Salvatore Sciandra ricorda Pino Miniaci

sciandra salvatore SALVATORE SCIANDRA ricorda di Pino Miniaci
grande uomo e straordinario artista

 “ I Canti Carnascialeschi “  di Pino Miniaci

     E lui non cambia idea!

     Quando Pino Miniaci mi partecipa di una sua “Mostra” per inaugurare una Taberna e “santificare per l'occasione il Carnevale, rimango rintontito (effetto collaterale dell'influenza?). Poi, però, quando mi arrivano le immagini delle opere che saranno presenti, ritorno in me e il mio animo, dopo qualche attimo di sbandamento si placa e ritorna a rigodere della bellezza dell'arte dell'amico grimaldese, e subito comincia a fantasticare.

     Cosa fa Pino Miniaci e la sua arte in un locale dove principalmente si mangia, si beve e si cerca allegria? Lui che, con ogni sua opera, vuole offrire un messaggio dal contenuto importante, che cosa cerca? E subito mi affanno a cercare qualche spunto artistico-letterario che mi aiuti a capire meglio questa occasione e poterla esaltare. E i Carmina burana (soprattutto il brano O fortuna) mi suggeriscono, fin da subito, qualche appiglio, immaginando che a Malito, una allegra brigata di giovani spensierati, possa cantare ancora, in quella hostaria : “ Hac in hora/ sine mora/ corde pulsum tangite;/ quod per sortem sternit fortem,/ mecum omnes plangite “ e godere dei momenti di convivialità che un tale luogo può offrire.

     E la fantasia galoppa ancora!

     Da sempre, un luogo di svago,ospita grandi artisti e suggerisce grandi opere. Dante e l'amico Forese Donati vagabondavano spesso per le osterie fiorentine e qui, dalla loro tenzone nascevano delle vere e proprie opere di carattere comico e realistico; per non parlare di Lorenzo de' Medici e dei suoi Canti carnascialeschi che hanno la loro sintesi nella Canzone di Bacco.

     E così una Taberna ridiventa ancora il luogo dove si possono assaporare, in un appuntamento conviviale,i sapori di una cultura culinaria riproposta in forma d'arte e l'arte che diventa colonna sonora di questi appuntamenti.

     Armonie di colori, maschere della storia dell'arte calabrese, come Coviello, rivisitate nelle espressioni cromatiche e nell'animo, sculture che si elevano oltre il desco imbandito per proiezioni oltre il materialismo carnascialesco.

     Pino Miniaci non sa proprio, nelle sue creazioni artistiche, rimanere ancorato soltanto al mondo sensibile, ai godimenti terreni, ma, squarciandone il velo, si libra oltre quell'atmosfera di “festa pagana”, per elevare il suo spirito sempre più in alto.

     E così non avviene soltanto con i racconti che fa sulle tele, colorando di vita e di allegria i personaggi che hanno sempre catturato la fantasia dei bambini, che ne facevano gli eroi delle loro imprese nei tornei in maschera e il mezzo della loro allegria e del loro riscatto sociale. Le sculture, infatti, lievitano leggere e quasi tutte sono proiettate verso il cielo, in un'atmosfera che offre piogge di coriandoli che si ammassano ai loro piedistalli creando cumuli di spensieratezze e immagini gioiose.

     Questa è il clima che Pino Miniaci ha creato per un altro, pur singolare, appuntamento con l'Arte, e questa volta a pancia e a “cannella” piene, in una bohème rovesciata, per “gustare” il carnevale che il Pittore-Scultore di Grimaldi ha preparato senza risparmiarsi.

<< Ciascun apra beln gli orecchi,

di doman nessun si paschi;

oggi siàn, giovani e vecchi,

lieti ognun, femmine e maschi;

ogni tristo pensier caschi:

facciam festa tuttavia.

Chi vuol esser lieto, sia:

di doman non c'è certezza .>>

                                 Febbraio 2019

Salvatore Sciandra

 

2019 Pino Miniaci
Foto di Pino Miniaci rilevata dalla rete

Ma che cosa dite?...Quel sorriso non è morto.
Ci sono alcune verità che non si vogliono accettare, anzi le rifuggiamo come non vere o appartenenti soltanto al sogno, figuriamoci se si tratta poi della morte di un caro amico. E Pino Miniaci, oltre ad essere un marito e un padre esemplare, era davvero un amico. Una persona che in qualsiasi situazione diceva sempre si senza calcoli e senza considerare i disagi eventuali.
Oggi piango non solo la perdita dell'amico, ma anche quello dell'artista che colorava le sue tele e impastava la sua creta soprattutto con l' “umiltà” della sua Arte.
Ho condiviso da sempre ogni sua creatura artistica e le mie schede critiche erano quelle che Pino aspettava sempre con grande curiosità. L'ultima (che faccio seguire a questo ricordo) è stata quella di carnevale per una sua mostra in un locale di Malito, dove sperava di incontrarmi, ma il tempo non ce lo ha concesso e mi accorgo dell'occasione mancata e che davvero “di doman non v'è certezza”.
L'amico fraterno e sincero non lo saluto perchè quel sorriso non è morto, tace soltanto la sua arte, ma io sono uno di quei fortunati che l'ha vista crescere e sostanziarsi godendone tutte le sue meraviglie. Rimarrai sempre tra le certezze più belle di cui ho goduto nella mia vita.

Le opere di Pino Miniaci ad una recente mostra
Una mostra che si è tenuta all'interno del  locale: La Fiaschetteria in Malito ( carnevale in Fiaschetteria)  questi sono alcuni pezzi: in ordine;( Pitture) Maschera, Baccante,  Pulcinella in maschera, Coviello, (Sculture) Giangurgolo, argilla patinata,  e due figure  in ferro battutto in costume.


 

Aggiungi commento

REGOLAMENTO SUI COMMENTI:
1- i commenti sono sottoposti a restrizioni
2- sono consentiti commenti su soggetti e fatti pubblici
3- saranno esclusi commenti e citazioni impropri di persone e ambiti privati
4- saranno escluse citazioni irridenti o non rispettose di commenti altrui
5- saranno esclusi commenti senza rilevanza di tema
6- è ammessa la forma satirica esclusivamente in relazione a contenuti pubblici
7- solo i commenti che la redazione riterrà conformi a quanto sopra saranno pubblicati

In Evidenza


AMANTEA, CALABRIA

 amantea matrice 3
 Amantea
Le 101 cose
 


 Bronzi-di-Riace
Calabria
101 luoghi
151 cose


 Calabria
La Calabria
raccontata con
video storici


 amantea-varette-2008
Amantea
Storia della Pasqua
Testi, video, foto,
commenti, riti, canti
 
 

temesa logo
I Luoghi di Temesa

amantea-venerdi-santo-varette-2013-corteo
Amantea
Diario dei Riti
e Usanze Religiose

amantea-chianura
 Borgochianura.it
Story


 amantea-isca
Amantea3.it
Story
 

amantea-Carnevale-2003
 
Amantea 
Il Carnevale

Testi, video, foto
raccolta di 15 anni

amantea raccolta reti
Marineria di Amantea
Mestieri, usi, costumi 

s-antonio-amantea
Rassegna storica
sulla festività di
Sant'Antonio

yt webiamo
34 video sul canale
YT Webiamo

yt antonio cima
83 video sul canale
YT Antoniocima

amantea fiera 2008
Storia della fiera
Testi, video, foto
raccolta di 10 anni

petilia santa spina
Riti Pasquali

In Calabria


 amantea la ninna natale
Storia del Natale
Testi, video, foto


amantea-anziani
Dialetto Amanteano
500 parole desuete,
o pressochè dimenticate
o sconosciute ai più giovani

amantea chjanura-grotta
Eventi nel Borgo
video, foto, testi

pizzi-cu-ova
Dolci Pasquali

 amantea frittata carnevale
Enogastronomia

collegio-gesuiti
Edifici storici 




© Copyright  "Webiamo.it"  |  E-mail: info@webiamo.it  |  Webmaster: Antonio CIMA