temesa

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

petilia santa spina
Riti Pasquali

In Calabria


 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto


amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 




© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA